I falsi del "Fatto" per difendere Esposito

Il quotidiano di Padellaro & Travaglio ci accusa di aver barato sul bonifico al magistrato, ma la notizia è vera

Aspettando i lunghi iter delle annunciate querele di Antonio Esposito, a processare il Giornale, per fortuna solo a mezzo stampa, provvede il Fatto quotidiano. Che ci bacchetta per i «falsi più falsi» messi nero su bianco ovviamente ad arte per screditare l'alto magistrato, presidente della sezione feriale della Cassazione che ha condannato Berlusconi.

Quali sono i falsi, secondo il Fatto? Il primo è la notizia del bonifico da 974,56 euro (il Fatto scrive 914 euro, non è un falso ma un errore al ribasso) che riporta nella causale, come compenso per la direzione di un centro di consulenza aperto dall'Ispi, l'associazione culturale/agenzia di formazione di famiglia del magistrato, tra i beneficiari il nome di Esposito e quello della moglie. Nemmeno per Esposito, bontà sua, quel bonifico è falso, infatti è vero. Il magistrato ha sostenuto solo di avere un conto cointestato con la moglie (ipotesi tra l'altro contemplata esplicitamente nell'articolo), affermando che era lei l'unica e sola beneficiaria di quella somma.

Ma il falso più falso, secondo il quotidiano di Padellaro e Travaglio, è un altro estratto, anzi, uno stralcio. Quello dell'ordinanza di arresto del prefetto Franco La Motta.

Nello specifico un passaggio in cui il gip di Roma, per motivare il rischio di inquinamento delle prove da parte dell'uomo poi arrestato, parla delle «aderenze» del prefetto, riportando una nota del Ros su due telefonate intercettate a La Motta. Che chiama prima un tal Ferdinando Esposito - identificato dal Ros nel pm milanese figlio di Antonio - a cui rivolge un frettoloso saluto «affettuoso» per poi liquidarlo, e poi un altro Ferdinando, al quale chiede di far da «ponte» con il padre. Il secondo Ferdinando, che usa un'utenza dell'amministrazione penitenziaria (utenza presente anche nell'annuncio di vendita di una moto messa online da un certo ferdinando.esposito), non è il pm ma il suo omonimo cugino, come hanno appurato dopo la notifica dell'ordinanza gli investigatori. Il Giornale ha ricostruito, basandosi su quegli atti giudiziari che sono gli stessi in seguito depositati al Riesame, quel passaggio della nota del Ros. Spiegando chiaramente la strana successione delle telefonate e l'unica individuazione certa al momento in cui l'ordinanza è stata redatta: quella della prima utenza. E mantenendo la stessa cautela di Ros, procura e inquirenti sull'identità del secondo Ferdinando. Il passaggio sulle «aderenze» con le due telefonate ai «Ferdinandi», tra l'altro, aveva avuto ampio risalto su diverse testate il 15 giugno scorso, giorno successivo all'arresto. Non sul Fatto quotidiano, che pur riportando ampi stralci dell'ordinanza s'è limitato a citare generiche «aderenze» da quest'ultimo vantate.

Il non aver intercettato la precisazione post-arresto della procura, diffusa solo il giorno dopo e via agenzia di stampa, mica recapitata in redazione, è dunque «il falso più falso» per il Fatto. Che è più fortunato. Quando per esempio a giugno 2012 il quotidiano di Padellaro ha raccontato di pranzi tra il pm Ferdinando Esposito e il «presunto riciclatore della 'ndrangheta» Giulio Giuseppe Lampada, il giovane Esposito, per smentire, ha girato la richiesta di rettifica direttamente al quotidiano, che l'ha pubblicata in calce e via in pace.

A noi, ovviamente, non è invece bastato darne conto il giorno dopo il pezzo, dopo aver intercettato - meno male - l'ennesima richiesta di querela dell'alto magistrato.

Commenti

Sinistra al caviale

Dom, 18/08/2013 - 10:01

Il Pacco Quotidiano vive esclusivamente di falsità e di descrizioni adattatte alle capacità intellettive dei propri lettori.. a proposito stiamo ancora aspettando le famose foto delle cene di Arcore, perfino la Boccassini ci contava, almeno avrebbe fornito qualche straccio di prova..

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Dom, 18/08/2013 - 10:25

Avendo una totale idiosincrasia nei confronti di questo giornaletto e dei giornalai che su esso scrivono e non a caso il direttore si chiama padellaro ed il vice travaglio, ebbene, non mi ero mai preso la briga di collegarmi on line. Stamane l'ho fatto e, mosso da una sorta di curiosità, sono andato a leggermi i molti "commenti" degli aficionados in spe.La prima cosa che salta all'occhio, è la quasi totale mancanza di commenti chiamiamoli così,controcorrente e la seconda, è il vilipendio continuato e aggravato che si perpetra nei confronti della lingua Italiana, un vero stupro, da parte dei molti minus habens che vi "scrivono".Per dirla alla Flaiano:oggi i cretini sono pieni di idee ed anche molto specializzati.Ma il mondo è bello sempre, anche quando lo si vede da un angolo ottuso.Dalton Russell.

jakc67

Dom, 18/08/2013 - 10:42

il fatto è la conferma che l italia è abitata da troppi fessacchiotti, ma basta pensare alla popolarità di un loro compare, tal saviano per capirlo...

Ritratto di Destrimane

Destrimane

Dom, 18/08/2013 - 10:48

è inutile dare spiegazioni tanto chi compra il fatto non vuole sentire spiegazioni come del resto anche tanti che comprano il giornale sono schierati ottusamente all'opposto....lo diceva il grande einstein è più facile scindere un atomo che togliere un pregiudizio...

unosolo

Dom, 18/08/2013 - 10:49

per chi segue la politica dall'esterno sa delle strane verità che alcuni giornalisti spadellano nei giornali sinistri o almeno dei giornali in cui gli articolisti montano quelle strane uscite di verità , per non parlare delle smentite pubblicate negli annunci mortuari nei trafiletti in una sottilissima riga . sopportiamo.

Stefano Fontana

Dom, 18/08/2013 - 11:06

Effettivamente le possibili aderenze della malavita sono una pericolosissimo segnale, tranne quando ci si mette in casa uno stalliere mafioso... allora tutto ok.

paolo scotton

Dom, 18/08/2013 - 11:09

da che pulpito arriva la predica. ma li leggete i vostri articoli ?

ciannosecco

Dom, 18/08/2013 - 11:10

"Sinistra al caviale" Egregio,al fine di evitare malintesi,le segnalo che ,il Pacco Quotidiano è un sito antagonista del Fatto Quotidiano,curato da dei bravissimi blogger.Ritengo che ,il Falso Quotidiano,sia il termine più adatto.Saluti

ciannosecco

Dom, 18/08/2013 - 11:11

"dalton.russel"Che ti giunga, il mio più affettuoso abbraccio,amico mio.Lino

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 18/08/2013 - 11:16

@dalton.russell, non ci credo che hai letto mosso da curiosità. E' una banale scusa per renderti conforme al piattume della platea di destra. Secondo me leggi ilfatto tutti i giorni per acculturarti e non vuoi che i malDestri se ne accorgano. PS: in rete e nei blog l'estetica della lingua italiana non serve, usarla indebolirebbe la discussione a livello di comunità, e renderebbe salotto ideologico il tutto. Ti consiglio di studiare la P.N.L.

cicero08

Dom, 18/08/2013 - 11:25

Grazie chiunque sbaglia deve pagare kl fio della sua colpa. Il giornale ha sbagliato alla grande quando non ha tirato fuori le notizie su Esposito prima dello svolgimento dell'udienza in Cassazione. Ora sono solo chiacchiere e guai.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Dom, 18/08/2013 - 11:36

La "cultura" che domina il Paese é quella della fogna: vile, ignorante, ottusa e violenta. Non si spiega altrimenti come si possa lasciare il Paese in mano agli emuli di Jagoda, Ezov e Beria, scorie della umanitá, escrementi indicati dalla Storia, abili a inventarsi ogni pretesto per scatenare tutta la violenza necessaria per eliminare qualunque dissidenza al loro "stato burocratico totalitario, mafioso e parassita sopra la pelle dei Lavoratori" e salire nella sua tetra gerarchia di potere ... Dalla caduta del Muro in tutto il Mondo sono 23 anni che dura la repressione poliziesca e la incontenibile deriva nel Paese ... Le menti della massa sinistrate dalla menzogna e piú che altro la delinquente ottusitá dell´apparato burocratico non hanno convenienza a comprendere la realtá e censurano la evidenza dei fatti di un Paese soffocato nelle sue forze vitali e ridotto allo stremo dalla insaziabile e irrefrenabile ferocia del cancro parassita. Quello che questi dementi faticano a comprendere (inutile appellarsi al traino di una crescita a livello mondiale, che tra l´altro non é mai venuta meno, quando il Paese dilaniato dal cancro terminale perde di competitivitá e vitalitá a vista d´occhio appunto nel mercato globale) é che non ci sono vie di uscita: o con il coraggio della Veritá e di scelte razionali coerenti o molto piú probabilmente con la violenza del Default, a cui spinge la demenza dell´autoritarismo domiante, anche in Italia sará abbattuto il Muro di Berlino dello "stato burocratico totalitario, mafioso e parassita sopra la pelle dei Lavoratori", quel Muro della vergogna, caduto in tutto il Mondo insieme alla sua "menzogna comunista sopra la pelle dei Lavoratori", anche nella ex Cina di Mao.

simsim

Dom, 18/08/2013 - 11:47

il Fatto pubblica i fatti, il giornale pubblica tutto quello intorno ai fatti e li interpreta secondo l'adeguatezza politica. Lo sappiamo benissimo che VOI SAPEVATE del conto cointestato. Non bastava chiedere A CHI era rivolto il bonifico?

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Dom, 18/08/2013 - 12:00

Mi domano e dico, perché non lo querelate?

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Dom, 18/08/2013 - 12:12

I drogasti dello "Strafatto quotidiano" scrivono solo dopo essersi infilato l'ago in vena, quindi perchè meravigliarsi?

Sinistra al caviale

Dom, 18/08/2013 - 12:42

x ciannosecco, ok grazie per la segnalazione. Salutoni

Ritratto di bracco

bracco

Dom, 18/08/2013 - 13:18

La feccia quotidiana, è l'armata brancaleone della magistratura politicizzata

odifrep

Dom, 18/08/2013 - 15:17

x Lino e Dalton-Russel - innanzitutto ti ringrazio per il pensiero su Libero. Hai avuto una bella idea nel titolare "il Falso Quotidiano". Anche se avrei preferito "il falso Fatto Quotidiano". Vedo la differenza nella disinvoltura della gente che, potrebbe credere in una nuova testata giornalistica. Mentre -a mio avviso- piazzare il falso avanti al Fatto Quotidiano, imprimerebbe nella mente di quella povera gente, la falsità dei fatti che, quotidianamente scribacchiano sulla carta. un abbraccio Vincenzo. @ Dalton-Russel - mi spiace per il tempo che ha sprecato; io nemmeno credevo che esistesse un loro web. A vederli sempre qui e su Libero, li credevo apolidi. Cordialità

ciannosecco

Dom, 18/08/2013 - 19:04

"Sinistra al caviale"Ci mancherebbe,consiglio vivamente la visione del sito in questione.Ci sono articoli interessanti e tutti i commenti bannati dal falso Fatto Quotidiano.Saluti.