Il giro del mondo in ottanta euro

C'è una signorina alla quale gli ottanta euro al mese promessi da Renzi hanno dato alla testa

C'è una signorina alla quale gli ottanta euro al mese promessi da Renzi hanno dato alla testa. Sarà una pura coincidenza ma da più di un mese appena sbircio un tg mi appare tale Pina Picierno, parlamentare del Pd ed euro-candidata, che ripete ossessivamente una cosa: gli altri chiacchierano mentre noi diamo ottanta euro.

In ogni tg che mi capita di vedere c'è sempre lei che esprime come un mantra il suo Concetto: Ottanta euro. Ho detto tutto, come diceva Totò. Suggerisco alla Signorina Pina di non parlare più ma di far segno aprendo una mano e l'altra con tre dita, così raggiunge pure il target dei non udenti. O mostri direttamente le banconote. Tanto il concetto è chiaro, non ha bisogno di spiegazioni. Fatti non parole, come dice lei.

Il suo ideale è cash. A volte la Signorina Pina si spinge a spiegare come la vita cambierà con 80 euro e restò famosa la sua dimostrazione con gli scontrini che si può far la spesa per due settimane con 80 euro giusti. Da allora la gente rincuorata accende mutui per la casa e ceri alla Madonna, fa figli e va in vacanza. Il giro del mondo in ottanta euro. E se ironizzi sugli 80 euro lei ti accusa di guadagnare come un porco.

Tramandano i biografi che Pina Ottanta è nata ovviamente negli anni '80, è esperta di marketing e si è laureata con una tesi sul linguaggio cirilliaco di De Mita. Poi gli 80 euro l'hanno folgorata e da allora ha preso i voti della Conad. Dopo le elezioni dovrà curarsi tipo metadone: prima una dose da 40 poi da 20 euro e infine guarirà dall'eurodipendenza. 80 fede.

Commenti

peppe1944

Mer, 21/05/2014 - 16:24

Ohhhhhhh Marcellino finalmente ne hai scritta una giusta!!!!! Finalmente posso avere il piacere di concordare con te ed augurarti una buona serata a 5 Stelle, ma davvero, sincera... La Picierno è FA_VO_LO_SA... Una desertificatrice di consensi cosi non si vedeva da anni... Chi l'ha messa lì è un vero genio della comunicazione... Vedi Marcellino che alla fine io non ti sono avverso a prescindere? Quando scrivi boiate te lo faccio notare ma stasera sei davvvero brillante.. BRAVO!!!!

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 21/05/2014 - 16:28

Per la precisione, chi diceva "Due parole...ho detto tutto" non era Totò, ma Peppino De Filippo. Al quale Totò rispondeva "Ma cosa dici tu, con due parole ho detto tutto, che non dici mai niente...". Giusto per correttezza storica. Per il resto, concordo in pieno. Ormai la storielle degli 80 euro è un mantra che vale in ogni occasione. E' tutto quello che da tempo sentiamo ripetere da Picierno, da Serracchiani, da Moretti, da Bonafè, da Boschi e da tutte le ancelle renziane che spopolano in TV a tutte le ore e su tutti i canali. Il dramma è che c'è gente che crede a questi pifferai...

vilo55

Mer, 21/05/2014 - 16:41

Ill.mo Dott Veneziani , ma che razza di articoli scrive? Ma si rende conto che ,continuando a criticare gli 80 euro, non fa altro che offendere le migliaia di persone che hanno veramente bisogno di questi soldi che per loro possono essere la differenza tra una povertà dignitosa e l'indigenza. Critica la Picerno che sbandiera lo scontrino con la spesa per 2 settimane ( sicuramente non avrà fatto la spesa dove abitualmente si reca lei o la sua famiglia ) e le assicuro che si può fare ( senza ostriche , caviale ed altre leccornie alle quali lei è abituato ) una spesa decente, per alimentarsi .Perchè non critica chi per 20 anni ci ha propinato in tutti i modi ( TV visto che ne possiede 3 personali e 2 della RAI e giornali -quotidiani ,dove lei scrive, settimanali di ogni tipo) della persecuzione della magistratura ( solo per memoria le faccio presente l'articolo sui calzini celesti del giudice Misiano ;lo ricorda?) Comunque criticare ,solo per il gusto di farlo o per compiacere ancora di più il fratello del suo editore non è il massimo del giornalismo ( e lei ne è l'esempio )bisognerebbe essere più obbiettivi .Buon lavoro

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Mer, 21/05/2014 - 17:10

Ci fu uno, poi passato alla storia come “porco-ladro”, che con meno della metà degli ottanta, un po' meno di un terzo, già se ne andò di testa e combinò una storica bischerata. Considerato il continuo fenomeno inflattivo, mi pare che gli ottanta famosi, prima di diventare famigerati, abbiano una qualche legittimità a faire tourner la tête all' incaricata del proclama con incisione di sorriso buono e spremuto a freddo. Poco importa se il nome evoca la consorte fantozziana che tanto sorriso ci strappò vedendosela col grande Ugo, ragioniere, ed un paragone svantaggioso con la Picerno, pardon, con l'aggiunta dell i in mezzo, a scanso di equivoci. Spesata di tutto, per due settimane e mezzo. Melius abundare quam deficere. Giuda fece trenta, la smile 4 stagioni fa trentuno. Ambo audace. Per la ruota fate voi.

Pelican 49

Mer, 21/05/2014 - 17:20

Certo che da una che si laurea con una tesi sul linguaggio politico di Ciriaco De Mita c'è da aspettarsi di tutto ... ma la cosa più curiosa è che solo in paese da barzelletta come il nostro ci si può laureare ... sul nulla! Pensate a quando la neoparlamentare europea, incassato il primo stipendiuccio di soli 18.000 Euro, accenderà la calcolatrice e farà una divisione per 80: resterà allibita per il numero di persone cui sottrarrà la "spesa quindicinale": ben 225!!

Pelican 49

Mer, 21/05/2014 - 17:25

x "vilo55": lei è la dimostrazione che viviamo in un Paese di stupidi, sempre pronti a bere le stronzate raccontate dai compagni, ... sempre in attesa del "sol dell'avvenir".

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Mer, 21/05/2014 - 17:34

Inutile la Picierno inutile l'articolo, caro Veneziani non trovi altri argomenti per riempire uno spazietto cosi' limitato?

ro.di.mento

Mer, 21/05/2014 - 17:44

vilo55: lei non ha capito niente !!! non si criticano gli 80 € ma coloro che li glorificano ad ogni piè sospinto. ma poi, lei pensa che chi guadagna 8.000 € l'anno stia come chi ne guadagna 26.000 ? e quelli - denominati incapienti (mi fa venire in mente "incontinenti") - perchè non prendono niente visto che ne prendono MENO di 8.000 ? ma che giustizia sociale è ? a parte che B non ha governato 20 anni le pensioni sono aumentate solo con B ! o già se lo è dimenticato, come accade al 50% degli italiani, che perdono la memoria ?

vilo55

Mer, 21/05/2014 - 18:22

ro.di.mento-Ma di cosa parla ..... io non ho detto che il vs. sig.B ha governato per 20 anni ( prima di parlare cerchi di capire quello che legge ) , ho detto semplicemente che il sig.B da oltre 20 anni( non può negare che è sulla scena politica da oltre 20 anni ), seguito dai SUOI GIORNALI e dalle SUE TELEVISIONI ci inonda con le solite tiritere . Per quanto riguarda gli 80 Euro , viste le disponibilità di cassa,il Governo doveva fare una scelta , ha optato per darli a coloro percepiscono fino a 26 mila Euro , certo era meglio darli a tutti;non mi sembra che sia il caso di criticare anche quando si f qualche cosa di positivo. Le pensioni ,a spettiamo che il sig. B porti le minime a 2000 euro , che dia le dentiere a tutti ed i veterinari gratis , tanto ci siamo abituati alle sue promesse da marinaio......

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Mer, 21/05/2014 - 18:42

Patchonki- nessuno ti ha detto che non si beve la florescina. Peccato, ora si evidenzia la tua immensa intelligenza,anche il leggero flusso ematico che alimenta la monocellula.

titina

Mer, 21/05/2014 - 18:51

pd e pdl, ( partiti e giornalisti), non capite una cosa molto semplice: se parlate male l'uno dell'altro fate un favore a Grillo che avrà più voti, se pensate a fare le riforme necessarie ( soprattutto per il lavoro e tagli necessari) vincerete un domani perchè ognuno poi voterà il proprio partito. Farvi la guerra è disatroso per voi e gli altri partiti se ne avvantaggeranno.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 21/05/2014 - 21:23

Sapete cari "Scrittori" che ultimamente al mio nipote più grande iniziamo a dare qualche euro quando fa delle cose buone, almeno Noi crediamo siano buone ma occorre vedere quali erano le intenzioni di quelle azioni; anch'io ho ricevuto gli ottanta euro ma ho scritto ai Sindacati della mia ex Provincia, che si laqmentavano per il fatto che sono cinque anni che non abbiamo il contratto, di rinunciare al 5% del Nos Stipendio così che loStato risparmi circa due miliardi secchi senza fiatare; attendo risposta ma forse manderanno una cartolina di precetto o per il manicomio o per la Siberia dao che sono di sinistra tutti o quasi tutti. Vi auguro di aver sorriso di questa mia ma è la verità; io non mi nascondo come faceva Adamo nell'Eden ma cerco di essere sempre me stesso; speriamo bene. Shalom

mp37

Mer, 21/05/2014 - 23:57

Giusto ieri mi è arrivata una multa automobilistica di 80 euro più le spese. Se mi arrivassero gli 80 euro di Matteo Ottantaeuro potrei con quelli pagare la multa ma non le spese. Ma non sono fra i prescelti.

nino47

Gio, 22/05/2014 - 07:53

...gia'! Gli opttanta euro del pd salveranno il mondo. La "carta di solidarieta'" di Berlusconi, che anni fa arrivo' solo a 50 fu giudicata semplicemente (dalla sinistra s'intende) un'indegna elemosina!!vedi tu cosa ti fanno 3 punti in piu' di pil.....

gigggi

Gio, 22/05/2014 - 08:50

Va bene...anzi va male...e vi faccio una proposta dall'alto dei miei 72 inverni...: premesso che la picierno è una gallinella imbevuta (???) e che dal 1962 ho sulle spalle 52 anni di voto...nessuno e ridico nessuno ha tradotto in pratica le promesse fatte.Le balle raccontate da pcipsiplipridcpsdifipdncdsel si sono rivelate nella situazione che viviamo oggi: gente come renzi 145 mila euro di reddito ( ma come puo' capire chi ne ha 8 o 15 o 20 o 40 mila)gente come berlusconi che è meglio non toccare ...e gente come la picierno e grillo altro milionario sbraitante promesse e processi.Sono tutti CONTABALLE e, se l'ideologia e la militanza vi fa perdere l'equilibrio...mi dispiace per voi(compreso l'autore dell'articolo che a reddito deve stare benino)...vi dovete ancora svegliare!

Nadia Vouch

Gio, 22/05/2014 - 11:41

A mio parere è relativo ragionare in termini assoluti su una x cifra: in questo caso su ottanta euro. Infatti, non abbiamo più in Italia dei parametri rispetto ai quali fare dei confronti di prezzi che siano calcolabili secondo i parametri di un tempo. Per esempio, un caffé può costare al bar dai 75 centesimi a due euro. Una puntata da un parrucchiere mi va dai venti o trenta euro ai 150 o 200, per una tintura: poi è ovvio che dipende a quale risultato finale si auspichi. Ma, stiamo anche assistendo ad una diatriba in una scuola perché da 4 euro, chi vuole il dolce, deve aggiungere 40 centesimi, che sono obiettivamente un'inezia. Anche perché nessuno rinuncia a telefonini e cose così, ma se si tratta di pochi centesimi per un dolcetto, apriti cielo! Io sostengo che oggi, in italia, sia assai arduo stabilire un reale calmiere dei prezzi. Di conseguenza, 80 euro potrebbero essere, a parità di reddito, molti per taluni e poco o nulla per altri. Da ciò, l'iniquità di questo "provvedimento", che ritengo puramente frutto di propaganda pre-elettorale. La saluto caramente.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Gio, 22/05/2014 - 11:53

Picierno di sopra o Picierno di sotto?

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 22/05/2014 - 12:02

@Patchonki- Ogni cosa, se guardata a lungo, diventa interessante, a meno che non si sia 'non vedenti',vede come sono 'politicamente corretta'? Mi sono adeguata al linguaggio preferito dai kompagni. @ vilo55 - Se 80 euro fanno la differenza tra indigenza e povertà dignitosa, aggiungendo altri 80 euro potremo dire che coloro che ne usufruiranno saranno ricchi.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 22/05/2014 - 12:09

Cara Nadia , che piacere rileggerti. Hai ragione, fare di 40 centesimi un simbolo classista vuol dire che siamo al limite della follia o che è diventato normale il doverci considerare un popolo miserabile.

david71

Gio, 22/05/2014 - 13:07

Nadia Vouch, scusi, vediamo se ho capitolo il suo pensiero. Lei scrive: "Di conseguenza, 80 euro potrebbero essere, a parità di reddito, molti per taluni e poco o nulla per altri. Da ciò, l'iniquità di questo provvedimento". Contestualizzandolo col resto del post quello che capisco è che a parità di reddito le famiglie che sono parsimoniose, o comunque fanno acquisti oculati, i famosi 80 euro per loro sono molti. Mentre per coloro che invece fanno acquisti un po’ più allegri, 80 euro sono pochi. E per questo è un provvedimento iniquo. La prego, mi dica che non ho capito un tubo di ciò che ha scritto.

Nadia Vouch

Gio, 22/05/2014 - 13:08

@Euterpe. Ciao, grazie. In effetti, quaranta centesimi per un dolce sono un'inezia. Pensa che un uovo, biologico, viene pagato al produttore tra i dieci e i quindici centesimi. Tu lo acquisti, se va bene, a sessanta centesimi. e che ci fai con un uovo? puoi farci un omelette. Ma ci devi mettere il burro, lo zucchero e il ripieno. Alla fine, incluso il consumo di gas e la pulizia di tutto quanto utilizzato per fare l'omelette, avrai speso almeno due o tre euro. E mi si viene a dire che, poveri bimbi, dovranno rinunciare al dolce che costa quaranta centesimi? Ma dai! Siamo sempre, da parte di taluni, nella solita solfa de "lo Stato ci deve dare2. o no? Ti abbraccio.

robert morrison

Gio, 22/05/2014 - 13:13

grande veneziani. L'ha centrata in pieno. Ha vendicato milioni di teleutenti che l'apparizione di questa demente e di un manipolo di altre fa vomitare.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Gio, 22/05/2014 - 13:29

Euterpe, ma allora e' una vera ossessione parla di linguaggio dei" kompagni" che secondo me non ha nessun significato politico, e' come sei i cosiddetti Kompagni dessero agli altri dei fascisti! Se non si supera questo limite non andremo lontano, a parte i bananari che a questo riguardano sono affetti da una vera e propria sindrome oppressiva! Io sono un italiano prima che schierato politicamente dove mi pare! Mi stia bene!

Nadia Vouch

Gio, 22/05/2014 - 13:58

@david71. Caro lettore, il punto è proprio questo: non c'entra essere più o meno "oculati" nelle spese. c'entra intanto la latitudine, nel senso che i costi che ci sono in alcune regioni d'italia non sono gli stessi che in altre. C'entra, assolutamente, la propensione al consumo, nel senso che se la x cosa mi interessa, ci spendo, altrimenti no. C'entra pure il fatto, tangibilissimo, che vi sono single che possono spendersi solo per se stessi il limite di reddito contemplato da questo "provvedimento2, mentre a fronte vi sono più persone che con quello stesso reddito devono vivere in quanto soggetti a qualche forma di mantenimento dal titolare dello stesso reddito. Perciò, ripeto, non è possibile ragionare in termini assoluti. lo stesso vale per chi non rientra nei parametri di reddito del "provvedimento". Nel senso che possono esserci persone che ufficialmente sono titolari di redditi molto bassi ma che, in realtà, hanno patrimoni a garanzia. come vede, non basta un "clicv" per risolvere una questione economica così complessa. Cordiali saluti.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 22/05/2014 - 14:09

Cara Nadia, a qualcuno piace esercitarsi dialetticamente in modo sterile sul tuo post, armati di pazienza.Pur volendo prescindere dall'utilizzo della cifra in questione, sempre questo qualcuno dovrebbe astenersi dal contestare l'intrinseca 'iniquità' del provvedimento e la sua finalità di propaganda elettorale se solo considerasse chi ne sono i beneficiari e quali categorie ne sono escluse, tra cui i pensionati, i quali, com'è universalmente noto, nuotano nell'oro.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 22/05/2014 - 14:28

@ Patchonki - Le ho già risposto,sia pure in modo sintetico, ma il mio pc mi segnalava'errore' nell'invio. L'argomento trattato,e con ammirevole vena umoristica,da Veneziani non desta in lei nessun interesse o riflessione, il 'politicamente corretto' è giudicato privo di qualsiasi valenza politica,ma almeno potrebbe domandarsi perché allora è stato introdotto,quindi dobbiamo dedurre che il suo sommo fine sia unicamente quello di appellare 'bananari' i lettori di questo giornale.Se da ciò trae occasione di gratificazione e motivo di autorealizzazione, noi siamo ben felici di continuare generosamente ad aiutarla prestandoci a fare da bersaglio, smentendo così almeno una volta i buonisti e 'veri cristiani' di turno.

david71

Gio, 22/05/2014 - 15:03

Beh Nadia Vouch, se mi parla di una sensibile diversa capacità d’acquisto alle diverse latitudini d’Italia posso essere d’accordo, ma l’opportunità e l’oculatezza (“se la x cosa mi interessa”) non mi sembra davvero un argomento sostenibile dato che con 1200 euro al mese non si possa assolutamente parlare di “propensione al consumo” bensì di “necessità”. Detto questo ritengo che qualunque provvedimento abbia in se una qualche “iniquità”. Credo vi sia una oggettiva impossibilità a renderlo “universalmente opportuno” e questo certamente non ne è immune. Si pensi in passato all’abolizione dell’ICI di Berlusconi; in prima istanza poteva apparire “equa”, ma poi andando a vedere esentava dal pagamento della tassa anche coloro che avrebbero potuto pagarla senza difficoltà sottraendo tra l’altro risorse ai comuni che poi si videro costretti a decimare i sevizi o aumentare le tasse locali… E tutte hanno anche un carattere propagandistico, è ovvio, è fatta da poitici… ma non è una novità è fisiologico. Paradigmatica fu la lettera spedita a 9 milioni di persone per la restituzione dell’IMU o la sua proposta di risarcirla di tasca sua prima delle elezioni. Purtroppo questa è la politica che abbiamo. Cordiali saluti a lei. P.S. Invito il difensore d’ufficio di Veneziani a non interferire nelle discussioni se poi si lamenta quando le si risponde, almeno non in quelle dove non viene tirata in ballo…

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 22/05/2014 - 15:27

Considerare Veneziani interessato o bisognoso di difensori d'uffico è talmente improbabile da rasentare il ridicolo. L'iniquità dell'Imu consiste non solo nel fatto che ha tassato anche chi non poteva permettersi di pagare se non a costo di ulteriori ristrettezze, i più numerosi, e non solo coloro che disponevano di mezzi, ma nel fatto che ha compresso i consumi, che parte del gettito è stato utilizzato a beneficio di una banca, il Monte dei Paschi di Siena, e il resto ha fatto la stessa fine sotto altre voci, ma soprattutto perché ha distrutto un settore economico e lavorativo trainante per tutta l'economia nazionale come l'edilizia e i risultati sono sotto i nostri occhi.Quindi mettere ogni cosa nell'indistinto del calderone in cui ogni provvedimento non può essere equo universalmente è il voler fare un'operazione inaccettabile per scorrettezza e disonestà intellettuale, dovute forse a interesse ,forse a superficialità. Chissà. Ho ritenuto mio dovere e diritto intervenire, almeno sino a quando essi non saranno definitivamente conculcati, come sembra sia nei voti di qualcuno.

david71

Gio, 22/05/2014 - 16:09

Sarebbe ridicolo se solo qualcuno non si lanciasse in soccorso di Veneziani ad ogni minima critica gli venga rivolta. Ad ogni modo per “chi non poteva permettersi di pagare” fu sollevato già da Prodi eliminando l’IMU per le fasce più deboli. Berlusconi invece l'ha tolta a tutti. Anche a me l’ha tolta, ma io fortunatamente non ho problemi economici e l’avrei pagata volentieri. Mentre un mio amico in forti difficoltà ed in affitto non ha goduto neanche un po’ di tale provvedimento. Accidenti che equità! L’imu ha messo in crisi l’edilizia? Si, effettivamente la crisi mondiale, la cessazione dell’erogazione dei mutui, la crisi finanziaria, la disoccupazione e la deflazione, l’esposizione bancaria immobiliare non centrano nulla. E’ stata l’IMU. Comico. Era mio diritto dovere difendere la verità… almeno Finché verrà conculcata.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 22/05/2014 - 17:53

Non sembra che chi abbia una casa in affitto debba pagare l'IMU. Secondo certuni questa tassa è stata ininfluente, così come tutte le altre,quindi paghiamo allegramente, tanto la responsabilità è della crisi mondiale, che, chissà perché, viene invocata a giustificazione solo quando le tasse sono di sinistra.

Nadia Vouch

Gio, 22/05/2014 - 18:01

@david71. Con 1200 euro al mese mi viene a dire che non può esserci propensione al consumo bensì soltanto "necessità"? Allora, mi è chiarissimo che ella non sa nè cosa sia la propensione al consumo e meno che meno cosa sia la necessità. inoltre, qui si partecipa ad una discussione collettiva e nessuno prende le parti di nessuno. Così, tanto per precisare. Si tenga gli 80 euro, che evidentemente Le saranno preziosi, ma non cerchi di giustificarli. Grazie e saluti.

CIGNOBIANCO03

Gio, 22/05/2014 - 18:16

Dove la fa la spesa la picerno nella terra dei fuochi?????

Ritratto di 654321

654321

Gio, 22/05/2014 - 20:52

David- Sei un pozzo di sapienza,chi e' ' fuori di cotenna, te o il tuo amico, questo e' un rebus.

Ritratto di 654321

654321

Gio, 22/05/2014 - 21:00

Florescinico, abbiamo capito che ti piacciono le banane, e mollala li...perche' non cambi frutteto, prova in un campo diverso, magari con frutta geneticamente modificata, chissa' ,forse le banane saranno dritte come te.

david71

Ven, 23/05/2014 - 09:16

Sto iniziando a pensare di aver sopravvalutato le capacità ricettive di qualcuno. "Non sembra che chi abbia una casa in affitto debba pagare l'IMU" Ma E’ esattamente quello che ho scritto, grazie di avermi dato ragione. Lo rispiego per la seconda volta. Chi è in affitto, cioè colui che non si può permettere di avere una casa di proprietà… insomma NON il proprietario… ecco, per questa persona il provvedimento di Berlusconi non ha avuto nessun beneficio. Quindi una persona in difficoltà non ha goduto di alcun beneficio. Io si. Capito dove sta l’iniquità? Non importa se lui GIA’ non pagava l’IMU, Berlusconi ha legiferato per aiutare me (che non ne avevo bisogno) e non ha aiutato l'affittuario mio amico (che ne aveva molto bisogno). In altro modo non riesco a spigarlo. Nadia Vouch, purtroppo (o per fortuna) io non beneficerò degli 80 euro promessi in quanto sono piuttosto distante dalla aliquota per poterne beneficiare, probabilmente come lei. Ma vede, se avessi guadagnato 1200 euro al mese probabilmente le avrei risposto: sì, mi sono preziosi. Capisco che lei li spende alla settimana per la messa in piega, ma questo non le da la l’autorità per sottolineare la mia indigenza e farmi sembrare una questuante. Se lei li ritiene pochi ed inutili, si ritenga fortunata della sua condizione ma si vergogni a mettere in soggezione chi non se la passa bene economicamente. Ecco, questo le avrei scritto. Un saluto.

Nadia Vouch

Ven, 23/05/2014 - 10:34

@david71. A me interessano i ragionamenti: le supposizioni le lascio a chi ama farle. il discorso degli ottanta euro è che a mio avviso non porteranno ad un aumernto dei consumi. In primo luogo perché non è aumento di reddito omogeneo. Poi, perché non è possibile supporre che all'interno di una categoria omogenea per reddito vi siano omogenee scelte di spesa. Poi, perché è forte l'indebitamento individuale. Poi, perché c'è stata un'erosione del risparmio. Poi, perché siamo da tempo in recessione e quindi, simbolici aumenti di reddito, oltretutto non provocati dal libero mercato, bensì stabiliti in un'ottica di puro assistenzialismo statale, non sono reali incrementi di reddito ma sono solo spostamenti di denaro a favore di una categoria con aggravamento di oneri a carico dell'intera collettività. Il discorso è assai lungo e complesso e nulla c'entra dire che si è comprensivi verso i bisogni di taluni, ritenendosi dei privilegiati o dando ad altri dei privilegiati. In economia non sono questi i ragionamenti, a meno che non si eserciti demagogia. saluti.

david71

Ven, 23/05/2014 - 11:09

Nadia Vouch, anche io nutro qualche dubbio sulla reale efficacia a favore di un aumento dei consumi, più che per “omogeneità” per il fatto che non è chiaro se sia “strutturale” garantendoli anche nei prossimi anni. Purtroppo però non riesco davvero a seguirla quando mi parla di “scelte di spesa” e continuo a pensare che con 1200 €/mese si debba parlare necessità. Sono d’accordo con lei che l’argomento è molto lungo e complesso ma sono altresì convinto che la ripresa debba passare per una maggiore equità sociale ma non a scapito della intera collettività come dice lei, ma spostando un po’ del reddito della fasce più agiate verso quelle meno fortunate, evitando proprio di lasciare tutto nelle mani al libero mercato ritenendolo , a mio avviso, il principale colpevole di tutto ciò che è successo. Ma so che lei non sarà d’accordo. Un saluto.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Ven, 23/05/2014 - 12:19

La signora Nadia Vouch ha già risposto adeguatamente ,io mi limiterò a fare un discorso più generale,riferendomi a post precedenti. Credo che l'ottanta per cento degli Italiani possieda una casa, per moltissimi frutto del loro lavoro e molte rinunce.Per gli altri le motivazioni possono essere molte,per alcuni ,ad esempio,l'aver preferito spendere il denaro imitando la ben nota cicala. Per cui adesso il buonista di turno vorrebbe anche per costoro aiuti per pagare l'affitto, cosa che in molti Comuni d'Italia già avviene.Ma si può legittimamente supporre, considerando la cultura dell'accoglienza 'cristiana' di cui egli è portatore e propagandista,che il suo 'cahier de doléances' si riferisca al fatto non che non ci sia stata una redistribuzione del reddito tale da immiserire del tutto il ceto medio, invece di battersi contro il predatorio sistema bancario che ci sta uccidendo come persone e come popolo,per cui non si possono aumentare gli aiuti soprattutto per immigrati, clandestini e rom,dimenticando che già offriamo loro case, alberghi e servizi gratuiti, ignorando che essi non pagano le tasse, ma queste devono riguardare solo gli indigeni. Forse desidera che si dia loro un ulteriore contributo per ripagarli del danno morale derivante dal fatto che ancora non possiedono una casa, che gli Italiani,da ipocriti cristiani,non abbiano già ceduto loro le proprie, preferendo praticare la povertà francescana andando a vivere sotto i ponti.Pertanto ora si comprende meglio lo slogan "Pagare le tasse è bello", coniato da un trapassato,perché così ci eleviamo spiritualmente, mettendoci sulla via della santità,sulle orme del Poverello di Assisi che si spogliò di tutti i suoi beni.Comunque il solito buonista di turno può stare allegro, perché già è stata soffocata negli Italiani la diabolica brama di guadagnare attraverso il lavoro, perché questa quest'insana possibilità si sta loro sempre più sottraendo. Il fatto poi che il buonista di professione si sia lasciato andare ad illazioni su shampoo e tinture,indirettamente auspicando che nella cura delle estremità pilifere del cranio le Italiane pratichino solo il 'fai da te', mostra una volgarità mentale che si è manifestata in un attacco personale che non si basa su nessuna prova e che va al di là del dibattito delle idee, evidenziando una notevole vena censoria e terminando con l'immancabile nota moralistica del 'si vergogni',che in verità non ci stupisce.Si è notato infine che egli alla fine ha parlato di se stesso al femminile: semplice distrazione? errore di battitura? lapsus calami?

Nadia Vouch

Ven, 23/05/2014 - 15:20

@Euterpe. Effettivamente ho notato la frase "farmi sembrare una questuante". Ma anche il tono generale, e quel soffermarsi su questioni di capelli, da me usato puramente quale esempio del potente divario di prezzi presenti sul mercato per servizi e merci in settori commerciali uguali (anche se di solito, ma non sempre, di livelli qualitatividiversi), mi suggeriscono un animo più femminile che no. Comunque, per me il provvedimento degli 80 euro non sarà strutturale, in quanto vi sono difetti già ab origine nella possibilità di finanziarlo. Illudere le persone è peggio che privarle. Cari saluti.

lento

Mar, 27/05/2014 - 20:45

8o euro:Una famiglia con un solo figli si puo' permettere una volta al mese di andare in pizzeria .Una pizza e coca a testa !