Insieme nella vita e in corsa: la 1000 Miglia 2011 alla coppia Mozzi-Biacca

Hanno trionfato su una Aston Martin del 1933. Alla premiazione presente il ministro dell'Istruzione, Gelmini: «Un evento che guarda al futuro con l'Italia protagonista». Il presidente del comitato organizzatore, Casali: «Un'edizione da guinness e un volano per il made in Italy»

Concentrazione, entusiasmo e determinazione: è così che Giordano Mozzi e Stefania Biacca, coppia nella vita e nelle corse, sono riusciti a trionfare nella Mille Miglia 2011 a bordo di una splendida Aston Martin Le Mans del 1933. Undicesimi nell'edizione 2009, quarti nel 2010, hanno finalmente agguantato la vittoria. Un successo costruito prova dopo prova, punto su punto, in una gara al cardiopalma che ha visto il terzetto di testa viaggiare verso Brescia contendendosi ogni chilometro. L'equipaggio mantovano ha vinto di misura su un altro team familiare, quello composto da Bruno e Carlo Ferrari, padre e figlio, in gara con Bugatti Type 37 del 1927. Il gradino più basso del podio è andato agli argentini Claudio Scalise e Daniel Claramunt su Alfa Romeo 6C 1500 GS del 1933.
Alla coppia Mozzi-Biacca va un duplice riconoscimento: la Coppa Mille Miglia, sulla quale sono immortalate tutte le edizioni passate della Freccia Rossa, e il Trofeo Ubi Banco di Brescia, consegnato dal Presidente Franco Polotti durante la premiazione al Teatro Grande di Brescia. «Un'emozione incredibile, ancora non ci rendiamo conto, ma vedendo il teatro così gremito capiamo che è vero» ha commentato Mozzi. «È stata una battaglia ad ogni prova, un testa a testa tra i primi tre posti in classifica, e l'ultima speciale è stata quella decisiva che ci ha portato alla vittoria». Presente alla cerimonia di premiazione il ministro dell'Istruzione Maria Stella Gelmini, che ha definito la Mille Miglia «un evento da record in termini di partecipanti e di pubblico». La corsa, ha detto, «fa rivivere il fascino di queste autovetture d'epoca, in un evento che guarda al futuro rendendo sempre protagonista l'Italia». Soddisfatto per i risultati della manifestazione il Presidente del Comitato Organizzatore della Mille Miglia Alessandro Casali, che intervenendo alla cerimonia ha parlato di «un'edizione da guinness per il numero impressionante di spettatori e appassionati lungo i 1600 km del percorso. E' stata un'emozione autentica constatare il calore degli italiani e dei tanti stranieri giunti appositamente per assistere alla corsa più bella del mondo. Sono sempre più convinto - ha aggiunto Casali - del valore della Mille Miglia come volano straordinario per il turismo, e come strumento di promozione delle eccellenze del made in Italy nel mondo».