Prima la beffa, poi il colpo: "Condanna irrevocabile"

Il presidente Esposito spiazza tutti annunciando all'inizio l'annullamento con rinvio della sentenza, ma limitato all'interdizione. La difesa: "Sgomenti, ricorreremo in Europa"

Roma - È ora «irrevocabile» la condanna a 4 anni (di cui 3 coperti da indulto) di Silvio Berlusconi, per frode fiscale nel processo sui diritti tv Mediaset.
Quando, dopo quasi 7 ore di camera di consiglio, il presidente della sezione feriale Antonio Esposito legge il dispositivo della sentenza, nell'affollata aula Brancaccio della Cassazione c'è un momento di incertezza. Perché inizia col dire: «La Corte annulla con rinvio...». Subito dopo, però, l'equivoco (in cui cade un'agenzia di stampa, oltre che un gruppo di fan del Cavaliere davanti a Palazzo Grazioli) si scioglie e si capisce che ad essere cassata è solo la parte della sentenza di secondo grado che fissa la pena accessoria dell'interdizione per 5 anni dai pubblici uffici. Dovrà essere «rideterminata nei limiti temporali», da un'altra sezione della Corte d'Appello di Milano.

È ben poca cosa, una quisquilia dal sapore di beffa. Per il leader del Pdl la débacle è totale, la sua prima condanna definitiva nella guerra dei vent'anni con le toghe di Milano. Un verdetto dalle dirompenti conseguenze politiche, oltre che giudiziarie.

A nulla sono servite le convincenti argomentazioni in punta di diritto del professor Franco Coppi, né le appassionate contestazioni sui diritti della difesa violati di Niccolò Ghedini.

I due difensori di Berlusconi non siedono in aula, ma aspettato il verdetto dalla tv a Palazzo Grazioli, accanto al Cavaliere. E devono spiegargli, in termini giuridici, che i 5 giudici della Suprema Corte hanno accolto in pieno le richieste dell'accusa. Il sostituto procuratore generale Antonello Mura, infatti, respingendo tutti i 94 motivi di annullamento proposti degli avvocati di Berlusconi e dei suoi coimputati, aveva chiesto di correggere unicamente l'errore di calcolo della pena accessoria, riducendola da 5 a 3 anni.

Solo in serata Coppi, Ghedini e Piero Longo in una nota annunciano l'intenzione di cercare giustizia in Europa: «La sentenza non può che lasciare sgomenti. Vi erano solidissime ragioni ed argomenti giuridici per pervenire ad una piena assoluzione del presidente Berlusconi. Valuteremo e perseguiremo ogni iniziativa utile anche nelle sedi europee per far sì che questa ingiusta sentenza sia radicalmente riformata».

Al Palazzaccio, per lo studio Coppi, ascoltano il verdetto la figlia Francesca e l'avvocato Roberto Borgogno, che rimangono impietriti e anche dopo non dicono neppure «a». Al loro fianco ci sono i difensori degli altri 3 protagonisti del processo Mediaset, le cui condanne vengono confermate come quella di Berlusconi. «Una sentenza ingiusta e ingiustificabile in uno stato di diritto», esplode Roberto Pisano, legale del produttore Frank Agrama. «Meglio non commentare», dice scuotendo la testa Filippo Dinacci, che difende l'ex manager Mediaset Gabriella Galetto. E su Berlusconi spiega che «la pena accessoria potrebbe ridursi fino ad un anno di interdizione dai pubblici uffici, perché le norme prevedono da un anno a un massimo di 3».

È stata la giornata più lunga di un caso giudiziario durato 10 anni, da quel 13 maggio 2003 in cui trapelò la notizia di un'inchiesta della procura di Milano sul leader Pdl e altri. Il rinvio a giudizio arrivò nel 2006 e la parola fine, almeno sulla pena ormai definitiva, è stata detta ieri alle 19 e 40.Il collegio dei 5 supremi giudici si è chiuso in camera di consiglio a mezzogiorno e mezzo e le porte del Palazzaccio, presiedute dalle forze dell'ordine, sono state chiuse alla stampa fino alle 17.

Per lunghe ore c'è stato spazio solo per ipotesi, valutazioni e indiscrezioni. Alcune parlavano di due linee a confronto, nel chiuso di quella stanza al secondo piano. Una più possibilista per un annullamento con rinvio che avrebbe accolto qualche motivo della difesa e sarebbe stata incarnata dal relatore Amedeo Franco e l'altra di totale chiusura, che sarebbe stata condivisa dal presidente Esposito. Altri spiegavano la riunione-fiume a porte chiuse solo con le difficoltà tecniche per un ricorso così complesso.

Probabilmente, non sapremo mai come sono andate davvero le cose. Se e quanto la politica ha pesato sulla giustizia.

Commenti

gigi0000

Ven, 02/08/2013 - 08:37

E' piuttosto strano che nello stesso giorno la cassazione ratifichi la condanna di secondo grado, accettando che, pur in assenza di prove, Berlusconi non potesse non sapere ed anzi sarebbe stato occulto fautore del reato, mentre altri giudici, su MPS possano ritenere che 3 o 4 miliardi spariscano, ma non avendone prova documentale, tutti potessero non sapere, anzi, non potessero commettere reati.

egi

Ven, 02/08/2013 - 08:43

Avanti un altro meridionale, accidenti simo stati meridionalizzati del tutto grazie ai comunisti e democristiani, stiano tranquilli gli imbecilli rossi tra un po' faranno la stessa fine anche loro e le mafie trionferanno.

benny.manocchia

Ven, 02/08/2013 - 08:47

Non e' cambiato nulla.Berlusconi guidera' il suo partito da una delle sue ville e nessuno potra' impedire a sua figlia (per esempio) di consegnare ordini e consigli al partito.Solo che ora le tre reti di Media set e il nostro giornale colpiranno ogni giorno i komunisti al potere.E vediamo chi alla fine vincera'. Un italiano in USA

disalvod

Ven, 02/08/2013 - 08:47

CON GRANDE SGOMENTO HO VISTO LA DIRETTA TV PIU' TRISTE ED INUMANA.A COLORO CHE HANNO GIOITO E CONTINUANO A GIOIRE SULLE DISGRAZIE ALTRUI "DEL PRESIDENTE BERLUSCONI"DICO CHE ESISTE UNA GIUSTIZIA DIVINA CHE POTREBBE GIUDICARLI CON LA STESSA MONETA E CHE QUINDI CESSI QUESTO ODIO SVISCERATO CONTRO BERLUSCONI COSI' COME EVIDENZIATO NELLE TRASMISSIONI TELEVISIVE.

Beaufou

Ven, 02/08/2013 - 09:05

Le cariatidi della corte di cassazione non sono giudici. Sono dei tremebondi lacchè del partito giustizialista che ha distrutto tutti i partiti eccetto quello comunista, che per fortuna provvede egregiamente da sé ad autodistruggersi. È ora di azzerare i criteri con cui questa corte viene formata, o, meglio, di azzerare la corte stessa che non ha motivo di esistere. Inutili gli appelli di Napolitano al rispetto di questa corte: si è definitivamente screditata e non c'è un italiano pensante che ne abbia un minimo di considerazione.

LAMBRO

Ven, 02/08/2013 - 09:24

Hanno decapitato il PDL! Prima avevano decapitato il PSDI (Partito Social Democratico Italiano), poi hanno decapitato la DC, poi hanno decapitato il PSI con Craxi e adesso....! Sempre attraverso la Magistratura : secondo le tesi gramsciane di occupazione Bolscevica del potere Giudiziario!!! QUINDI E' DITTATURA!!

LAMBRO

Ven, 02/08/2013 - 09:27

E' prevedibile che il PD faccia cadere il governo cercando di farne ricadere la responsabilità sul PDL. Attenti a non cadere nel trappolone!!

LAMBRO

Ven, 02/08/2013 - 09:28

Hanno decapitato il PDL! Prima avevano decapitato il PSDI (Partito Social Democratico Italiano), poi hanno decapitato la DC, poi hanno decapitato il PSI con Craxi e adesso....! Sempre attraverso la Magistratura : secondo le tesi gramsciane di occupazione Bolscevica del potere Giudiziario!!! QUINDI E' DITTATURA!!

LAMBRO

Ven, 02/08/2013 - 09:34

D'Alema e Fassino POTEVANO NON SAPERE, Bersani (del proprio segretario Penati e della sua segretaria pagata dal comune di Bologna) POTEVA NON SAPERE, Vendola (con l'amica PM) POTEVA NON SAPERE, Mussiani e il povero Rossi (suicida)POSSONO NON SAPERE nulla dei 4 Miliardi spariti all'MPS. Chi è che SAPEVA TUTTO SENZA ESSERCI? indovinate..

Giorgio1952

Ven, 02/08/2013 - 09:39

La beffa l'hanno provata per venti anni i milioni di elettori che non sono del Pdl, per quello che riguarda lo sgomento dei difensori e' sbalorditivo che Coppi dica che non c'e' reato, al massimo una gigantesca evasione fiscale, ma scherziamo? Si tratta del presidente del consiglio non di un cittadino qualsiasi.

Ritratto di pipporm

pipporm

Ven, 02/08/2013 - 09:44

Esposito ha iniziato enunciando la condanna per i coimputati. Poichè questi condannati, era logico lo fosse anche Berlusconi. Ma la lettura è stata dapprima al rigetto dei 5 anni di interdizione, rimandando alla Corte di Appello di Milano la revisione, poi al rigetto del ricorso di Berlusconi per la condanna dei 4 anni. La poca dimestichezza del "linguaggio giuridico" ha creato confusione a tante persone. Dapprima all'esercito di Silvio, ma anche sul Televideo RAI veniva scritto in prima battuta "Berlusconi assolto", salvo poi la correzione.

arturino

Ven, 02/08/2013 - 09:46

Tutti gli occhi sono ovviamente puntati sulla sentenza di ieri. Ma non dimentichiamoci che stanno maturando almeno altri 3-4 processi e ormai credo che la linea è tracciata e il percorso tutto in discesa. Se fossi Berlusconi comincerei a trasferire le mie aziende all'estero, meglio ancora comincerei a venderle alla svelta a uno dei pescecani internazionali dei media. In attesa, sperabilmente, di poterci andare fisicamente all'estero: ma anche questo comincia a diventare problematico. Passare la mano alla figlia? Una boiata galattica. Significherebbe esporla ad un'altra odissea giudiziaria ventennale. Un padre non può volere questo.

idleproc

Ven, 02/08/2013 - 09:51

"ricorreremo in europa"...????? Non la hanno ancora capita. Tutta la crisi istituzionale italiana e quella economico finanziaria ha origine nelle cessioni di sovranità verso il nulla costituzionale e democratico che è la cosiddetta europa. Questi, in compagnia del PD, vogliono farsi una "riforma" costituzionale e della giustizia rendendola di fatto dipendente dall'esecutivo e regalando a qualsiasi uomo e governo di paglia che da fuori vogliano piazzarci, tutta l'Italia. Mi dispiace ma su questa strada che non è nell'interesse nazionale ci andate da soli insieme a Napolitano e al PD e soci.

pgbassan

Ven, 02/08/2013 - 09:52

Capolavoro delle toghe rosse: nel giorno della condanna definitiva di Berlusconi va in vacca in processo MPS, Monte Paschi di Siena. I rossi dichiarati falliti dalla Storia riescono comunque a demolire l'avversario e salvare comunque i loro kompagni.

killkoms

Ven, 02/08/2013 - 09:52

@lambro,già;dittatura giudiziaria!in altri paesi i dittatori mportano le divise,da noi il grembiule nero!

canaletto

Ven, 02/08/2013 - 10:05

OLTRE AD AVERE CANCELLATO LA COSTITUZIONE, I ROSSI HANNO DEFINIITIVAMENTE CANCELLATO LA PROPRIETA' PRIVATA PERCHE' MEDIASET E' PRIVATA E QUINDI I REATI ASCRITTI DI CORRUZIONE ECC NON ESISTONO, MENTRE PER LA TV PUBBLICA CHE E' PIENA DI MARCIO ED IN MANO AI ROSSI, NESSUNO GUARDA. PER FORTUNA CHE LE PORTE DELL'INFERNO SONO SPALANCATE E QUANTO PRIMA ACCOGLIERANNO I GIUDICI E I ROSSI MASCALZONI. EPIFANI SI VERGOGNO, PERCHE' E' SILVIO LA SENTENZA VA APPPLICATA. PURE LETTA, IL PAESE HA LA PRIORITA' MA PURE IL DIRITTO DEL CITTADINO DEVE ESSERE RISPETTATO

domenico.fumante

Ven, 02/08/2013 - 10:08

Nella stanza chiusa i cinque reclusi hanno fatto bisboccia per ben sette ore, il liquido era di scarsa qualita,' perche' non si reggevano in piedi appena entrati per leggere la sentenza non vi pare? RE SILVIO CORAGGIO HAI IL MEGLIO DEL POPOLO DA PARTE TUA CIAO DA MIMI

giovanni PERINCIOLO

Ven, 02/08/2013 - 10:09

Caro dott. Esposito di "irrevocabile" c'é un solo giudizio, quello ultimo e supremo e che per ragioni di età toccherà presto a lei e ai suoi colleghi e non vorrei essere nei vostri panni quel giorno!

michele lascaro

Ven, 02/08/2013 - 10:10

L'aula si chiama Brancaccio? Dalle mie parti il Brancaccio è l'istituto che accoglie i malati di Alzheimer. Esiste, per caso, una relazione stretta?

giovanni PERINCIOLO

Ven, 02/08/2013 - 10:13

Ieri in attesa della sentenza sui vari canali Tv si discettava del ritardo e si diceva che "stavano esaminando minuziosamente" tutte le prove ecc. ecc. Io personalmente ne dubito molto e la sentenza mi sa tanto che era già scritta da tempo, forse altrove. Il ritardo?? lasciamo perdere....

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Ven, 02/08/2013 - 10:13

Vadano, vadano lor siori a far ricorso in Europa! Ma se piu' di mezza Europa non ne puo' piu' di Berlusconi e del berlusconismo! Non credo proprio che il Cav trovera' molti amici nella UE.

LAMBRO

Ven, 02/08/2013 - 10:20

Con questi chiari di luna chi ha il fegato di investire in Italia? Poi ci lamentiamo di Marchionne; credete che sia scemo? Vediamo il granello di polvere nell'occhio del vicino ma non vediamo la trave demagogica che ci acceca e ci fa perdere lavoro, sviluppo e soldi a palate .

igiulp

Ven, 02/08/2013 - 10:31

Cassate la Cassazione. Sette ore di Camera di Consiglio per decidere quello che il Procuratore Generale aveva anticipato ai giornalisti in due minuti. Questa è la "giustizia" italiana. LENTA....LENTA.....LENTA....VECCHIA....VECCHIA...VECCHIA. Bastava vedere i due che hanno letto il verdetto. Gente pagata a peso d'oro.

VYGA54

Ven, 02/08/2013 - 10:34

Sono curioso di leggere le motivazoni di questa sentenza che di fatto ha respinto tutte le decine di richeste della difesa...

Asfalto

Ven, 02/08/2013 - 10:38

Ricorso alla corte europea?! No, dico, stiamo scherzando?

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Ven, 02/08/2013 - 10:39

X i sinistri!! Se e quando faranno ricorso in europa e vedranno le carte del processo e le motivazioni di condana, l'italia sarà ancora piu sputtanata!!! Quello che si presume che B ha fatto non esiste, e se l'ha fatto e avenuto all'estero non in italia!! Il teorema dei magistrati inquirenti fa acqua da tutte le parte e la conferma della cassazione conferma l'ignoranza totale in materia di fisco ed economia, dei magistrati! D'altronde cosa vuoi aspettarti da vecchi rincoglioniti del secolo passato! E voi scemi di sx o m5s vi credete intelligenti e giusti!! Ha ha ha!!

Triatec

Ven, 02/08/2013 - 10:46

Carlo_Rovelli @ Se va in Europa ci va solo a cercare giustizia e non amici. Vero che in Italia se sei amico di un giudice, o hai una sorella amica del giudice, puoi rovinare una regione ma sarai assolto, oppure puoi truffare miliardi con MPS ma nessuno ravviserà un reato. Queste sono vere amicizie.

Rossana Rossi

Ven, 02/08/2013 - 10:47

Gli imbecilli che ne godono non si rendono conto di aver consegnato la democrazia nelle mani del potere giudiziario....avrete di che pentirvene.........

lamwolf

Ven, 02/08/2013 - 10:50

Nel paese dove la giustizia è negli ultimi posti mondiali per inadempienze, ritardi, garantista con i criminali e spregiudicata con chi subisce i reati la sentenza era già scritta da oltre un decennio. Inutili le tesi difensive ormai dopo tanto penare e aver speso decine e decine di milioni di euro negli anni per incastrare almeno una volta Berlusconi ed essere arrivati ad un passo non poteva che essere questa la conclusione. Il tempo e la storia ci dirà un giorno se è stato come sembra una persecuzione giudiziaria, oppure gli estremi c'erano. L'Italia purtroppo è in mano alla criminalità, mafie e ogni sorta di delinquenza ma nonostante le forze dell'Ordine, arrivati a fronteggiare il male con una scarpa e una ciavatta si prodigano la legge inspiegabilmente è sempre più garantista con chi ogni minuto di ogni giornata si macchia di crimini specie contro la persona. L'omicidio stradale? ma che!!! meglio impegnarsi a spendere qualche milione di euro per aggiungere qualche anno in più a Berlusconi. Oppure il magna magna e lo sperpero del denaro pubblico tra le regioni e provincie che non hanno più un centesimo per tappare una buca e le voragini nelle strade. E nessuno degli organi giudiziari vanno a vedere dove sono andati a finire i fondi per la loro manutenzione. Insomma un paese che va alla deriva, ostaggio del crimine e degli ubriachi e drogati che al volante uccidono VOLONTARIAMENTE ogni giorno ma il problema è uno soltanto, colpire a tutti i costi Berlusconi.....poi chissenefrega se la gente SOFFRE.....

Roberto Casnati

Ven, 02/08/2013 - 10:50

Non ho seguito attentamente la vicenda, quindi non so esprimere una mia valutazione, una cosa è certa: in Italia, unico paese al mondo, un processo si può protrarre per oltre 10 (dieci) anni prima di avere una sentenza definitiva! Credo che nemmeno nel Burkina Faso le cose vadano così!

cwo11

Ven, 02/08/2013 - 10:56

questo sembra un articolo di stampo fascista, nel quale si esalta il culto del grande capo, senza macchia e senza paura, e dei suoi coraggiosi avvocati e, contestualmente, si demonizzano gli antagonisti e cattivi magistrati. Piantatela di raccontare balle, non riuscirete a distruggere la Costituzione e la democrazia per salvare questo inqualificabile demone che ha divorato l'Italia.

swiller

Ven, 02/08/2013 - 10:57

LAMBRO. Concordo spero stiano attenti.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 02/08/2013 - 11:00

Accetto scommesse! Gli avvocati del Berlusca non avranno il coraggio di fare alcun ricorso nelle corti europee: il rischio sarebbe quello di farsi ridere dietro.

Ritratto di sitten

sitten

Ven, 02/08/2013 - 11:00

Basta, basata,basta! Con questa magistratura sinistroide, che condanna a chi crea ricchezza e posti di lavoro, e mette in libertà, ladri, assassini,stupratori e cosi via. Le sentenze vengono emesse nel nome del popolo, ed giusto che sia il popolo ad eleggere i Magistrati.

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 11:07

Nelle mie considerazioni parto da quella che mi suggerisce -Carlo_Rovelli- si, in Europa il nostro SB non gode di buona simpatia! e non so pure quanto siano correttamente informati delle cose nostre, quindi non sarei troppo ottimista, ma ovviamente se è possibile bisogna tentare per annullare questo sconcio. Un'altra considerazione che vorrei fare è: si poteva andare contro la procura di Milano, che aveva fatto strame dei codici pur di arrivare alla condanna senza creare uno sconquasso politico giudiziario? Chiamiamola pure ragion di stato di politica togata! Sull'ordine della lettura della sentenza non faccio considerazioni non so come di norma si proceda, certamente la considerazione di -pipporm- la ritengo stupida, in quanto la responsabilità penale è notoriamente individuale, e non necessariamente la colpevolezza di Agrama doveva implicare quella di SB, tra l'altro argomento trattato anche dal prof Coppi, se non erro, e dalla stessa Cassazione affermato in precedenti giudizi sul caso, sulla estraneità del Cav nella vicenda per le evidenze dell'impegno politico e della cessione del comando ad altri. X l'affermazione di -giovanni PERINCIOLO- direi che lassù hanno altro da fare e controllare, ed in ogni caso ho la sensazione che questi becchini di nero paludati, non se ne facciano troppi scrupoli non ritenendosi inferiori a nulla e nessuno!

criptom45

Ven, 02/08/2013 - 11:07

sette ore per una sentenza già scritta forse avrete calcolato il guadagno in euro del tempo impegnato. SOLIDARIETA' A BERLUSCONI VIVA L'ITALIA.

unosolo

Ven, 02/08/2013 - 11:08

Non da ora ma da qualche anno che si doveva rivolgersi all'Europa quando la giustizia non ha certezza dello strappo dalla persona indicata non si può condannare o processare per oltre 20 anni , questo è un chiaro potere di chi dovrebbe lasciare in casa le idee politiche ed agire da onesti tutori di tutti i cittadini , che la sx si sbraccia a dire per bocca dei soliti anti tutto come l'Epifani , che si devono rispettare le sentenze , quali sentenze si riferisce alla MPS , Alla UNIPOL , al Penati , tutto fermo come quello che riguarda la sx , si incide solo sui destri o chi vuole veramente che la magistratura agisca nei modi equilibrati al di fuori della politica .L'Europa subito.

rataplan73

Ven, 02/08/2013 - 11:10

e certo! prendere in giro il berluschino è cosa buona e giusta. prima illuderlo e poi umiliarlo, come tutto il mondo fa!

fcf

Ven, 02/08/2013 - 11:11

Mi sembra opportuno che B porti in Europa lo sconcio giudiziario cui è stato sottoposto. Se no si mette mano subito alla riforma radicale della giustizia in Italia si aiuteranno ancora gli ultimi comunisti d'Europa a rovinare anche il nostro Paese.

rataplan73

Ven, 02/08/2013 - 11:13

egi, dalle 4 parole tremolanti e deliranti che riesce ancora asputare sulla tastiera si evince che razza di povero reietto della società lei ( mi sforzo di portare rispetto agli inferiori) sia. si facia coraggio, ancora pochi anni e anche di lei non resterà nulla

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Ven, 02/08/2013 - 11:13

Penso che ricorrere alla Corte Europea sia la migliore soluzione. Strano che questi luminari difensivi aspettano ancora. Non si può condannare un uomo senza prove, inventando che è lui l'ideatore. Assurdo e incompetenza della magistratura che hanno attuato un colpo di Stato sotto gli occhi di tutti. Ora il PDL si deve muovere. Bisogna approvare una nuova legge elettorale, poi dimissioni generale dei parlamentari della destra.

rataplan73

Ven, 02/08/2013 - 11:15

basta, basta, basta, sitten! basta con voi esauriti!

GUGLIELMO.DONATONE

Ven, 02/08/2013 - 11:18

L'hanno tirata per le lunghe: 3 giorni in aula e 8 ore in camera di coniglio. Tutto per dare a intendere che la decisione fosse frutto di ampio dibattito e acuta sofferenza. Ma la sentenza, già scritta da tempo, si trovava in fotocopia in ciascuna tasca delle toghe indossate dai 5 illustri personaggi. La sfacciataggine non ha ormai più limiti. Faccio anche mio l'augurio del Sig. PERINCIOLO, sperando che si avveri il più presto possibile!

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 11:18

X LAMBRO- 09:34; ma che fai scherzi? Dobbiamo gioire perché hanno affermato, seguendo le tue parole, che il nostro caro SB è superiore a quella pletora di ominicchi da te nominati: SB è onnisciente delle cose di terrene. Forza Sivlio!

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 11:19

X Giorgio1952-09:39; IGNORANTE! Coppi ha detto che semmai c'è una gigantesca "ELUSIONE" fiscale, ovviamente per una testa vuota come la tua elusione ed evasione sono la stessa cosa, e ciò la dice tutta sul tuo grado di conoscenza oltre alla capacità di capire!

marco46

Ven, 02/08/2013 - 11:21

VEDERE LA PROVENIENZA TERRITORIALE DI QUESTI PARRUCCONI DOVE, L'AMMUINA E NORMA DI VITA E' COME DIRE, CHE CANE NON MANGIA CANE. VIVA SEMPRE LA LIBERTA'.

fr57

Ven, 02/08/2013 - 11:23

rovelli, c'hai ragione. infatti non c'è bisogno di giudici ma di amici. e voi ce li avete tutti. vedi montepaschi caso a emissioni zero......di intercettazioni. record nazionale. ma è giusto, direte voi. del resto ci siamo scandalizzati tanto quando sono uscite quelle su berlusconi (dallo sbobinatore alle rotative....) e ci hanno accontentati.

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 11:28

Nelle mie considerazioni parto da quella che mi suggerisce -Carlo_Rovelli- si, in Europa il nostro SB non gode di buona simpatia! e non so pure quanto siano correttamente informati delle cose nostre, quindi non sarei troppo ottimista, ma ovviamente se è possibile bisogna tentare per annullare questo sconcio. Un'altra considerazione che vorrei fare è: si poteva andare contro la procura di Milano, che aveva fatto strame dei codici pur di arrivare alla condanna senza creare uno sconquasso politico giudiziario? Chiamiamola pure ragion di stato di politica togata! Sull'ordine della lettura della sentenza non faccio considerazioni non so come di norma si proceda, certamente la considerazione di -pipporm- la ritengo stupida, in quanto la responsabilità penale è notoriamente individuale, e non necessariamente la colpevolezza di Agrama doveva implicare quella di SB, tra l'altro argomento trattato anche dal prof Coppi, se non erro, e dalla stessa Cassazione affermato in precedenti giudizi sul caso, sulla estraneità del Cav nella vicenda per le evidenze dell'impegno politico e della cessione del comando ad altri. X l'affermazione di -giovanni PERINCIOLO- direi che lassù hanno altro da fare e controllare, ed in ogni caso ho la sensazione che questi becchini di nero paludati, non se ne facciano troppi scrupoli non ritenendosi inferiori a nulla e nessuno!

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 11:29

X LAMBRO- 09:34; ma che fai scherzi? Dobbiamo gioire perché hanno affermato, seguendo le tue parole, che il nostro caro SB è superiore a quella pletora di ominicchi da te nominati: SB è onnisciente delle cose di terrene. Forza Sivlio!

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 11:29

X Giorgio1952-09:39; IGNORANTE! Coppi ha detto che semmai c'è una gigantesca "ELUSIONE" fiscale, ovviamente per una testa vuota come la tua elusione ed evasione sono la stessa cosa, e ciò la dice tutta sul tuo grado di conoscenza oltre alla capacità di capire!

buri

Ven, 02/08/2013 - 11:30

Cosa vi aspettavate? la sentenza era già scritta, l'aveva dettata il PM, credevate forse che dopo 20 anni di assedio e di sconfitte, la magistratura si lasciava scappare l'occasione, comunque sia la giustizia in italia non esiste e sarebbe ora che Napolitano predicasse che ci vuole fiducia e rispetto per la magistratira

therock

Ven, 02/08/2013 - 11:32

Lambro, suvvia, la sentenza non e' basata sul non poteva non sapere ma su una partecipazione attiva e da direttore d'orchestra...e comunque ma e' mai possibile che sti comunisti in italia sono cosi' potenti che decapitano tutti ma non vincono mai le elezioni??? Non c'e' qualcosa che non quadra?

Ritratto di utentegiornale12

utentegiornale12

Ven, 02/08/2013 - 11:33

Alla fine e' stato giudicato dai suoi magistrati di destra che non gli hanno tolto manco un anno di pena... E poi ci si lamenta tanto che la magistratura e' politicizzata.

Ritratto di sitten

sitten

Ven, 02/08/2013 - 11:51

Rataplan, apri gli occhi prima che sia tardi!

battistafesta

Ven, 02/08/2013 - 12:14

@Disalvod: Se esistesse veramente una giustizia divina, non esisterebbe l'argomento della discussione.

laura

Ven, 02/08/2013 - 12:15

Non vorranno mica dare da intendere che l'Italia e' un paese da law &order e che non si guarda in faccia a nessuno? Basta guardarsi attorno per vedere come questo sia FALSO!! Hanno solo dimostrato che "cane non mangia cane" e che non vogliono certo una riforma che tocchi la peggiore delle caste!! Triste e' quel paese dove regna l'ingiustizia, pieno di stolti che non se ne rendono conto.

terzino

Ven, 02/08/2013 - 12:26

La sentenza della Cassazione ha rispettato in pieno le richieste del P.G.confermando le condanne delle prime due sentenze. Ecco è a queste e non all'ultimo atto di ieri che bisogna far riferimento. In entrambi i casi è passato il concetto che "Berlusconi non poteva non sapere" che nulla ha a che fare con il diritto ed il codice di procedura in virtù del quale le prove, si le prove, si formano in dibattimento. Prove non ce ne erano o erano labili? Allora parte il concetto del "non poteva non sapere", ti condanno e dimostrami il contrario. Tutto ciò ha poco a che spartire con la giustizia che usa questi metodi con alcuni e con altri fa finta di non vedere, non sentire e di conseguenza non parlare, come le le tre scimmiette.

Antonio63

Ven, 02/08/2013 - 12:26

Egregio Beaufou. Per il poco che vale, condivido pienamente il suo commento, e aggiungo che considero quanto mai ipocrite le continue esortazioni del nostro esimio Presidente della Repubblica, al rispetto della magistratura e relative sentenze. Evidentemente, per qualcuno, questi magistrati non sono diventati tali a seguito di un concorso....ma sono scesi dall'olimpo inviati sulla terra dal nostro Creatore e quindi infallibili. Personalmente, al netto dei problemi di Berlusconi, dai tempi del compianto Tortora, ho sempre pensato che il "potere" assegnato ai magistrati, e' inversamente proporzionale al loro QI, e a dimostrazione ci sono sentenze eclatanti e una stima dei Cittadini che direi quasi nulla. La nostra giustizia (che parola grossa...) va bene per gli acchiappa galline mentre per il resto la delinquenza continua a farla da padrona. Cordialita'

agosvac

Ven, 02/08/2013 - 12:47

Egregio Lambro(h.9,27), lei ha detto una cosa giustissima. Guai se ora il Pdl cadesse nel trappolone del Pd. Dovrannno essere quelli del Pd a fare cadere un Governo che non hanno mai voluto visto che a loro il bene dell'Italia interessa ben poco. Ora si potrà vedere il reale peso che ha Letta nel suo stesso partito. Si vedrà se riuscirà a fare ragionare i vari civati, renzi( ormai la minuscola sel'è abbondantemente guadagnata),e quella nullità assoluta che è epifani!

michele lascaro

Ven, 02/08/2013 - 12:51

Può darsi che all'estero, come affermano alcuni commentatori, siano contenti che Berlusconi non sia più politicamente presente. Però ci si rivolge a un Tribunale internazionale, che, specie se Berlusconi si rivolge anche a penalisti di fama mondiale, muniti dei cosiddetti, le cose non saranno più vagliate secondo i suggerimenti, che non mancheranno, di repubblica e del fatto (l'unità non conta un fico secco), ma con criteri generali e, mi auguro, con vera giustizia.

Ritratto di venividi

venividi

Ven, 02/08/2013 - 13:00

Ha ragione arturino alle 09:46, questa è la prima di una sfilza di condanne definitive che lo distruggeranno completamente. Ormai questi magistrati hanno perso qualsiasi rispetto per la Legge.

killkoms

Ven, 02/08/2013 - 13:05

@utentegiornale12,la maggior parte dei magistrati sono di sinistra(almeno il 65%)ma TUTTI sono consci di essere una casta,e che la TUTELA delle loro sacre prerogative viene prima della giustizia stessa!

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Ven, 02/08/2013 - 13:08

Siccome i magistrati sono uomini uguali a tutti (BALLE) ed hanno i stessi diritti e doveri, perche voi giornalisti non fatte veramente il vostro lavoro ed indagate sulle simpatie politiche? Solo in questo paese di 4 mondo esiste il diritto ad un magistrat di avere ed esprimere la proprie convinzioni politiche!! Poi devo capire perche quelli di sx denunciano quelli di dx ma quelli di dx non denunciano quelli di sx!! La risposta la sò ma sono curioso di sapere cosa pensano quelli di sx!!

boffodocet

Ven, 02/08/2013 - 13:44

l'espressione delle facce dei sostenitori brindanti dopo che hanno capito che non avevano capito un benemerito.... è l'immagine più bella della giornata di ieri

orso bruno

Ven, 02/08/2013 - 13:55

Vi dico come la penso.Tra le infinite accuse mosse a Berlusconi, c'è anche quella di essere colluso con la mafia E' forse la più stupida e vi spiego perchè.Quando la mafia volle ottenere qualcosa, ricorse agli attentati e costrinse lo stato a scendere a patti.(ormai è stato accertato.) Berlusconi ha speso milioni di euro per i 50 processi che ha dovuto affrontare.Con una spesa infinitamente inferiore,avrebbe potuto ricorrere al sistema:'Castigarne uno per educarne cento '. Non l'ha fatto e, forse. questa è stata la causa della situazione attuale.

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 17:06

X igiulp-10:31; aggiungerei pure schierata ed ideoligizzata!

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 17:22

X Willy Wonker- 10:39; attenzione che tutti noi credo siamo del secolo scorso. Il punto è che quelle cariatidi sono fondamentalmente rinco e non hanno voluto capire le forzature di certi giudizi del Tribunale di Milano, per non dire della evidenza della negazione dei diritti alla difesa visto che tra l'alto è stato negato di tutto dalla produzione di testi, alla produzione di perizie, che in effetti non erano neanche necessarie visto che quella della procura escludeva nei fatti l'assunto della procura. A Milano hanno avuto maggiore peso le teorie sulle prove e le testimonianze. Per quanto riguarda le risate dei sinistri e dei grillini, ahimè hanno ragione hanno avuto un regalo dalla magistratura che mai avrebbero potuto immaginare! Però non hanno per niente capito le conseguenze per l'Italia tutta, quella politica e quella economica in primis.

precisino54

Ven, 02/08/2013 - 22:49

X terzino- 12:26; hai ragione, la prova si forma in dibattimento, il punto è che non si è avuto un dibattimento serio in cui le parti erano sullo stesso piano ed hanno potuto produrre documenti e testimonianze: una per tutti la quasi totalità dei testi a discarico sono stati depennati e la difesa si è potuta limitare a tira fuori qualcosa da quelli dell'accusa, stranamente i testi citati dalla difesa avevano solo uno intento dilatorio, parole della procura, per chiederne il rigetto! Su questa base e neanche leggendo bene gli atti da loro provenienti vedi la perizia della Gabriella Chersicla, CTU della procura, si svolto il dibattimento. Per quanto riguarda poi l'orientamento politico dei magistrati che qualcuno affermava al 65% di sinistra, faccio notare che gli stessi sono divisi in correnti tutte pesantemente indirizzate a sinistra, non esistono correnti di destra, quei pochi magistrati non-sinistri non fanno parte credo di alcuna corrente!