Arriva l'ennesimo rinvio: i partiti si tengono i soldi

Ddl sul finanziamento ai partiti: Letta vuole accelerare, ma si rischia di andare dopo l'estate. Il Pd accusa: "Usa i rimborsi per distrarre l'attenzione da altri problemi"

Roma - Arriva di buon mattino il tweet di Enrico Letta: «Non faremo passi indietro sull'abolizione del finanziamento pubblico partiti», assicura il premier. «Il ddl che abbiamo presentato è una buona riforma. Perché bloccarlo?». Un segnale d'allarme, un modo per spingere i partiti (anche e soprattutto il suo, il Pd) ad accelerare il lavoro, liberando la strada dalla massa di emendamenti contrastanti che si sono affastellati in Commissione affari costituzionali, dove il provvedimento è per ora parcheggiato.
Letta insiste e preme, lasciando intendere che in caso di ostruzionismo occulto da parte dei partiti l'esecutivo è pronto ad usare le maniere forti e a varare un decreto. Ma nei gruppi parlamentari e nello stesso governo c'è ben poco ottimismo sulla possibilità di accorciare i tempi. Anzi: ormai si dà praticamente per scontato che, prima della pausa estiva, non si riuscirà a quagliare nulla, e che difficilmente il testo del disegno di legge approderà almeno nell'aula di Montecitorio. Anche perché nella stessa Commissione, fanno notare dalla maggioranza, è in esame anche il ddl costituzionale sulle riforme, che non può slittare.

Sulla valanga di emendamenti dei partiti (oltre 150) non si è trovato per il momento alcun accordo. Da destra e da sinistra, i partiti avvertono che, se passa il ddl, dovranno chiudere baracca e burattini e licenziare i dipendenti: «Il prossimo segretario Pd sarà un commissario liquidatore», avvertono al Nazareno. C'è chi ci mette la faccia, come l'ex tesoriere Ds Ugo Sposetti, fieramente contrario all'abolizione, che promette: «Farò molti proseliti, vedrete». E c'è chi, nel Pd, accusa il governo e il premier di usare l'argomento popolare del finanziamento pubblico per distrarre l'attenzione da altri problemi politici: «Nei momento di difficoltà di governo ci si grillizza e si utilizza l'argomento del finanziamento pubblico contro un indistinto partitismo», denuncia Matteo Orfini. Una palese frecciata a Letta, che secondo un altro esponente Pd «sta cercando di togliere a Matteo Renzi la bandierina del finanziamento pubblico, per timore che quello torni ad usare l'argomento contro il governo».

Dopo il monito del premier, che oggi incontrerà il gruppo parlamentare Pd e ne vuole uscire con un via libera chiaro sulla questione, l'ufficio di presidenza dei deputati democrat si è riunito per affermare solennemente che «per quanto ci riguarda non deve esserci alcun rallentamento, la abolizione del finanziamento deve andare in aula prima dell'estate, senza stravolgimenti», come dice il vicepresidente Andrea Martella. Ma la verità è che il gruppo Pd è diviso al suo interno e rischia di andare in ordine sparso sugli emendamenti (sono oltre 150): «Il Pd difficilmente sarà compatto in tutte le votazioni - spiega la renziana Boschi - noi ad esempio non voteremo mai la proposta di Bressa sul co-finanziamento, e non credo che alcune delle nostre modifiche saranno votate dagli altri». Per tentare di trovare intanto un accordo al proprio interno, ieri si sono riuniti i membri democrat della Commissione, per cercare di scremare gli emendamenti. «Non perderemo un minuto», giura Davide Zoggia, confidando di «non disperare di trovare un'intesa, oltre che al nostro interno, anche con gli altri». Perché le resistenze anti-abolizione sono molto forti anche in casa Pdl: «Il ddl è ipocrita e pieno di sciocchezze», denuncia il tesoriere Bianconi. E a far da sponda a Letta, a destra, è Daniela Santanchè: «L'abolizione è un punto qualificante del nostro programma, nessuno faccia scherzi».

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 24/07/2013 - 08:53

wow! i comunisti si danno da fare parecchio! hanno paura di perdere i fondi! ma non erano loro che chiedevano di togliere il finanziamento? :-) noi non abbiamo problemi ad accettare, tanto che nel PDL si stanno attrezzando per questa eventualità! sono i COMUNISTI MAFIOSI che strepitano, si dannano, urlano, si strappano le vesti... ma guardateli, che morti di fame!!!

Duka

Mer, 24/07/2013 - 09:05

Questa la dimostrazione che Casaleggio, Bondi, Delrio NON dicono sciocchezze ma riflettono ed amplificano ciò che Mln. di cittadini pensano realmente.

watcheroftheskyes

Mer, 24/07/2013 - 09:19

Hai ragione Mortimer! Meno male che ci sono il PDL e SC fanno opposizione durissima al PD!

Ritratto di limick

limick

Mer, 24/07/2013 - 09:21

In questo modo non c'e' pericolo che un politico salti assieme al bancomat che sta svaligiando... :) questi sono professionisti. Pero' d'e' da dire che anche se abolissero il finanziamento pubblico dovrebbero trovare la copertura.... come con l'IMU... o l'iva... ma che abolizione e' se ci vuole una copertura???? Cambia solo il metodo ma il risultato finale e' uguale. Piuttosto che lasciare a casa un inutile burocrate fanno saltare le aziende, il sistema regge ancora alla grande, ci vorrebbero altroche' quei pestapiano dei grillini.

herbavoliox

Mer, 24/07/2013 - 09:25

Povera gente, non si accorgono di quanto siano patetici, falsi, anacronistici? Hanno paura di perdere le loro brioches calde e aragoste d'ufficio. Che schifezza! Le persone per bene si aspettano l'abolizione totale del finanziamento con la restituzione del maltolto più gli interessi (loegali naturalmente) dal 1993. A quando?

herbavoliox

Mer, 24/07/2013 - 09:25

Povera gente, non si accorgono di quanto siano patetici, falsi, anacronistici? Hanno paura di perdere le loro brioches calde e aragoste d'ufficio. Che schifezza! Le persone per bene si aspettano l'abolizione totale del finanziamento con la restituzione del maltolto più gli interessi (loegali naturalmente) dal 1993. A quando?

21v3

Mer, 24/07/2013 - 09:42

PDL in testa. Ovviamente. Ricordiamo che il M5S ha rifiutato 42 milioni di euro per destinarli alle PMI.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 24/07/2013 - 09:44

@mortimermouse. Ho letto e riletto l'articolo e non ho trovato il passaggio in cui si dice che il PdL invece ha spinto per togliere il finanziamento. Anzi c'è scritto: "Da DESTRA e da SINISTRA, i partiti avvertono che, se passa il ddl, dovranno chiudere baracca e burattini e licenziare i dipendenti". Ora, nel governo PD-PDL, se il PD sarebbe la sinistra .... la destra chi sarebbe? Non le sfiora la mente il pensiero che se non se n'è fatto niente (e non se ne farà niente se non di facciata e a decorrere dalla prossima era glaciale) magari, magari anche a quelli del PdL scocci vedersi sfilare decine di milioni di euro dalle tasche?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 24/07/2013 - 09:48

Ah, dimenticavo, con un "non" messo lì "a caso" nel decreto del "Fare" (dire, baciare, lettera o testamento) è saltato il tetto di stipendio per i manager pubblici, il tutto, sicuramente, nonostante la "fiera" opposizione del PdL .......e qualcuno perde ancora a tempo a discettare di destra e sinistra .......

Ritratto di BananaSLand.

BananaSLand.

Mer, 24/07/2013 - 09:52

la maschera l'hanno gettata via da tempo, ormai giocano a carte scoperte...un grazie anche agli italiani che continuano a premiarli col voto

Ritratto di Baliano

Baliano

Mer, 24/07/2013 - 09:52

...tseeeee, la solita manfrina trasversale, bi-partisan, quando si tratta di "togliersi il pane", sorry il "sorcio di bocca". Vedrete che faranno quasi come col referendum contro il "finanziamento pubblico ai partiti" dagli Italiani approvato: Gli cambiano nome, et le voilà, eccoti il barbatrucco, continueranno a strafogarsi come e più di prima. -- I soliti noti "felini" sornioni, che ciarlano sempre in politichese per rifilarti la solita "sola". Finché dura...

a.zoin

Mer, 24/07/2013 - 09:57

Questo è l`EGOISMO di COLORO CHE DICONO DI RISPARMIARE E DI PAGARE-PAGARE e ANCORA PAGARE TASSE E SOPRATASSE. LA PIÙ GRANDE CANCRENA DEL PAESE.

csciara

Mer, 24/07/2013 - 10:05

Pdl e pd-l rinviano,,, Ed io continuerò a votare M5S... PS Non credo alla crisi e alla povertà degli italiani perchè, a fronte di questo spreco di denaro pubblico a favore della Casta, nessuno dei poveracci o senza lavoro o senza tetto si ribella con i forconi in modo organizzato.

Ritratto di ersola

ersola

Mer, 24/07/2013 - 10:07

m5stelle FATTI non PAROLE gli altri continueranno sempre a mangiare a sbafo.

buri

Mer, 24/07/2013 - 11:52

era tutto previsto, chi poteva pensare che i partiti rinunciassero ai soldi? solo gli ingenui

csciara

Mer, 24/07/2013 - 12:41

per la redazione. Aveto tolto dall'home page questo articolo per i commenti sfavorevoli ???