Matrimoni gay? Sacrosanti, ma peggio per loro

Le leggi creano ordine, ma anche discriminazione. Cioè, verso chi non è stato previsto dalla norma, ma non ne è stato neppure escluso. Se c'è un principio indiscutibile, invece, è proprio quello della pari dignità giuridica di tutti i cittadini nello Stato laico e democratico. Ma anche quello affermato, con vigore inusitato e apprezzabilissimo, da Monsignor Paglia, responsabile vaticano della famiglia, della pari dignità di tutti i figli di Dio.

E allora perché ci sono ancora una quarantina di Paesi al mondo nei quali l'omosessualità è reato, da punire con la morte, e in Italia non è ancora stata approvata una legge contro l'omofobia? Perché c'è pregiudizio e censura, o patetica e inconcludente tolleranza, verso l'orientamento sessuale non condiviso dalle religioni e dagli Statuti sociali. In barba alla realtà obiettiva e alla libertà di essere.

Dimentichiamo spesso, però, che la sessualità è anche espressione di affettività e sentimenti. Etero od omo che siano le persone a esprimerli e a convogliarli nel progetto di coppia. Per la vita o per qualche tempo.

Posto che la legge, per principio, deve creare un ordine sociale, eliminare le differenze e rispettare l'identità di ognuno, è sacrosanto che i gay pretendano i diritti riconosciuti a tutti gli altri, trattati quindi diversamente da loro. È giusto che si oppongano all'ipocrisia e all'ottusa considerazione di chi non prende atto neppure del pensiero della Cassazione sul punto: «La libertà sessuale va intesa come libertà di vivere senza condizionamenti e restrizioni le proprie preferenze sessuali in quanto diritto alla realizzazione della propria personalità, tutelato dall'art. 2 della Costituzione».

È dunque fuorilegge quella civiltà, sociale e giuridica, che non tutela al cittadino omosessuale il diritto all'affettività e al progetto di coppia, come lo prevede per il cittadino eterosessuale. In tal modo la famiglia ha un trattamento diverso, a seconda di come si sia formata. Sarà per tradizione interpretativa delle norme sul matrimonio, sarà per omofobia pura e semplice, oppure per supino rispetto religioso (peraltro fuori tema nello Stato laico), fatto sta che la coppia omoaffettiva non può accedere al matrimonio e alle tutele costituzionali che ne derivano, e neppure alle tutele derivate per le coppie di fatto.

Secondo me, alla fine, è forse solo un problema di welfare: come farebbe il nostro Stato, pasticcione e spendaccione, a trovare le risorse economiche per pagare la pensione di reversibilità agli omosessuali vedovi? E come accetterebbe le detraibilità fiscali per il congiunto gay a carico? Come potrebbe rinunciare alle quote ereditarie che, in assenza di testamento e di parenti fino al sesto grado, sarebbero incamerate dallo Stato anziché riservate di diritto alla vedova gay? Per non parlare dell'assistenza sanitaria, sussidi familiari e via dicendo. Escludere i gay dal matrimonio, comporta un sicuro risparmio della spesa pubblica. Ma quand'anche potessero accedere al matrimonio, siamo certi che sarebbero in tanti i gay a volerlo fare? In fondo, le garanzie e i servizi che riceverebbero, dal cosiddetto stato sociale, sarebbero sempre più ridicoli nella loro entità economica. Invece dovrebbero subire l'invadenza dello stato-polizia, sempre più prepotente nel controllare, governare e legiferare su ogni aspetto della famiglia. Avrebbero a che fare con i costi, i problemi e le lungaggini del divorzio, dell'adozione, dei principi cogenti del matrimonio. Sarebbero tenuti alla fedeltà, ma anche ai doveri verso i parenti e gli affini in stato di bisogno (solo il matrimonio crea la parentela e, a cascata, una serie gerarchica di obblighi).

La famiglia è ormai una dimensione mutevole e contorta, soggetta a cambiamenti di dimensione, organizzazione e funzione. Le unioni omoaffettive hanno il diritto insindacabile di essere parificate alle altre. Tuttavia, ho la sensazione che gli omosessuali, quantomeno e pur nell'odiosa discriminazione, abbiano ancora la fortuna e la libertà di potersi sottrarre a una scelta matrimoniale che, non di rado, si risolve in un sequestro di persona. Complici il coniuge e lo Stato.

Commenti

isolafelice

Mer, 06/02/2013 - 18:16

Cara Bernardini, ma cosa dice? Un sacco di possibilità di lavoro in meno per Lei e gli altri avvocati divorzisti e specializzati in diritto di famiglia!! A parte le battute, le norme civili che regolano la società son emanate dalla società stessa che nel corso dei secoli si evolve. Se ora sempre più sono le persone che si definiscono omosessuali e che vogliono stabilire un rapporto - legame oltre che affettivo anche giuridico, la società stessa deve provvedere. Esattamente come successo fino ad oggi. Auspico solamente che le coppie omossessuali, in caso di adozione o a seguito di "utero in affitto" riescano a seguire i loro figli come e meglio che in una famiglia "ordinaria" ponendoli comunque sempre anche in condizione di farli interagire con la sessualità dell'altra parte.

FilS

Mer, 06/02/2013 - 18:40

E se l'estensione illimitata dell'istituto matrimoniale non è "sacrosanto" per la signora Bernardini de Pace...

FilS

Mer, 06/02/2013 - 18:41

E se l'estensione illimitata dell'istituto matrimoniale non è "sacrosanta" per l'avv. Bernardini de Pace...

giovauriem

Mer, 06/02/2013 - 18:49

se si concede il matrimonio a coppie gay automaticamente avranno il diritto di adottare cosa ne sarà di un bimbo adottato da coppie gay alle elementari(tanto per fare una ipotesi tra le tante) quando i compagni di classe scopriranno che i suoi genitori si chiamano gennaro e ambrogio oppure maria e virginia,perciò vada per tutti gli altri diritti,ma lasciamo stare i bambini

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Mer, 06/02/2013 - 19:39

I bambini! Ma perché nessuno pensa ai bambiniiiihhh!!!!

Ritratto di xulxul

xulxul

Mer, 06/02/2013 - 19:58

Brutto articolo avvocatessa. Banale e politicamente corretto. La sana antropologia, la morale, il dato naturale della dualità masachile e femminile dove sono finiti? I diritti soggettivi (se mai lo siano in questa materia) non sono criterio veritativo per il legislatore. Lo possono essere solo se conformi ai valori naturali. In difetto, sono solo capricci personali che non contribuiscono al bene comune, cui, invece, dà un contributo fondamentale (dalla notte dei tempi) la famiglia eterosessuale basata sull'amore fecondo tra uomo e donna. Anche lei vuole offrire il suo granello d'incenso al nuovo Moloch della intollerante lobby omo?

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Mer, 06/02/2013 - 21:20

I bambini! Ma perché nessuno pensa ai bambiniiiihhh!!!!

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Mer, 06/02/2013 - 23:15

I bambini! Ma perché nessuno pensa ai bambiniiiihhh!!!!

Ritratto di scappato

scappato

Gio, 07/02/2013 - 00:58

Ho parlato al telefono con degli amici rimasti in Italia. Pensano di inserire nel testamento che, in caso di disgrazia e morte di entrambi, i loro 2 figli non possano essere adottati da coppie omosessuali . Riusciranno ad avere rispettata la loro decisione?

Ritratto di RobyPer

RobyPer

Mar, 03/02/2015 - 18:46

@scappato - sono matti? Non lo facciano o li arresteranno subito per discriminazione razziale sessuale e chi più ne ha più ne metta