Innovazione: stanziati 1,5 milioni

Un nuovo bando di concorso sull’innovazione delle piccole e medie imprese promosso da Comune, Regione e Camera di Commercio. Per il finanziamento del progetto, che conta tra i partner istituzionali Banca Intesa, i tre enti hanno stanziato 1,5 milioni di euro. Carlo Masserolli, il presidente della commissione Bilancio del Comune che si è molto speso per l’iniziativa, insiste sullo spirito selettivo: «Non si tratta di finanziamenti a pioggia ma di riconoscimenti alle eccellenze».
Una prima parte della somma (800mila euro) servirà a finanziare la realizzazione di progetti di innovazione tecnologica, organizzativa e gestionale. Una seconda parte sarà destinata a mettere a disposizione una sorta di «voucher», un buono tecnologia dai 7 ai 20mila euro per incoraggiare la ricerca e lo sviluppo e che saranno spendibili presso i centri di ricerca accreditati nella Regione. La terza servirà a rifinanziare il premio Brambilla, un riconoscimento «storico» nato nel 1842: i vincitori (autori di un’invenzione) avranno a disposizione fino a un massimo di trentamila euro per sostenere l'avvio di una nuova impresa sul territorio milanese.
Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio, concentra l’attenzione sulla capacità delle imprese di essere competitive nella durata: «L’innovazione insieme alla formazione significa competitività diffusa. Nel nostro Paese oggi nascono ogni giorno 1.000 imprese, a Milano 100. Nonostante la mortalità, il saldo è attivo. Ma il problema non è solo la natalità, ma far sì che le piccole imprese restino sul mercato».