Integrazione multietnica a Milano: in Galleria parola agli immigrati

Un educatore multiculturale peruviano, un’affascinante scrittrice serba, due intraprendenti studentesse universitarie (una cinese e una tedesco-siriana), un giovane conduttore di tram di origine maghrebina e Idris, il conduttore e opinionista sportivo di origine africana che non ha bisogno di presentazioni. Sono stranieri che vivono e lavorano in Italia e che si sono perfettamente integrati nel nostro Paese. Racconteranno le loro storie e loro impressioni di immigrati, le luci e ombre di una città come Milano sempre più multietnica e globale. L’incontro, dal titolo «Integrazione multietnica a Milano», è organizzato da Atm e si svolgerà domani mattina alle 11.30 nell’ambito degli appuntamenti di Milano Ottagono in Galleria Vittorio Emanuele. Moderatori del dibattito Marina Gersony e David Parenzo. Sempre in questi giorni prosegue la mostra «I volti di una nuova Milano» dei fotografi Alex Majoli (Magnum Photos) e Lorenzo Pesce (Contrasto), che racconta storie comuni di immigrazione e integrazione. Voluta sempre da Atm con il patrocinio del Comune e della Regione, la rassegna propone un mondo di immagini per capire e conoscere il tema dell’integrazione: dai fenomeni di razzismo alla città multietnica che diventa una «città da costruire». La mostra fa parte di «Migrart», un progetto sul tema dell’integrazione multietnica che inizia dalla ricerca universitaria condotta dalla Fondazione Iulm. È visitabile alla Rotonda della Besana ogni giorno dalle 10 alle 21 fino al 23 novembre. L’ingresso è gratuito. (www.migrart.it).