ma come?

Dopo le parole di domenica scorsa in piazza San Babila a Milano, con cui Silvio Berlusconi ha annunciato la nascita di un nuovo partito e la fine della Casa delle libertà, abbiamo chiesto a quattro commentatori di delineare il futuro del dibattito politico nel nostro Paese. Vecchie alleanze che vacillano, nuovi sodalizi che già si profilano all’orizzonte, incrinature che si approfondiscono e accordi che avrebbero il potere di rivoluzionare gli schieramenti. Non soltanto i rapporti di Berlusconi con gli alleati ma, anche, l’emergere di nuove figure all’interno del neonato partito. E la prospettiva di un diverso equilibrio con le forze della maggioranza. Sullo sfondo, la riforma elettorale, che potrebbe cambiare il volto politico dell’Italia per i prossimi anni.