INNO

Oddìo, che strano ribaltamento: adesso è diventato politicamente corretto. Un tempo a sinistra tutti avevano una bandiera (che non era il tricolore) e un canto (che non aveva una patria). Il partito più votato tra i progressisti - non è un paradosso - celebrava «l’Internazionale». Dicono che è grazie a Ciampi, che le parole della marcetta di Novaro e Mameli oggi siano sillabate - più o meno - sia da Pirlo sia da Fassino. Non è detto che sia una fortuna.