Dopo le intercettazioni indagano due Procure

Le utenze telefoniche di Fiorani sono controllate dalla Guardia di finanza su ordine della Procura di Milano. Il colloquio con Fazio viene intercettato e pubblicato per la prima volta dal «Giornale». Il governatore è indagato a Roma per abuso d’ufficio e a Milano per insider trading. Il ministro dell’Economia Domenico Siniscalco gli imputa la perdita di credibilità dell’Italia davanti al Consiglio dei ministri e al Comitato per il credito e il risparmio.