Corallo torna, Fini trema

Il mercato del gioco d'azzardo muove una grande quantità di denaro. In più di un'occasione la strada del re dei videopoker si è incrociata con Fini

Impossibile non chiedersi perché abbia deciso di interrompere la sua latitanza. Soprattutto se lo starà domandando, chissà se con qualche timore, Gianfranco Fini che al re delle slot machine Francesco Corallo, proprietario della Bplus Giocolegale (già Atlantis World Group) è legato da un filo sottile che parte da lontano, almeno dal 2004 quando i due vennero fotografati insieme a pranzo nell'isola di Saint Marteen, una foto che all'ex presidente della Camera ha creato a posteriori qualche imbarazzo. Corallo nel maggio del 2012 era stato raggiunto da un ordine di arresto nell'ambito di un'inchiesta milanese su un presunto finanziamento illecito da 148 milioni di euro concesso alla Atlantis/BpPlus dalla Bpm allora guidata da Massimo Ponzellini, che finì ai domiciliari. Da allora Corallo era sparito dalla circolazione e si era rifugiato a Santo Domingo. Ora è tornato e subito il gip di Milano Cristina di Censo ha fissato l'interrogatorio di garanzia che verrà effettuato per rogatoria da un collega di Roma. Il mercato del gioco d'azzardo legale in Italia muove una grande quantità di denaro e in più di un'occasione la strada del re dei videopoker si è incrociata con quella di Fini. Anche con la vicenda della casa di Montecarlo: James Walfenzao, il broker protagonista degli intrecci societari che hanno portato il cognato di Fini, Giancarlo Tulliani, nell'appartamento monegasco è uomo di Corallo.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 06/08/2013 - 17:21

Fatti non parole. Queste sono solo chiacchiere. Non mi piace il pensiero che Fini possa diventare una vittima. Deve restare dove sta ora: ai giardinetti.

Accademico

Mar, 06/08/2013 - 17:31

Tutti i nodi vengono al pettine. Nella vita tutto si paga. Il Tempo è galantuomo.

Ritratto di giangilo

giangilo

Mar, 06/08/2013 - 17:56

Signori, non preoccupatevi, non succedera' nulla al sig. Fini..to. e' pappa e ciccia con..(indovinate con chi).

Ritratto di filippo agostani

filippo agostani

Mar, 06/08/2013 - 17:57

Spiegate anche che fra le società che gestiscono il gioco d'azzardo c'è la GLAMING (gruppo Mondadori) che ha ottenuto la concessione dai monopoli di stato quando B era premier ed i monopoli dipendevano dal governo stesso. Fra gli azionisti figura anche il marito di Stefania Craxi,... e il gioco (non quello d'azzardo) continua.

ginomari

Mar, 06/08/2013 - 18:23

Lasciatelo in pace, che riposi per sempre nel mare dell'infamia e dell'inettitudine !

conversano

Mar, 06/08/2013 - 18:35

La storia di Fini.to e un vergogna.VERGOGNA VERGOGNA non finirò mai di dire vergogna,BUFFONE ci hai raggirato per 30 anni,BUFFONEEEEEE

igiulp

Mar, 06/08/2013 - 18:56

@filippo agostani - C'è una piccola differenza. La GLAMING ha sede in Milano, la Atlantis nel paradiso fiscale delle Antille Olandesi. Dice niente la cosa ?

bruna.amorosi

Mar, 06/08/2013 - 19:01

Mica questo traditore ha lasciato BERLUSCONI perchè non credeva più al suo fare .ma quando mai si è votato alla sinistra con la speranza che fosse lasciato fuori da tutte le sozzerie che trama . Quella che mi fa schifo è l'avvocata BONGIORNO che gli tiene le fila ..brava proprio brava complimenti .

angelomaria

Mar, 06/08/2013 - 19:09

VEDIAMO PER LUI CHE TATTAMENTO AVRANNO Igiudici per la SERPEson veramente curioso!!!!

Anonimo (non verificato)