Leo, il beach boy di Cerveteri diventato principe delle onde

Ha 15 anni, sa quattro lingue ed è il giovane surfista più forte del mondo: "Paura? Io in acqua canto. Non ho casa, ma una fidanzatina ovunque..."

Leo Fioravanti è una gioiosa macchinina da guerra. Quindici anni compiuti a dicembre, romano di Cerveteri, è già un dei surfer più forti del mondo. O quanto meno dei più promettenti. Cosa curiosa per un Paese circondato dai mari ma senza onde. Talento quindi tipicamente italiano: nessuno meglio di noi sa inventarsi campione dove non si può...

Da quanto fai surf?
«Da quando avevo 5 anni. Merito di mio fratello Matteo».

Ma come facevi a fare surf a Santa Marinella?
«Aspettavamo il traghetto delle cinque e mezzo e ci accontentavamo di tre, quattro onde. Trenta secondi e ci vediamo domani...»

Che gusto c'è a sfidare le onde?
«Il gusto della vita: ho sempre voglia di farlo. Le onde sono la mia vita».

Ma non hai mai paura?
«Alle Hawai una volta. C'erano onde pazzesche. Ma anche se il mare fa paura ci vai e non ci pensi».

Beh, se sei felice...
«Pensa che canto quando sono tra le onde...».

Canti?...
«Certo. Johnny Cash per esempio. Me l'ha fatto scoprire mio fratello».

Ma che giornate sono le tue?
«Mi sveglio presto e vado a letto presto: mangio, surfo, studio. E viaggio».

Ma tu dove vivi?
«Non ho un posto dove vivere...»

Cioè, ufficialmente casa tua dov'è?
«Mmmmmmm...»

Non sai dove abiti?
«Più o meno in Francia...»

Più o meno?...
«Diciamo Hossegor, sulla costa Atlantica».

E con chi vivi?
«Con mamma Serena»

E lei cosa dice?
«Ho una mamma bravissima. Mi segue ovunque».

E che fa nella vita la mamma?
«Fa mia mamma, no?...».

Ah già, scusa... ma non sei un po' troppo giovane per vivere da zingaro?
«No. Ho voglia di esplorare mondi sempre diversi. E poi ho mamma con me che cucina».

Ma tu come ti senti?
«Mi sento come un bambino che si diverte»

Cosa c'è di difficile nel surf?
«Sinceramente niente».

Il tuo idolo chi è?
«Kelly Slater. Il migliore del mondo. Anche ora che ha 41 anni».

Ti sei mai fatto male?
«Caviglie, ginocchia. Ma niente di particolare».

C'è una vittoria a cui tieni?
«Beh, vorrei diventare campione dl mondo».

La montagna non ti piace?
«Come no. Facevo le gare di sci da piccolo»

Sai quattro lingue, viaggi sempre. Ma ti senti italiano o cittadino del mondo?
«Italiano di sicuro. E fiero di esserlo».

Ma ti piacciono anche cose normali?
«Si, mi piace il calcio. E la pizza...»

Meno male
«E stasera vado a vedere l'Inter la mia squadra in coppa Italia».

Studiare?
«Studio on line con una scuola a Roma, si chiama Grandi Scuole. Sono bravo in matematica, lingue, geografia...»

Per fare cosa da grande?
«Il surfista professionista».

E poi?
«Poi no so. Quando avrò 18 anni vedrò.»

Leggi?
«Ora Il barone rampante. Me lo ha fatto scoprire mia mamma»

E le ragazze?
«Non ho tempo di averne una perchè viaggio sempre».

Però...
«Però ne ho una in ognuno dei posti dove vado...»