Alfano contro la Ue Ed è scaricabarile sull'immigrazione

Bruxelles: in marzo chiesto all'Italia cosa potevamo fare, nessuna risposta. Il ministro: bugia. Intanto sale il conto dell'invasione

Nel Millennio di internet l'Sos è affidato alle lettere. Arrotolate in una bottiglia e affidate al mare, con la speranza che un giorno la corrente giusta le recapiti. Mittente l'Europa, destinatario l'Italia. E viceversa.

Nell'emergenza da tempo «ordinaria» del mar di Sicilia, più affollato di un suk, dove le onde regalano sogni impossibili spesso trasformandoli in lutto prima del risveglio, il Belpaese entra in rotta di collisione con il Nord.

Con Bruxelles, ma anche con gli partner europei, vedi Angela Merkel che appena qualche mese fa lasciò languire al freddo una ventina di profughi accampati alla Porta di Brandeburgo. Mentre a Sud, appendice italica dell'Europa, si invade. E si muore.

Eccolo il varco dimenticato dai «soci» di Continente. Eccolo il confine dove l'Italietta gioca la sua estenuante partita a ping pong contro il resto d'Europa. Tutto affidato a missive reciproche, poco conosciute e altrettanto poco lette, in cui l'inerme vice premier e ministro degli Interni Angelino Alfano prova a farsi sentire.

Corrispondenze tanto «segrete» quanto finora inutili. A chi toccano i carichi quotidiani di migranti disperati? A chi le spese, gli oneri i doveri di soccorso? Lo smistamento?

La Commissaria europea agli Affari interni Cecilia Malmstroem, a ogni tragedia dell'immigrazione, si lava la coscienza ripetendo di sentirsi «profondamente colpita dalla nuova tragedia»; il nostro bicefalo governo, capace di cancellare il reato di clandestinità- lasciando passare in messaggio «benvenuti a tutti»-, invoca l'intervento dei Ventotto. Le parole di Michele Cercone, portavoce della Malmström, evidenziano così, dietro plausi di facciata, un'aspra polemica: «Lasciatemi ringraziare le autorità italiane per i loro enormi sforzi nell'attuare l'operazione Mare Nostrum... c'è una visione comune di quello che è necessario, ma ora sul tavolo servono proposte concrete», ha spiegato ieri ai microfoni di RaiNews24. «Noi abbiamo messo a disposizione tutti gli strumenti di cui la commissione dispone. Sta all'Italia indicarci come le misure concrete debbano essere indirizzate per dare il nostro sostegno in maniera più immediata. Poi si lavorerà sulle linee strategiche fornite dal ministro Alfano».

Si gioca di sponda e rimbalzi. Alfano dal canto suo, stavolta arrabbiato, replica. «È un'Europa della burocrazia quella che di fronte ai morti chiede letterine. L'Italia ha già fornito tutte le indicazioni di cui la Ue necessita per intervenire nel Mediterraneo in maniera concreta». La prima: «Accoglienza umanitaria in Africa, in particolare in Libia (adesso finalmente lo dice anche la presidente della camera Boldrini, ndr). La seconda: «Il soccorso in mare deve essere fatto dall'Europa attraverso Frontex». Poi gli altri due punti per affrontare l'emergenza immigrazione. «Frontex deve avere una sede in Italia e non a Varsavia, le navi di soccorso battano bandiera europea. Infine, elemento importantissimo, siccome i migranti non vogliono stare tutti da noi, devono avere la possibilità di esercitare il diritto di asilo politico anche nel resto di Europa. Altrimenti trasformiamo l'Italia nella prigione dei rifugiati politici». «Se il problema è quello spedire letterine, invece di spedirle domani prendo un aereo e ci vado io a Bruxelles», la minacciosa promessa. Che per la verità non spaventa l'indifferente «condominio Ue», coeso almeno nel fare orecchie da mercante. Ma da marzo a oggi perché questo famoso viaggetto il ministro non l'ha mai fatto?

Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Mer, 14/05/2014 - 08:44

Che Alfano la smetta di dire cazzate. Se la sua politica consiste, SOLAMENTE nel commentare i propri MALFATTI, CHE VADA A SCOLARE IL MARE E SI RITIRI DALLA SCENA POLITICA.

ronin59

Mer, 14/05/2014 - 09:31

Alfano chi? il ministro degli interni a sua insaputa? E sai le risate che si fanno in europa.. qualsiasi cosa sia l'europa e chiunque la rappresenti l'europa... Facciamo pure noi un referendum per farci annettere dalla Russia,secondo me risolviamo da subito il problema di africani,magrebini,zingari e /o feccia varia. Alla fine meglio uno Zar come Putin che uno ZERO come Renzi,Alfano, e compagnia.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 14/05/2014 - 09:44

A sentirli parlare in tv sono tutti d'accordo, dagli ultracomunisti a Forza Nuova: è un problema europeo, non italiano. E alùra? Cosa vogliamo fare? Continuiamo a piangerci addosso, oppure diciamo alla ue: "ragazzi, o vi date una mossa entro tre giorni (non trent'anni) o noi iniziamo coi respingimenti, come fanno da anni Spagna, Grecia, Malta e Francia"? C'è qualcuno in Italia in grado di fare un discorso serio di questo genere, o no?

Holmert

Mer, 14/05/2014 - 09:49

Alfano dice che se l'Europa non interverrà collaborando a mettere un argine o quantomeno alle spese per il mantenimento ed il soccorso alla massa di africano che arrivano in Italia via mare, egli farà in modo di mandarli fuori dall'Italia verso altri lidi europei. Ritengo che le azioni si pensano e si compiono senza sbandierarle ai 4 venti, tanto per minacciare dando fiato alle arcate dentarie. E' come se un generale svelasse il suo piano, prima dell'attacco. Forse ignora Alfano che l'UE ha dimostrato in anni ed anni in cui vanno avanti le traversate, che nun glie po' fregà de meno. Anzi ci fa pure le ramanzine. Ora è noto che falliti tutti i dialoghi e le sedute intorno ad un tavolo e che le cose non si risolvono con i pannicelli caldi, a questo punto si deve passare all'uso delle maniere forti, come per esempio sparare ai trafficanti che guidano i barconi. Sembra una cosa ovvia, ma chi si oppone? Indovinate? I soliti profeti del pensiero debole, del politically correct, del dabbenismo di maniera e salottiero, di coloro ai quali degli italiani che non ne possono più non gli importa nulla, gli antirazzisti isterici e tutto l'ambaradan cattocomunista terzomondista. E intanto Alfano continua ad abbaiare alla luna e pestare l'acqua nel mortaio ed ha timore reverenziale, insieme ai tanti altri parlamentari e presbiteri italiani di complemento, di prendere decisioni risolutive una volta per tutte . Ed allora così stando le cose, finitela di romperci i cglioni tutti i santi giorni che sono sbarcati o sono perite tot persone . Ormai non è più una notizia. Una cosa che va avanti da anni ed anni, che notizia è? E' solo un rompimento di cglioni, che evidenzia la fine che ha fatto questa nazione in mano a certa gente, inetta ed incapace. Una nullità che governa il sistema Italia ormai nelle mani di pazzi scatenati.

Rossana Rossi

Mer, 14/05/2014 - 10:31

Anche questa è una vicenda vergognosa al pari di quella dei marò. Povera Italia..........

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 14/05/2014 - 10:50

Grazie alle pensate degli idioti che ci governano siamo divenuti la patria del ludibrio e dell'illegalità. Il paese in cui è possibile arrivare ospiti anonimi ed esercitare le più svariate attività criminose, dallo spaccio alla prostituzione sino ai reati predatori ed all'accattonaggio molesto,senza dover incorrere in sanzioni di significativa entità. E' ora di annichilire questa congrega di traditori con il voto del 25. Senza cedere alle suggestioni urlate di chi, sull'immigrazione clandestina, continua a fare il pesce in barile. Avanti tutta, Lega!

marvit

Mer, 14/05/2014 - 10:53

Alfano prima spieghi perchè solo l'Italia accetta e piega il capo sui rimbrotti della UE,per inadeguatezza negli accoglimenti, nonostante sia l'unico paese a non effettuare i "respingimenti". In proposito: qualcuno ha mai sentito qualche aspra critica Ue nei confronti di Spagna,Francia e Grecia che su gli immigrati illegali ci vanno giù proprio di duro???

piertrim

Mer, 14/05/2014 - 11:08

Qui son tutti degli scaricabarili, la UE, il nostro Governo, Alfano. In Italia va male, non c'è posto né soldi nemmeno per i nostri compatrioti, l'immigrazione non ci serve e costa un occhio. Allora si respinge, non si accetta e poche chiacchiere!

Mobius

Mer, 14/05/2014 - 11:29

Molto ben detto, Holmert.

Felice48

Mer, 14/05/2014 - 11:50

Altri governi hanno tentato di risolvere il problema immigrati alle origini con accordi. Tentare di arginare questa piaga nei paesi di partenza anche con interventi economici. Tanto spendiamo forse più in accoglimenti incontrollati. Chissà se il nostro ineffabile ministro abbia preso in considerazione questa ipotesi o si è affidato solo alla demagogia dei sui alleati di cui sostiene gli ideali.

amedeov

Mer, 14/05/2014 - 11:51

Purtroppo l'Italia ha una spina al fianco che si chiama Vaticano a cui deve ubbidire oltre al fatto che i nostri governanti non hanno gli attributi per imporsi. Un caso su tutti: la vicenda dei due MARO'

Mobius

Mer, 14/05/2014 - 11:55

Pare che questi africani siano un problema irrisolvibile: nei loro Paesi non possono stare perchè incapaci di fondare e amministrare uno Stato moderno, in Europa non vogliamo accoglierli e integrarli perchè sono troppi e troppo diversi da noi, non possiamo nemmeno aiutarli a casa loro perchè i nostri aiuti sarebbero presto vanificati dai locali regimi dispotici; neppure servirebbe abbattere questi regimi, perchè verrebbero subito rimpiazzati da altri. L'unica cosa da fare è ricolonizzare l'Africa: eliminare i tiranni approfittando della nostra superiorità bellica, poi istituire dei protettorati dipendenti dai vari Stati progrediti; i quali, si spera, col tempo (decenni o secoli) riusciranno ad instradare gli indigeni verso il progresso e la stabilità. "Vaste programme", direbbe De Gaulle; ma al momento altro non vedo, mi scuso per la scarsa fantasia.

Ritratto di falso96

falso96

Mer, 14/05/2014 - 12:07

Giusto il soccorso... in mare. Ma poi, almeno, i controlli per EBOLA MERS .... li facciamo, o speriamo che ci vadaBENE!!!????

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 14/05/2014 - 12:18

L'EUROPA DEVE FARE QUESTO, L'EUROPA DEVE FARE QUEST'ALTRO PER AIUTARCI AD ARGINARE QUESTA IMMIGRAZIONE !!!! UN MOMENTO MA SONO STATI I CATTOPROGRESSISTCOMUNISTI COL LORO FINTO BUONISMO, COL LORO TACCIARE PER RAZZISTI CHI SEMPLICEMENTE DISSENTIVA,COL LORO INCORAGGIARE QUESTA IMMIGRAZIONE (CILIEGINA SULLA TORTA MARE NOSTRUM VOLUTA DAL CIRCA COMPAGNO letta) CON QUESTA SOLIDARIETà PELOSA MOLTI CATTOPROGRESSISTCOMUNISTI HANNO FATTO CARRIERA, PRESO PIU' VOTI ECC ECC, INSOMMA SEMPRE CONVINTI DI CAVALCARE LA TIGRE A LORO VANTAGGIO, ORA PERO' LA SITUAZIONE GLI STA SFUGGENDO DI MANO COSI' VANNO A PIANGERE AIUTO IN EUROPA, A QUESTO PUNTO SE L'EUROPA CI MANDA A FARE IN C..O NON HA TUTTI I TORTI, SE I CATTOPROGRESSISTCOMUNISTI PER QUESTI PROBLEMI AVESSERO PENSATO AL BENE DEGLI ITALIANI E NON AL PROPRIO TORNACONTO (CHE ORA GLI STA SFUGGENDO DI MANO) NON SAREMMO IN QUESTA SITUAZIONE, RIUSCIREMO MAI A SPIEGARE E FARE CAPIRE QUESTE COSE AL CATTOPROGRESSISTCOMUNISTA ?