ALTRI RIMEDIOggi le carie si curano con l'ozonoterapia

Fra le nuove proposte odontoiatriche che promettono di curare le carie senza sentire dolore c'è anche l'ozonoterapia. Consiste nell'utilizzo del noto elemento chimico (una forma di ossigeno presente nell'aria che ci difende dai raggi solari nocivi), al posto del trapano e dell'anestesia, per debellare i batteri responsabili delle carie dentarie e stimolare le difese naturali dei tessuti vivi del dente. È indicata per le carie nei primi stadi di sviluppo (quindi va benissimo anche per i bambini), o quando l'infezione ha intaccato la polpa dentale: in questi casi si può operare per cercare di evitare la devitalizzazione, salvaguardando il dente e riducendo la sensazione dolorosa. Il trattamento standard è veloce - varia fra i 20 e 60 secondi - e totalmente indolore. Il dentista per agevolare l'operazione applica una «banda» di silicone sul dente malato, così da poter agire solo sulla parte danneggiata dalla proliferazione batterica.