Addio Monti, meglio i gay Il Pd scarica prof e Casini

Bersani firma con Vendola e Nencini un patto che ignora l'agenda del governo e riconosce le unioni omosessuali. Il leader Udc: "Un errore che mi preoccupa"

Casini già twitta alacremente che ancora i tre leader della sinistra del centrosinistra stanno sul palco: ora è chiaro, dice severo, «l'ipoteca di Vendola sulle primarie è superiore a quella di Renzi. Che errore eliminare ogni riferimento al governo Monti dal manifesto».

Vendola naturalmente ci va a nozze, «Casini si deve rassegnare», l'Italia non è «sempre il paese dei Gattopardi» come pensa lui. E se il governo Monti («che il Pd sostiene con sempre maggior sofferenza») non è neppure citato nel «manifesto dei progressisti» è meglio per Monti: «Avrebbero potuto essere solo cenni negativi», dice il leader Sel. Bersani non smentisce e non sembra granché preoccupato del fatto che il suo principale futuro alleato di centro lo stia mandando a quel paese, anzi se la ride: «Casini non si preoccupi, oggi è una bella giornata per noi e per il Paese».

Comincia con un bel litigio tra centro e sinistra (compreso ovviamente il riconoscimento alle coppie gay, che con buona pace di Casini e Bindi sarà nel programma) la lunga marcia verso il governo del centrosinistra. Una marcia che, nei progetti bersaniani, dovrebbe portare nel 2013 ad una coalizione Pd-Sel-Udc più ovviamente i Socialisti di Nencini, promosso ieri a triumviro progressista. Twitta irritato Casini, e twittano i centristi del Pd: «Questa alleanza non basta né per vincere bene né per governare», avverte Fioroni. «Servono moderati e Monti, anche con Vendola scontento. Mai con la foto del Palazzaccio». Già, perché i progressisti potrebbero non essere mica finiti qui, con Bersani, Vendola e Nencini che ieri hanno celebrato l'intesa firmando la «carta di intenti» che sarà, promettono, il loro «patto vincolante». Rischia di rispuntare proprio quella «foto del Palazzaccio», ossia dei promotori del referendum anti Fornero su cui proprio ieri è partita la raccolta firme, che a Fioroni e tanti altri Pd fa ancor più orrore della foto di Vasto. Col premio di coalizione (quello che, non a caso, non piace a Napolitano) contenuto nella bozza di legge elettorale ma soprattutto nel prediletto Porcellum, Di Pietro ha molte speranze in più di tornare ad agganciare il suo traballante vagone alla locomotiva Pd. «Come abbiamo sempre detto, Bersani dovrà per forza allearsi anche con l'Idv per vincere, e lo sa», spiegava giorni fa un soddisfatto Franco Giordano (Sel) ad uno sconfortato Mario Adinolfi, Pd.

Eppure Bersani non si mostra preoccupato per gli strappi di Casini e gli allarmi dei suoi, e resta convinto che vincerà «facendo sintesi», come spiega il lettiano Boccia: mettendosi al centro e, secondo l'antica scuola Pci, mediando tra le ali. Prima le primarie, «facendo sintesi tra Vendola e Renzi»; poi le elezioni. E a Casini, che oggi fa lo schifiltoso e lancia anatemi (caldamente ricambiati) contro Vendola, non resterebbe che aggregarsi per mancanza di alternative e accettare che Bersani continui a fare sintesi tra lui e Nichi, da Palazzo Chigi. A meno che la legge elettorale cambi davvero, il premio di coalizione venga prosciugato (come sembra indicare il Colle) e le nuove regole abbiano, paventa Franceschini, «come conseguenza certa che nessuno vinca». Soprattutto Bersani.

Pier Luigi Bersani ha deciso di partire dalla stazione di servizio del padre a Bettola, il suo paese natale sulle colline piacentine della Val Nure per la sua avventura alle primarie. E il paese ricambia, ovviamente. L'unico a mancare oggi sarà il «don Camillo» del paese: don Angelo Sesenna sarà infatti «occupatissimo» nelle celebrazioni: «Ho una fitta agenda di messe». In realtà pare che voti Renzi...

Commenti

Mario Marcenaro

Dom, 14/10/2012 - 09:52

E poi c'é ancora Qualcuno che parla bene della Politica, dei politici e del dovere, quand'anche fosse poi reso possibile , di andare a votare. Ma come é possibile, con questo quadro miserando, con pletore di affamati di potere e prebende da voto, Ormai non c'é più tempo per continuare a scannarsi per quei problemi che esistono solo per quella parte di persone che hanno qualche inconveniente di carattere personale e che non si rendono conto di essere utilizzati e sfruttati come bancomat di voti! Vogliamo programmi, vogliamo idee. Ma già, se anche una persona intelligente come Matteo Renzi, che pure ha esternato qualche cosa di innovativo, oltre la destra, il centro e la sinistra e menate del genere, ormai buone solo per la storia degli orrori, anche se Matteo Renzi comincia a scivolare sulla dequalificazione di coloro dei quali non condivide le idee, anziché parlare solo ed unicamente del suo programma politico, delle sue risorse e dei tempi di realizzazione, quello cioè che noi vogliamo sentire, ciò purtroppo é un indice di uno sfascio di cui, purtroppo in pochi ancora, si stanno rendendo conto. E intanto del problema di base, il mostruoso debito pubblico italiano, continua a crescere: ma nessuno sembra ricordare che per poterlo pagare i problemi saranno proporzionati alla sua mostruosità. Auguri a tutti noi!

cameo44

Dom, 14/10/2012 - 10:19

Mi chiedo cosa farà adesso Casini visto l'aacordo fra il PD e Sel lui che ha sempre parlato di serietà e responsabilità e che la sfida non è fra centrodestra e centrosinistra ma fra gente seria e responsabile e non lui dove si colloca? e ora dove pensa di trovare casa? ma i proble mi sono anche all'interno del PD Fioroni e la Bindi come tanti altri come fanno a condividere le tante differenze di idee all'interno del PD? capisco che a loro interessa solo vincere le elezione per governare bene e a favore dei cittadini poco importa a tutti e visto i precedenti di queste ammucchiate abbiamo poco di che stare tranquilli

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Dom, 14/10/2012 - 10:36

Vendola ha un solo obiettivo : le nozze gay. Bersani ha un solo obiettivo : far fuori Renzi. Il PSI ha un solo obiettivo : trovare un monolocale libero per fare la riunione degli iscritti. Noi abbiamo un solo obiettivo : spazzare via questi qua perché sono talmente fuori dalla realtà che vive la gente comune che viene il sospetto che siano un pochino dementi. Nessuno può consentire che possano andare al governo in un momento così grave.

tartavit

Dom, 14/10/2012 - 10:37

E così Bersani (il Ferrini dei pedalò) ha suicidato il PD con l'intesa con Vendola. L'unico modo per perdere le elezioni era il connubio con il partito di Vendola e con tutta la sinistra estrema. Manca ancora l'intesa con Di Pietro, Vendola permettendo, e il guaio è fatto fino in fondo. Gli Italiani si ricordano bene l'ultimo governo (si fa per dire) della sinistra con Prodi come presidente del consiglio. I partiti della coalizione stavano, a giorni alterni, ora con il governo ora contro il governo, rendendo impossibile qualsiasi azione concreta dell'esecutivo. E' dunque dimostrato (dalla storia) che una accozzaglia di gente che la pensa in modo diverso su tutto e su tutti, non potrà mai realizzare qualcosa di concretamente valido per il paese. La stessa posizione nei confronti dell'operato di Monti ( Che ha salvato l'Italia dalla catastrofe) è per Vendolone totalmente all'opposto di quella di Bersani e del PD nel suo complesso. E come si potrà sperare nella collaborazione di Monti, se Vondola lo vede come fumo negli occhi? O si vuol fare intendere che la nuova coalizione sia in grado di traghettare l'Italia fuori dalla crisi? Mah! Si spera sempre in una possibile vittoria di Renzi che pare abbia la struttura mentale per orientarsi in questo mondo globalizzato e complesso sia dal punto di vista della politica, ormai sovrastatale, che dell'economia e della finanza.

Mario-64

Dom, 14/10/2012 - 10:43

Il PDL puo' dormire sonni tranquilli ,questi qui ad aprile non ci arrivano ,si disintegrano prima..

Ritratto di Senior

Senior

Dom, 14/10/2012 - 10:55

Bersani ondeggia verso il centro poi lo lascia e va verso la sinistra. Non so perché ma questo fare mi ha riportato alla memoria un detto attribuito ai napoletani del tempo che la Spagna si alternava nel dominio di Napoli con i Borboni, il detto recitava: " Francia o Spagna, basta che se magna". senior

vince50_19

Dom, 14/10/2012 - 11:00

Sai che novità? Casini farà il corridore solitario? Chi se ne frega: sono sempre gli stessi di.. sempre. Nulla di nuovo in questo orizzonte maleodorante da qualche decennio.

cameo44

Dom, 14/10/2012 - 11:05

Ci dica Casini adesso che il PD ha scelto Vendola dove pensa di trovare casa e visto che parla sempre di serietà e responsabili tà dove si colloca lui? sostiene che la divisione non è fra cen trosinistra e centodestra ma fra responsabili e seri e non lui con chi crede di stare? ma non è il solo a navigare a vista an che all'interno del PD vi sono diverse anime e pensieri leggasi Fiorni Bindi e non solo come pensano questi di condividere le idee e programmi di Vendola? capisco a lor signori interessa vin cere le elezioni e non governare bene il paese nell'interesse di tutti i cittadini visti i precedenti risultati di queste ammuc chiate miseramente fallite prima delle elezioni è facile fare le promesse e sbandierare programmi il difficile viene subito dopo quando ognuno vuol prevalere altro che riforma della legge elet torale occorre riformare l'intero sistema si voti come per i sindaci si presentino tutti e poi i primi due partiti vanno al ballottaggio e chi vince governa senza compromessi e ricatti e l'opposizione faccia la sua parte ma costruttiva e non demago gica e dicendo sempre no a prescindere

Giorgio Rubiu

Dom, 14/10/2012 - 11:10

Intanto dalla coalizione PD sono usciti i Radicali. Sono pochi e contano, numericamente, poco. E', però, sintomatico che il PD non li voglia più. Forse davano fastidio ad altri alleati più numerosi o, come hanno dimostrato in passato andando controcorrente, sono una spina nel fianco di cui è meglio liberarsi. Questi Radicali, però, per continuare ad esistere in parlamento, dovranno allearsi con qualcun altro e non porteranno più acqua al mulino del PD. Mi aspetto comunque che, come dice #Mario-64, questa ritrovata armonia non durerà fino ad Aprile 2013. Troppi interessi contrastanti messi, al momento, a dormire per convenienza.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Dom, 14/10/2012 - 11:12

Il PD scarica prof e Casini? Era ora! Finalmente un'iniziativa vagamente di sinistra.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 14/10/2012 - 11:24

La attuale "politica",ogni giorno ci mostra un segno di lungimiranza,di "visione" dei problemi,e di possibili soluzioni!!!!

Walternativo

Dom, 14/10/2012 - 11:36

In nutrito gruppo di persone che non ha i più elementari diritti come quello al mantenimento, alla visita in ospedale eccetera E' un problema del paese, E' una vergogna, ed E' dovere della classe politica inserirlo nella agenda di governo. E' una vergogna per chi ignora questa situaizone o vorrebbe vederla ignorata.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Dom, 14/10/2012 - 11:38

Così il caro pierfurby viene buttato alle ortiche con tutte le sue oche (adesso provi quello che noi italiani abbiamo provato quando girò le spalle al Berlusca. Chi di spada ferisce di pada perisce. Che goduria..

fcf

Dom, 14/10/2012 - 11:39

La sinistra italiana si caratterizza per il vuoto assoluto che ha nella testa. La massima aspirazione dei trinariciuti è rappresentata dai matrimoni gay e questo ci conferma cosa dovremmo aspettarci da loro.

VermeSantoro

Dom, 14/10/2012 - 11:43

Come liberarci di questa .....daccia che ci sta dissanguando (da cui la celebre frase: "fate quello che dico io ma non fate quello che faccio io") chi gli deve staccare la spina ?

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Dom, 14/10/2012 - 11:47

Preciso, preciso quello che ha auspicato il Presidente della Repubblica. Fare una coalizione da Vendola a Casini pessando per Nencini, Di Pietro, Fini e magari qualche altro cespuglietto tipo Mastella o corrente è esattamente l'idea di coalizione omogenea, atta a governare, che si aspetta Napolitano.Tanto agli ex DC, che siano o meno all'interno del PD, dei principi non frega nulla; basta raccimolare una comoda poltrona.Una volta c'era un sentimento chiamato dignità. Si è perso in chissaà quali meandri.

alba181

Dom, 14/10/2012 - 11:48

come si fa a mandare a casa tutta questa gente? fanno schifo uno peggio dell'altro, ma chi sono quelli che vogliono ancora Monti? con domani tasse su pensioni di invalidità, pensioni di guerra, pensioni di ogni genere.... ma è possibile che nessuno riesca a togliere a loro nemmeno un cent? votiamo Vendola che vuole sposarsi e avere figli? Bindi presidente al posto di Napolitano, ecc. solo le loro poltrone sono importanti e basta... poi alla fine di tutto questo discutere di arresti di ruberie alla fine nn succederà nulla, saranno sempre tutti lì ancora con più soldi... votare? non ci penso proprio..

maxmello

Dom, 14/10/2012 - 12:26

Premetto che il PD non mi piace nemmeno un po', ma quello che sta succedendo in quel partito fa parte delle dinamiche democratiche, ricordo mio nonno che quando ci trovava a far casino sbottava dicendo:" Cosa è questa confusione? Pare una democrazia" Insomma i problemi di sinistra sono quelli di qualsiasi partito democratico in cui si cerca di prevalere con la forza delle idee, buone o cattive poi decideranno gli elettori alle primarie. Il problema del PDL e del centro destra è che dopo 20 anni di dominio incontrastato di silvio non riconoscereste la democrazia nemmeno se vi pestasse i piedi. Come si fa a criticare un partito quando il proprio in 20 anni di esistenza non ha fatto mai nemmeno un congresso ?

Lino1234

Dom, 14/10/2012 - 17:47

Casini, fini e Bindi . il trio che porta sfiga. Alla larga, alla larga dal PDL ! Meglio, molto meglio, piuttosto perdere le elezioni. Saluti. Lino