La rivoluzione francese a casa nostra

Una donna, la Merkel, guida l'Europa, una donna, Marine Le Pen, guida l'AntiEuropa

La Rivoluzione francese. Una donna guida l'Europa, una donna guida l'AntiEuropa. Sull'intesa franco-tedesca sorse l'Unione europea, sul conflitto tra la Francia di Marine Le Pen e la Germania di Angela Merkel rischia di franare l'asse carolingio. Hollande ha un'insospettata capacità di attirare le donne, ma lo stesso non gli succede coi consensi. La lezione di Marine insegna quattro cose. La prima, se è vero come dice Draghi, che chiunque vinca le elezioni poi governa il pilota automatico, il populismo è la richiesta di riprendere il volante, con uomini alla guida e popoli sovrani.

La seconda, si allarga lo scollamento tra l'Europa mediterranea e l'Europa nordica, la Francia capeggia l'ondata e paradossalmente l'unico collante col nord-Europa è il nazional-populismo anti-unione.

La terza, il bipolarismo in Europa sta franando, cresce il Terzo Incomodo e mostra il fallimento dei primi due e la loro omologazione. La quarta, dal dilemma non si esce se non s'include nella partita delle alleanze il Front national. In Italia, in questi anni, è stato Berlusconi a far da ponte tra radicali e moderati. A tradurre il Fn dal francese abbiamo ora in Italia tre interpreti, uno più grosso ma più estraneo, Grillo, l'altro più omogeneo ma antinazionale, Salvini, la terza, più debole ma più affine, la Meloni, una Le Pen bonsai. Per riprodurre l'effetto da noi, lo sbarco della Marine in Italia, ci vuole la Grande Rabbia popolare, un leader vigoroso e l'orgoglio di una tradizione alle spalle. Noi siamo a metà ingredienti...

Commenti
Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Mer, 26/03/2014 - 15:56

Bella l’idea che due donne: Angela Merkel e Marine Le Pen stiano guidando l’Europa e l’Antieuropa, rispettivamente. Speriamo che non si decida di far guidare a Francesca Pascale la non-si-sa-cosa-Europa.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 26/03/2014 - 18:48

Se solo fosse vero che le donne hanno i pantaloni io so che mia moglie, tanto per dirne una, dopo il Nos. matrimonio e visto che mi sono ingrassato ha pensato bene di trasformare i miei pantaloni da sposo in una gonna. Ha quanto mi sono "scocciato" eppure ho lasciato correre perché da questo piccolo gesto ho compreso che se volevo arrivare lontano dovevo lasciare alla mia metà l'onore delle armi; in fondo, pensavo, l'abito non fa il monaco (scusate la frase fatta ma ci voleva). Sahlom a Voi

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mer, 26/03/2014 - 19:45

Dottor Veneziani, la Meloni-Le Pen bonsai è geniale.

Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Mer, 26/03/2014 - 19:50

Ci vuole la Le Pen che scende e sponsorizza la Meloni a più riprese.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 26/03/2014 - 20:16

E' verissimo caro Dtt. veneziani se solo fosse vero non importa se un Primo Ministro porta la gonna o i pantaloni ma, se posso dire la mia onestamente, conta che il Primo Ministro abbia veramente i Poteri per cambiare le cose e non come da noi che è solo una Figura che conta quanto il due di coppe o di spada. Shalom

Nadia Vouch

Gio, 27/03/2014 - 07:55

Ed ancora, come accadde per la Rivoluzione Francese, stiamo a chiederci i "perché" di un tipo di governo: ognuno darà le proprie valutazioni. Il problema però resta: siamo bloccati sul "come". Nel senso che i motivi sono noti, ma ignoti sono gli esiti futuri, in quanto vaghe sono le soluzioni.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 27/03/2014 - 10:26

La "seconda" rivoluzione Francese,come ho gia scritto,su questo Giornale,è prossima,e porterà effetti in tutta Europa.

idleproc

Gio, 27/03/2014 - 11:29

Una cosa sta cadendo, la "divisione" artificiosa tra italiani tenuta in piedi dalla propaganda. La partita sta tutta nella comprensione che un popolo intero deve difendersi per venirne fuori. Per troppo tempo è stata inculcata la visione servile nel nostro popolo che nei fatti è sempre stato costretto ad arrangiarsi individualmente e diviso. Ci hanno sempre contato anche fuori dall'Italia. L'appecoronamento è una malattia psicosomatica, se ne esce facilmente se si vuole.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Gio, 27/03/2014 - 12:06

Bravo Marcello; ma non sottovalutiamo altre donne, tra cui quelle venute a spalancarci le porte Sceem notte tempo, così determinata a a fare tabula rasa di Ilio che la vedo molto difficile il liberarcene senza subire ulteriori ritorsioni invasive. Riporto dai Proverbi della Bibbia: Proverbi: Capitolo 5 …Stillano miele le labbra di una straniera e più viscida dell'olio è la sua bocca; [4]ma ciò che segue è amaro come assenzio, pungente come spada a doppio taglio. [5]I suoi piedi scendono verso la morte, i suoi passi conducono agli inferi. [6]Per timore che tu guardi al sentiero della vita, le sue vie volgono qua e là; essa non se ne cura. [7]Ora, figlio mio, ascoltami e non allontanarti dalle parole della mia bocca. [8]Tieni lontano da lei il tuo cammino e non avvicinarti alla porta della sua casa...

Scuzzino

Gio, 27/03/2014 - 13:51

Concordo sulle qualità politiche della Meloni Le Pen Bonsai il suo grosso handicap è che è troppo "burina" dovrebbe fare un corso di dizione

AlbertMissinger

Gio, 27/03/2014 - 14:28

Come dice Draghi, che chiunque vinca le elezioni poi governa il pilota automatico, vale solo fintantoché le varie Costituzioni Nazionali impediranno i referendum in materia di Leggi Tributarie, di Bilancio e di ratifica dei Trattati Internazionali (per l'Italia è l'art. 75 della Costituzione a sancire il divieto). E' questo divieto posto nelle varie Costituzioni che esautora di fatto i cittadini dalle decisioni fondamentali e ponendoli in condizione di sudditanza, nella migliore tradizione assolutistica di Stampo Illuministico.

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 27/03/2014 - 15:24

La Meloni mi e' parsa piu' timida di Salvini nell'appoggiar Marine, io caro Veneziani ho molte riserve sui nipotini dei destricoli italici..hanno la testa riempita di nani nordici, destra "moderna"..moderatismo..insomma lo stesso morbo dei padri traditori..e poi c'e anche Alemanno..quello che ha avuto paura di fare cose di destra al comune..la Meloni e' onesta e capace ma non dimentichiamo che ha tutori il furbone la Russa..e Crossetto(che tanto di destra non mi pare..)

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 27/03/2014 - 15:31

@Michele Lamacchia - Molto significativa la sua citazione, ma il problema è che la donna straniera non solo si è avvicinata alla porta, ma l'ha sfondata e la fa da padrona in casa nostra. @AlbertMissinger - Lei ha individuato il problema fondamentale,che anch'io ho qualche volta indicato.Ma si può ipotizzare un cambiamento nella Costituzione con l'attuale classe politica? E sarebbe ormai anche inutile, visto che la nostra sovranità nazionale e monetaria è stata ceduta ad altri.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 27/03/2014 - 15:40

Ma voi ve l'immaginate la Meloni che si oppone al Bilderberg,alla Trilateral Commission, all'Aspen Institute?E come lei tutti gli altri?Ormai i banchieri si sono sostituiti di fatto ai politici, agiscono mediante uomini fantoccio che essi nominano e manovrano.E i banchieri non sono eletti da nessuno e nessuno li controlla.E noi stiamo ancora qui ad accapigliarci tra destra, sinistra, democrazia ecc.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Gio, 27/03/2014 - 16:12

Carissimi "Colleghi di penna" se posso dire la mia sarebbe auspicabile che un uomo possa avere due donne per spose; come l'aveva il caro Giacobbe Nos. santo Patriarca. Certo anche Abramo non ha scherzato ma ciò è stata la volontà della sua sposa Sara; ha dato il suo imprimatur al sodalizio con Agar la schiava non conoscendo le umiliazioni che avrebbe avuto in seguito. Oggi, con il Matrimonio Cristiano ci si sposa con una donna sola ed è bene per due o tre motivi ma il quarto è quello decisivo; è meglio farsi umiliare da una donna che da dieci donne e quaranta figli. Io non ho visto mai né la Meloni n* la Le Pen e nemmeno la Angelona Nostra attorniata da figli; che abbiano ereditato la malattia delle Nos. verginelle e provano piacere solo a comandare? Shalom