Armani: l'Italia va risollevata

Lo stilista sottolinea la necessità di cambiamento del Paese ma avverte "i giovani devono imparare a lavorare"

"Il Paese va risollevato, perché non è giusto che ci si svegli la mattina con il dubbio di non voler più vivere in Italia". Sono parole di Giorgio Armani, che parlando alla stampa da Pechino sottolinea un senso di sconforto che dice non solo suo, ma piuttosto condiviso da una parte importante del Paese. Anche da chi è comunque riuscito ad avere successo.

"Io personalmente - dice - non mi posso lamentare perchè sono ricco, faccio un mestiere bellissimo, sto bene: ma la cosa che mi infastidisce di più è riconoscere che non siamo più felici della meravigliosa Italia. E questo non va bene, perchè l’Italia resta un paese meraviglioso che per questo va risollevato. In Italia c’è qualcosa che non torna, anzi non torna niente, dappertutto ci sono indagati, dappertutto un gran casino, quello che faceva il santo non lo è più, non c’è uno spiraglio di certezza, perfino intorno al Papa. Si sollevano le lapidi, è brutto dirlo ma e così. E non si sa se sia un retaggio del lassismo passato o se stiamo andando verso una china pericolosa. Qualche volta penso che questa Italia non mi piace e, come capita a tutti, mi verrebbe da dire che non ci voglio vivere più". 

Armani sottolinea anche come sia "comprensibile" che i giovani non sopportino più il modo in cui le cose vanno nel Paese. Anche se non si può non sottolineare "che molto giovani non hanno tanta voglia di lavorare", mentre dovrebbero "imparare a lavorare, devono fare la gavetta e sacrifici perché li abbiamo fatti tutti".

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Gio, 31/05/2012 - 14:19

E' vero i giovani devono fare sacrifici, devono imparare a lavorare, devono fare gavetta, ma quando la classe finanziaria imprenditoriale paga 5 euro all'ora un dipendente magari laureato, non è fare sacrificio, è sfruttamento alle soglie della riduzione in schiavitu'.

Ritratto di mauro santinelli

mauro santinelli

Gio, 31/05/2012 - 14:44

Personalmente ritengo il miglior stilista x Uomo, a parte questo parla lui ke produce tutto fuori dall' Italia??? Saluto Catartico "và a scuà il Mar"

eugenio.n

Gio, 31/05/2012 - 14:51

Armani ha detto come meglio non si poteva il sentimento degli italiani costretti a vedere questo sconquasso.E constatare quanto l'Italia sia caduta in basso senza sapere a che santo votarsi per risollevarsi. Se poi qualcuno propone qualche timido intervento per uscire dalle sabbie mobili in cui ci hanno cacciato ecco che si alzano le proteste dei soliti sabotatori. Credo che sia la maggioranza degli italiani, non solo i giovani, a non sopportare più il modo in cui vanno, da troppo tempo, le cose nel nostro Paese.

marco963

Gio, 31/05/2012 - 14:55

La redazione me lo permetterà : di che ***** parla !!! ho acquistato due paie di jeans Armani del valore ciascuno di 150 euro, di colore blu, prodotto in Cina (quanto ha lucrato ?) da buttare perchè stingono (probabilmente) non fanno l'ultimo trattamento e mi hanno macchiato biancheria giubbotto e sedia in pelle...la qualità è scadente, ho contestato la merce ma nessun riscontro.....se volete posso fornire le prove...grazie

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 31/05/2012 - 15:31

x4marco963- Carissimo cominciamo a comprare magari vestiario senza logo. ma prodotto in Italia. Forse dopo ci sara un cambio di tendenza.Lo vogliamo capire , non parlo di auto , questo e´un discorso aparte,ma e tempo di comprare il made in ITALY solo cosi questi asini , si giustificheranno con i prezzi pretesi.

ir Pisano

Gio, 31/05/2012 - 15:38

E' andato a Pechino per ritirare su l'Italia? alla faccia dell'ipocrisia, come tanti altri anche lui produce all'estero....

marco963

Gio, 31/05/2012 - 15:45

per marforio : carissimo hai perfettamente ragione...sto comprando italiano e sto invitando tutti a comprare italiano e non made in Cina...così è stato, ultimamente, comprando biancheria intima dove ho dovuto girare 5 negozi per trovare il madi in Italy perchè tutto prodotto in Cina...alla fine ho pagato di più ma ho comprato Italiano soddisfatto di aver aiutato il mio paese...quello di Armani è stata una svista che non ripeterò più ne con lui ne con altri imprenditori che hanno delocalizzato e reso povero questo paese....saluti

Ritratto di pedralb

pedralb

Gio, 31/05/2012 - 16:16

Dopo aver visto nel campionario per l' anno prossimo tanta di quella mer*a improponibile per gli Italiani e per giunta quasi tutta made nel terzomondo, caro Giorgio è meglio che a Pechino ci resti....ma per sempre. Quanto hai guadagnato spacciando falso made in Italy?????????????

ben

Gio, 31/05/2012 - 16:25

'E non si sa se sia un retaggio del lassismo passato...' il suo, dott. Armani, e della generazione che le appartiene, la quale invece di dare l'esempio ed educare e aiutare i giovani, si è arricchita di protagonismo oltre che di soldi, senza mai voler lasciare la poltrona fino al giorno di spostarsi in una bara.... saluti e complimenti per le sue creazioni, di moda però...

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 31/05/2012 - 16:37

armani non è una azienda di moda ma una finanziaria multinazionale quindi non aspettatevi faccia bei vestiti anzi, non aspettatevi siano vestiti indossabili perché spesso e volentieri non tornano addosso, tagliati male, tessuti di pregio medio, cuciti alla sperindio. una cosa però il super G ha colto in pieno, nessun giovane fa la gavetta. in effetti se uno molla la scuola a 15 16 anni resta "buttato" fino ai 18 e pigliar ogni vizio perchè son pochi quelli che assumono minorenni, oggi con le leggi che ci sono pare sia obbligatorio andare a scuola oggi, roba che tutti dovremmo parlare latino al bar per tanti anni di scuola imposti. però non ho capito, quale mestiere fa questo qua? a parte avere sempre la stessa maglietta...è una maschera ormai da secoli. ritiratevi

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 31/05/2012 - 16:46

ma poi non siamo ciechi. tessuto italiano, inglese, tedesco e vestiti realizzati in italia, sapete chi li vuole qui in italia? pochi e nessuno. costano troppo per chi preferisce googolare con l'ipad, farsi il leasing per la mini...e intanto, mentre la tecnologia va di moda sempre più, gli italiani stanno dimenticando come ci si veste in grazia del cielo e mangiare come si deve, sicchè meglio mcdonald 60 volte che una fiorentina, meglio il chinaphone che un abitino su misura, meglio una girata in carrozza co addosso le chinahogan. le donne poi, quelle che preferiscono le plasticate uitton, bbarberi e compagnia al cuoio italiano...non capite che la gente compra quello che vuole di proposito? inutile convincerli, c'è chi vende l'oro per farsi il brail...

Manuela1

Gio, 31/05/2012 - 16:57

A Gennaio 2012 i dipendenti del gruppo Armani che hanno un reddito inferiore a 35000,00 € all'anno si sono trovati in busta 1000,00 € in piu'. Giorgio Armani ha voluto dare un aiuto ai suoi dipendenti in questo periodo di crisi. Ce ne fossero degli Armani in giro....

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 31/05/2012 - 17:16

peccato che la maggior parte degli articoli delle case di moda siano realizzati da licenziatari e terzisti con costi imposti, e nessuno di quelli sia dipendente armani. dico la maggiorparte, non l'80 percento

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 31/05/2012 - 19:13

XMario sirio- Non voglio dare lezione di savoir vivre , ma io preferisco vivere da italiano. Alla cola preferisco un buon vino ,alla plastica cinese il buon artigianato italiano. Non mi dilato con mode o cose varie , di argomenti cé ne sarebbero all´ infinito.SE voglio comprare a volte non trovo, esco e non compro. Compro classico e casual , e le dico non sono piu giovanissimo.Ma da buon vecchio italiano so ancora cosa combinare e non sembrare ridicolo. La moda la lascio da parte, senno non mi basterebbero tre stipendi ogni sei mesi.Dobbiamo solo ritornare semplici , e sentirci Italiani, perche il potenziale anche se siamo governati da zombi senza cervello lo abbiamo.Per un italiano rientrare in italia dopo essere stato in america, cina, giappone o russia per non parlare della vecchia europa, se con un filo di sapere cosa significa appartenere a questa nazione , che non esiste nel globo una simile, e un motivo in piu di non mollare, lo dice un fessacchiotto che bene o male gira

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 31/05/2012 - 19:11

xmariosirio 2parte - il mondo da 40 anni.

migrante

Gio, 31/05/2012 - 19:57

#4 marco963...Egregio Marco...un jeans cinese non scolorisce !!!..e`molto probabile che lei abbia acquistato un cinquetasche di colore indaco ( tonalita`di blu ), si tratta di un colore particolare che a causa della sua natura ha una peculiarita`...macchia !!!...inoltre credo che la linea Armani jeans venga ancora prodotta dalla SIMINT, azienda di proprieta` della Giorgio Armani spa...magari a lei interessera`sapere che tale azienda, almeno fino a qualche anno fa`, fatturava dalla Svizzera !!!

Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 31/05/2012 - 21:54

Non è di certo che Armani rimpiange Berlusconi, anzi.

makkivi

Gio, 31/05/2012 - 23:15

Giorgio, sei un grande. Grazie per quello che fai e per come porti alto il nome del nostro paese, almeno tu.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 31/05/2012 - 23:46

marforio: 4o anni fa non c'ero e non potevo fare profezie da piccino però sì, faccio così pure io che lavoro con la moda e odio gli spacconi come armani & compani che spacciano made in italy cose fatte in culandia da mani spaccate per fatica e 4 soldi, maledetti prevaricatori, faccio il mio made in italy e posso andare a alta perchè lavoro con gente con etica vera, e al posto di accettare lavori per un "ebrbreo" in cina mi sono cacciato nel ginepraio di una ditta italiana e faccio design, quello sincero nostro, mica da rivista che spara boiate tipo "abbiamo dato un moneta in più ai nostri 4 collaboratori mentre chi ci fa fare i soldi lo strozziamo" solo per raccontare caxxate agli studenti della liuc o iulm che prenderò come ufficio stampa. io italiano dico - muoia il marchio made in italy

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 01/06/2012 - 07:57

Armani rappresenta una italia che lavora sorridendo: lui dimentica pero di poterlo fare perche i suoi problemi finanziari non sono quelli del piccolo imprenditore che deve lottare giornalmente con la ricevuta bancaria da duemila euro che la banca non intende pagare: certamente pero anche questo piccolo imprenditore alla fine una soluzione riesce a trovarla anche se deve lottare con le banche sostenute nella loro ipocrisia dal nostro gran professore: ma stia ben attento perche non è con l' ipocrisia che si combatte alla fine la fame: è il caso che qualcuno ricordi ai signori di questo governo come gia fosse difficile prima arrivare alla fine mese con 500 euro al mese di pensione, oggi con le soluzioni monti non si arriva nemmeno alla terza settimana: congratulazioni professore

billibix

Ven, 01/06/2012 - 11:49

Come no! Anche io sarei orgoglioso di essere italiano! Con 1,8 miliardi di Euro di fatturato e un discreto 30% di nero totale, negozi in tutto il mondo (guadagnati per carità), la produzione nei paesi dell'Est...aggiungiamo la miriade di giovani che vendono alla Maison i loro disegni e le idee brillanti pagate € 100 per decine e decine di novità che il signorotto firma e vende come sue... Questo grande professore...parla con i giornali e il pubblico come se fosse uno di noi...salvo mostrare un lato veramente sgradevole quando "esce il vero Armani" quello dei soldoni e Re Giorgio della Moda...a Milano ti direbbero "Ma va a ciapà i rat!"