Inter, Leonardo chiama Kakà Ranocchia nerazzurro dal 29

Rafa Benitez è già il passato. Comincia l'avventura del brasiliano con un'indiscrezione che fa sognare: Ricardo Kakà all'Inter. Intanto arriva Ranocchia dal Genoa

Milano - Comincia l'era Leonardo: nuovi obiettivi, nuovo staff e forse anche un colpo da capogiro: Kakà nerazzurro.

Staff Il brasiliano oggi capirà con quale staff tecnico potrà lavorare: al Milan usava due consulenti (uno, Angelo Castellazzi potrebbe raggiungerlo) che studiavano gli avversari. Intanto la prima novità sarà il rientro nello staff dirigenziale di Oriali, su precisa richiesta di Leonardo.

Fantasia Il primo passo è recuperare gli ormai ex infortunati Maicon, Milito, Julio Cesar e Sneijder. La preparazione con più palla e meno palestra potrebbe favorire l'idea di gioco che l'allenatore brasiliano ha proposto a tratti l'anno scorso al Milan: vuole che la squadra abbia il controllo del pallone, che «"ci pensino gli altri a rincorrerci e a togliercelo". L'ispirazione si chiama Tele Santana, il ct della Selecao dall'1982 al 1986: nessuna vittoria ma tanto spettacolo. Vedremo se i tifosi nerazzurri gradiranno.

Mercato Arriva Ranocchia da Genoa: dal 29 dicembre si allenerà con l’Inter grazie al nullaosta fornito al difensore centrale dalla squadra ligure. Il vero obiettivo (a luglio) per il reparto arretrato rimane comunque il romanista Juan. Moratti sta pensando ad un rinforzo anche per l’attacco e potrebbe tornare d’attualità l’interessamento per Luis Fabiano, soprattutto se il bomber ha anche il passaporto spagnolo.

Sgarbo Ma a tenere banco e a eccitare gli animi dei tifosi è la voce che sirincorre in queste ore: l'interessamento di Moratti per il fenomeno del Real Madrid Riccardo Kakà. Dopo l'ex allenatore i nerazzurri potrebbero ingaggiare anche l'ex idolo dei cugini milanisti. Un affronto enorme. Che l'ipotesi sia più che una semplice voce nasce dalla consapevolezza del rapporto tra i due brasiliani: fu Leonardo, allora dirigente rossonero, a portare Kakà al Milan. Ora potrebbe consigliargli una nuova meta.