Internet Codacons a caccia di vittime da polveri

Non contenti dei tre avvisi di garanzia appena recapitati in Lombardia, i rappresentanti del Codacons annunciano battaglia anche in altre regioni. E lanciano una raccolta di firme da gennaio rivolta a tutti i cittadini «che si sentono danneggiati per inquinamento».
La denuncia dei danni da smog porterà all’apertura di altre indagini nelle altre 12 grandi città italiane in cui i livelli di polveri sottili e ozono sono alle stelle, al di sopra dei limiti di guardia. «Tutti i cittadini - si legge in una nota diffusa dal Codacons - che si considerano danneggiati dall’inquinamento potranno manifestare sul web la propria volontà di aderire alla futura azione legale del Codacons».