Il disordine prima della tempesta

Renzi e Berlusconi lavorano alle riforme per frenare l'anarchia del Parlamento

Entropia e disordine, ecco le parole chiave del sistema politico italiano. Nel corso degli anni in Italia il potere statale si è andato via via frammentando in potentati quasi autonomi. Il processo è incominciato nel 1969 col movimento sindacale (l'autunno caldo) che ha imposto lo statuto dei lavoratori, la fine delle gabbie salariali e la concertazione obbligatoria. Un secondo indebolimento si è avuto nel 1993, quando sono stati distrutti per via giudiziaria i partiti storici tradizionali: la Democrazia cristiana, il Partito Socialista, quello Socialdemocratico, quello Liberale e quello Repubblicano. Il vuoto è stato riempito dal movimento di Forza Italia di Berlusconi. Il terzo indebolimento è prodotto dall'aumento del potere della magistratura, che ha processato l'intera classe politica e ormai interviene su ogni cosa. Il quarto indebolimento è dovuto all'enorme rafforzamento dei poteri locali dopo la modifica del titolo V della Costituzione (2001).

Poi è incominciata l'anarchia parlamentare, con il Movimento Cinque Stelle, che osteggia qualsiasi iniziativa, e la condanna di Berlusconi, che ha rotto il Pdl e indebolito Forza Italia. Il nostro Parlamento oggi è un coacervo nevrotico in cui tutti lottano contro tutti e prendono una decisione solo col voto di fiducia perché hanno paura di andare a casa senza sapere se verranno rieletti. Entropia e disordine, ecco le caratteristiche fondamentali del nostro sistema politico. A cui corrisponde, sul piano umano dei politici e dei magistrati, l'irresponsabilità, la facoltà di agire senza tener conto delle conseguenze delle tue decisioni sulla vita degli altri.

Ora la fisica e la sociologia ci insegnano che quando l'entropia supera una certa soglia, il sistema si decompone e viene ricostruito diverso e più stabile. Di certo sono già al lavoro forze che operano in questa direzione: Grillo, con un partito di miliziani che distrugge tutto e instaura una dittatura personale. Renzi, (e Berlusconi?) con un ardito piano di riforme volto ad eliminare l'anarchia parlamentare e quella amministrativa, a riordinare il potere giudiziario e a creare un potere esecutivo capace di prendere decisioni rapide ed efficienti.

Commenti

AlbertMissinger

Lun, 31/03/2014 - 15:41

"il sistema si decompone e viene ricostruito diverso e più stabile...." Speriamo che "il più stabile" non sia un Senato depotenziato e composto dalla casta non elettiva; speriamo non sia la prosecuzione rafforzata dell'attuale Stato di Polizia Tributaria; speriamo non sia il consolidamento di un modello Governativo di tipo Monarchico; speriamo non sia una dittatura dei Burocrati Tecnocratici che governano sull'uomo e il Suo necessario lavoro, in nome del Dio del III° Millenio: il Dio PIL.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Lun, 31/03/2014 - 20:24

Il disordine è ormai l' humus essenziale per le orde di barbari intraprendenti che saccheggiano lo Stato, accaparrandosi le funzioni di comando – senza saper governare – e la succosa redditività fatta propria. Senza il disordine questi invasori troverebbero un ambiente abiotico. Ecco perchè lottano e si battono, senza esclusione di colpi, e sena vergogna, esondando sfacciatamente da ogni limiti di diritto e di decenza, per sabotare ogni tentativo di riforma che riorganizzi su altre basi il vivere civile. In genere sono puttani, markettari, incapaci, ladri o ex ladri col vizio incorporato, nullità con l' ansia da prestazione. E il popolo? Una pura e semplice espressione di computo, senz' anima, senza nerbo, lamentoso, fatalista e...giustamente terrorizzato dagli abusi della parte violenta della legge.

nino47

Mar, 01/04/2014 - 08:00

" quando l'entropia supera una certa soglia, il sistema si decompone e viene ricostruito diverso e più stabile"...e allora viva l'entropia!!!

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Mar, 01/04/2014 - 08:54

terzo tentativo di invio. Il disordine è ormai l' humus essenziale per le orde di barbari intraprendenti che saccheggiano lo Stato, accaparrandosi le funzioni di comando – senza saper governare – e la succosa redditività fatta propria. Senza il disordine questi invasori troverebbero un ambiente abiotico. Ecco perchè lottano e si battono, senza esclusione di colpi, e sena vergogna, esondando sfacciatamente da ogni limiti di diritto e di decenza, per sabotare ogni tentativo di riforma che riorganizzi su altre basi il vivere civile. In genere sono puttani, markettari, incapaci, ladri o ex ladri col vizio incorporato, nullità con l' ansia da prestazione. E il popolo? Una pura e semplice espressione di computo, senz' anima, senza nerbo, lamentoso, fatalista e...giustamente terrorizzato dagli abusi della parte violenta della legge.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 01/04/2014 - 11:29

Caro Dott. Alberoni se fosse stato più attento avrebbe visto in un piccolo segno non tanto l'entropia ma l'anarchia veleggiare per il nostro bel Paese. La prova provata è quella mostrata dai Sindaci su una Disposizione Ministeriale; precisamente una Direttiva del Ministero dei Trasporti che abolisce le multe per coloro che superano la soglia di parcheggio sulle strisce blu. Molti Sindaci ed Amministrazioni comunali si sono opposte per il fatto che loro devono ripianare i Bilanci. Se questo è la punta dell'Iceberg immagini quello che c'è sotto e vedrà che il Titanic che tutti dichiarano indistruttibile colerà a picco; Profeta o no questa è la Realtà e se non si Riforma il Titolo V della Costituzione saranno dolori e macerie. Shalom P.S. Una soluzione potrà essere soltanto un Generale forte che bastoni tutti ma proprio tutti e rimetta in ordine questo Stato colabrodo squarciato da continua agitazione di parole.

Ritratto di brigante_garganico

brigante_garganico

Mar, 01/04/2014 - 12:06

Come mi spiegò una volta, una trentina di anni fa il Prof. Zichichi, "l'entropia è la misura del disordine". Oggi - e con altri articoli come questo- il Prof. Alberoni ce lo conferma. Però, dopo l'entropia ed il sordine non c'è soltanto "la tempesta" ma "la stasi": la "morte" per consunzione, per "decomposizione". Anche nei sistemi politici. La DIAGNOSI fattaci dal Professore è al tempo stesso impietosa ("il medico pietoso fa la piaga verminosa") e veritiera. Manca però una TERAPIA. Il sistema "diverso" che verrebbe "ricostruito" dopo la decomposizione non è detto che dovrebbe risultare "più stabile" e migliore. Potrebbe essere "più stabile", ma PEGGIORE: una dittatura più o meno militarizzata. SOTTO SOTTO NON C' E' ALTRO CHE IL massonico (e satanico) "SOLVE ET COAGULA"!!! Per dare una TERAPIA al "sistema I-taglia" bisogna passare dall' ENTROPIA (= decomposizione) alla SINTROPIA (secondo Fantappiè = composizione) Sono UNO DEI POCHI IN ITALIA E NEL MONDO IN GRADO DI FORMULARE UNA TERAPIA "SINTROPICA"! Dicitancill' a qillo fimminaro di Berlusconi!! "Troppe belle guaglione", berciavano i nostri Vecchi, "consumano 'e cervella!" Insomma, ci può essere ENTROPIA anche nell' Eros!

Ritratto di brigante_garganico

brigante_garganico

Mar, 01/04/2014 - 19:35

Il Prof. Alberoni fa una "lucida" DIAGNOSI... Priva, però, di ANAMNESI, PROGNOSI e TERAPIA.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 02/04/2014 - 17:22

Carissimo Garganico dato che sono passato decine di volte da quelle parti per andare a trovare San Pio ed ancor prima p. Pio da Pietrelcina, ho fatto diverse capatine in quel di Monte Sant'Angelo. Credo fermamente che l'ultima visita fatta in quella Grotta sacra, avvenuta nel settembre dell'anno 2004, sembra ieri, di aver avuto la prova che SAn Michele Arcangelo è il difensore della Santa Chiesa e dei singoli Cristiani; ne sono certo. Sul fatto che la Res Pubblicae sia nel caos direi che tutta l'Europa è nel caos, voluto premetto, per stabilire un ordine del denaro su tutte le Genti e questo lo facciamo subito a capire. Purtroppo in Italia ci dibattiamo ancora su Berlusconi si Berlusconi no che, non è tanto sulla persona in se ma su quello che per la sinistra rappresenta; un ostacolo alla loro egemonia che vorrebbe in tutto. L'unico mio cruccio è che Berlusconi sia stato troppo condiscendente con persone che non hanno fatto altro che i loro comodi sfruttando i suoi voti solo per scopi personali ma ecco i fatti. Berlusconi ed il Popolo ha fatto fuori personaggi della sinistra che sembravano destinati a chi sa quali opere; Occhetto, Veltroni, D'Alema, Prodi, Visco, Mussi, Bertinotti non ultimo Bersani; sono finiti Follini, Casini, Monti e Fini con i vari altisonanti Bocchini e Compagnia di bandiera. Scusate se ne ho dimenticato qualcuno ma non era mia intenzione; il fatto è che sono così tanti che mi dimentico persino del Margheritino, mi sfugge il nome; questi hanno, almeno taluni,, il solo pensiero di "far fuori" Berlusconi. Non Vi basta per dire quali sono le cause del caos Italiano; tutti a caccia di Berlusconi e non riuscendovi aumenta la rabbia ed il livore proprio adesso che il Renzi Nazionale si mette insieme per fare le riforme nientepopodimeno che con il "giaguaro". Che altre prove volete per avere un po' di ordine? Mettetevi tutti in fila e giocate a schiaffo del soldato con Renzi; chissà che lui non si diverta insieme a Voi ed a loro? Shalom

Ritratto di brigante_garganico

brigante_garganico

Gio, 03/04/2014 - 00:16

Caro Adriano, sono di origini garganiche ma vivo da 40 anni a Bolzano. Ed anche di origini “brigantesche”:ho la quasi certezza di avere fra i miei avi (in linea paterna) almeno 1 “brigante” (Matteo Mascolo, fucilato a Torremaggiore/Fg il 13 marzo 1862). Su FB mi trovi come “Salvatore Totò Santamaria”. Su FB le sparo un po’ grosse contro i politici, ma sono in grado di discutere “scientificamente” di politica, nel solco delle idee Prof. Alberoni. Quando ero ragazzo, al mio paese (San Severo) partecipai ad una campagna elettorale dell’On. DC Carcaterra il quale, all'occasione, non mancava di denunciare il fatto che «La politica -la repubblica- è truccata dai comunisti che non vogliono leggi che inquadrino le attività dei partiti e dei sindacati...» Ed ecco che viene fuori il pappa-grillo che fonda un “NON PARTITO” con un “NON STATUTO” e di cui non si sa DOVE SIA LA SEDE CENTRALE e quali SIANO GLI “ORGANI” ISTITUZIONALI . Al M5S si aggiungono tutti quei partiti “ad personam” che sono più o meno nelle stesse condizioni (i “capi” -Berlusconi, Alfano, Monti, ecc.- ovviamente ci sono, ma i “consigli direttivi”, i “presidenti”, i “revisori dei conti” invece no; partiti di funzionari “nominati” e che non fanno CONGRESSI... L’Art. 49 recita: «Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in PARTITI per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale»... Non dice “FORZE”, “MOVIMENTI”, “LEGHE”, ecc.. E non è stato definito in più di 60 anni di repubblica il «metodo democratico». Poi c'è il “Titolo 5” riformato a cazzo di cane dai soliti komunisti! Rileggendo attentamente la COSTITUZIONE è possibile rilevare diecine e diecine di cause, controsensi, manchevolezze, giochi di parole come questo: «La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione». E quali sono queste FORME e questi LIMITI ? La COSTITUZIONE e nessuna altra legge li stabilisce... . Per l’ ANAMNESI mi fermo qui. La PROGNOSI è infausta: la “malata” ITALIA prima o poi è destinata a crepare (lo dice anche il Prof. Alberoni), mancando un’efficace “TERAPIA”. Per la quale rimando ad un mio prossimo commento