Art. 18, la Fornero tentenna:"La riforma non è un dogmaSe non funziona, si cambia"

Pressing del governo perché la riforma diventi legge entro l'estate. La Fornero: "Mi aspettavo più coesione". La Uil: "Il ddl piace solo a Monti"

"Con buona determinazione riusciremo a condurre in porto questa riforma, sicuramente prima dell’estate". Concludendo l’assemblea degli industriali a Novara, il ministro del Welfare Elsa Fornero torna a parlare di riforma del lavoro spiegando che, da parte del governo, non ci sono dogmatismi sulle modifiche all’articolo 18: "Abbiamo avuto lo Statuto dei Lavoratori e l’articolo 18 per quarant’anni, adesso lo abbiamo modificato, ma le cose cambiano e se non funzionano come noi auspichiamo tra qualche anno potrebbero esserci altre modifiche".

La Fornero spera che la riforma del lavoro diventi legge nel più breve tempo possibile e con i minori cambiamenti possibili. "Con il Senato abbiamo lavorato molto bene, senza pregiudizi", ha spiegato la titolare del Welfare augurandosi che "questo percorso virtuoso si ripeta alla Camera". Almeno per il momento la Fornero non ha alcun motivo di pensare che Monticitorio si possa schierare contro. "Tutti - ha detto ancora il ministro - ricordano che venivamo da un periodo di contrapposizione politica forte, aver avuto quella situazione in Senato credo sia una delle cose positive su cui far leva in termini politici". Al di là dell'iter parlamentare, però, la Fornero si sarebbe aspettata maggiore coesione con le parti sociali. "Invece ho trovato molta diffidenza tra le parti - ha spiegato - contrapposizione di interessi". A detta del ministro del Welfare, la riforma del lavoro è stata fatta "con il dialogo e non con la concertazione" perché il governo non se la sarebbe potuta permettere. "Se un medico deve amputare una gamba non piò fare tanti conciliaboli - ha continuato - deve agire".

Ribadendo che nel disegno di legge non c’è una visione ideologica ma molto pragmatismo, la Fornero ci ha tenuto a far notare che la spinta ai propri interessi è "normale", ma "se si guarda troppo ai propri interessi si ha una spinta al conservatorismo e al corporativismo che non possiamo permetterci". Una posizione che non è affatto piaciuta ai sindacati. Nel corso della trasmissione Un giorno da pecora, il segretario generale della Uil Luigi Angeletti ha replicato al ministro facendo presente che la riforma "piace solo a Monti e alla Fornero".
Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Lun, 11/06/2012 - 16:32

Vediamo se riesce d introdurre il licenziamento per gli statali, visto che quello che lei dice di avere le palle.

alberto51

Lun, 11/06/2012 - 16:47

il vero freno all'economia sono i SINDACATI, ne basta uno che difenda i LAVORATORI E LI TUTELI quelli che difendono i LAZZARONI I MANGIAPANE A TRADIMENTO vadano a casa. Credo però che sia missione impossibile sono meglio radicati dei "MAFIOSI".

mitmar

Lun, 11/06/2012 - 16:45

Riforma Fornero: per una PMI è più difficile assumere. Per una grande impresa è più facile licenziare. Gli statali non si toccano. Ma questi pensano che siamo idioti?

lucky75

Lun, 11/06/2012 - 20:32

"se non funzionano come noi auspichiamo tra qualche anno potrebbero esserci altre modifiche". Ovviamente non funzioneranno, o meglio funzioneranno ma con effetti deleteri. Le piccole imprese non potranno licenziare, perché rischiano il salasso economico, ma in fondo il "padrone" non ha interesse a licenziare chi gli fa il lavoro. Tanto è vero che l'art. 18 per le piccole imprese non vale già oggi, eppure non mi pare ci sia macelleria sociale. Il vero problema saranno le grandi aziende, FIAT, ENI etc. che licenzieranno a piacimento, senza che il tessuto industriale italiano sia in grado di assorbire questi nuovi esodati. Quindi ci saranno, ancora di più, giovani sottopagati e ultracinquantenni a spasso senza speranza di trovare un lavoro. Domanda alla coccodrilla: se le cose non funzioneranno, chi risarcirà i danneggiati e licenziati da questa ignobile riforma del lavoro? Sarà la fornero che li ospiterà a casa e gli darà un tozzo di pane? Tornerà davvero tutto come prima? Vergogna!!!!!