Quella furbetta arrogante che non ci mancherà

Per rispondere alle accuse la Idem ha sfoderato tutto il repertorio della sinistra sulla diversità genetica: così le accuse diventano insulti e le mancanze distrazioni

Josefa Idem medaglia d'argento alle Olimpiadi del 2004

Non poteva finire che così, a meno di non mascariare per sempre il governo Letta compromettendone l'immagine entro e fuori i confini. Non poteva finire che così, con la resa di Josefa Idem, fisico atletico sì, ma non così robusto da poter reggere più di tanto alla ironica invettiva «Medaglia d'oro, faccia di bronzo» che meglio riassume il giudizio popolare su di lei. Colpevole due volte. Per aver fatto - «inconsapevolmente», ma sì, ma certo, ma come no - la furba. E per essersi difesa come si è difesa, attingendo a tutto il campionario dell'arroganza, della sfacciataggine, della saccenza e della impertinenza di cui dispongono i «sinceri democratici» quando presi in castagna.
Nessuno come Josefa Idem nel suo cercar di rintuzzare gli addebiti ha saputo esprimere la condizione di «geneticamente diversi» che è patologica alla sinistra. Per l'ex ministra le accuse sono insulti, le critiche sono offese, le mancanze sono distrazioni. E nemmeno volontarie, ma causate dall'impegno atletico «per il quale voi mi avete applaudito», quasi a dire, insomma, che la colpa è nostra. Che poi, il fattaccio che ha combinato, la truffarella allo Stato, sarebbe magari da passarci sopra se l'interessata - canoista sì, ma anche veemente militante di sinistra - non l'avesse menata per mari e per monti con il rigore, la trasparenza, le mani nette, la scrupolosa osservanza delle regole, la correttezza e l'integrità morale avanti tutto. Se non avesse dato fortemente a intendere, una volta ministra, che con lei nei dintorni di Palazzo Chigi profittatori e parassiti di Stato avrebbero chiuso.
V'è poco di più giusto e salutare, al mondo, che togliere la maschera (d'ipocrisia) ai bacchettoni in servizio permanente. Ai tartufi usi a predicar bene e a razzolar male. E così è andata per Josefa Idem che come asso di bastoni della sua piccata difesa buttò giù un: «In Germania nessuno si dimette per una faccenda come la mia». Dovendo subito dopo farsene una ragione d'esser in Italia. Sapendo quanto le pesa privarsi dell'auto blu ora dirà che siamo irriconoscenti e anche malvagi per averla costretta, lei, così impegnata a fare il bene del Paese (ma anche il suo), alle dimissioni. Pazienza, sarà il nostro turno di farcene - e di corsa - una ragione.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 25/06/2013 - 08:46

Un mito dello sport, una delusione nella politica. Non mi è piaciuta affatto e le sue "arringhe" difensive mi sono sembrate effettivamente arroganti, ma forse solo perché impreparata ad affrontare una situazione per lei nuova ed inaspettata. Non merita di essere ulteriormente bistrattata, anche se penso che farebbe bene a muovere un altro passo dimettendosi anche dal Senato. Ma sarebbe troppo. Anche in Ghermania "nisciuno è fesso".

franco@Trier -DE

Mar, 25/06/2013 - 09:36

chi sbaglia deve pagare ma tutti però.

'gnurante

Mar, 25/06/2013 - 09:54

sempre questi tedeschi a insegnarci come ci dobbiamo comportare! noi italiani non ci dimetteremmo MAI!

Ritratto di Lu. Car.

Lu. Car.

Mar, 25/06/2013 - 11:48

Con Silvio Berlusconi Presidente NON avremmo MAI avuto un ministro che si è macchiato di un reato così disgustosamente grave! Silvio non ti fare intimidire da 4 giudici stalinisti! Governa l'Italia con il tuo braccio mite e giusto. Il Popolo Italiano lo vuole! Il Popolo Italiano lo vuole!

Ritratto di Lu. Car.

Lu. Car.

Mar, 25/06/2013 - 11:53

Silvio!!! Silvio!!! Silvio!!! Silvio!!! Silvio!!! Silvio!!! Silvio!!! Silvio!!!

NonTifo_Penso

Mar, 25/06/2013 - 12:20

Caro Lu. Car. Spero il tuo commento sia ironico. In caso non lo fosse ti posso dire che con Berlusca al governo nella stessa situazione tutti i parlamentari del PDL avrebbero smesso di pagare le tasse per solidarietà. Tanto per farti capire come ragionano.

ale76

Mar, 25/06/2013 - 12:42

Ma se chiedete le dimissioni alla Idem, a Berlusconi cosa chiedete, la morte? Coerenza, gente, coerenza...