Le autostrade sono vuote. E la crisi cancella pure l'allarme "bollino nero"

Stop agli avvisi nei giorni a rischio per non scoraggiare gli automobilisti. Altro che vacanze intelligenti, un italiano su tre costretto a restare a casa

Dicono che l'ingorgo peggiore sia stato quello del novembre 2002: chiusa per 110 chilometri l'Autosole e il suo stesso nome contraddetto da una pioggia spietata, un Niagara di fango che invase le carreggiate. Si dovettero muovere i volontari per soccorrere i poveri automobilisti in trappola. Il picco massimo di traffico vacanziero però risale al 2007: in agosto, nel famigerato tratto Incisa-Valdichiana, fu misurato un passaggio medio di 60mila veicoli al giorno e la Nazione giocò a mettiamo in fila le auto passate in un mese: un serpentone lungo 6.000 chilometri, un pezzo di giro del mondo.

Era l'estate in cui la società Autostrade annunciava il debutto di un nuovo spauracchio per il vacanziero medio: il bollino nero. Una laconica nota avvisava il popolo dei Fantozzi che sognavano Rapallo o Sabaudia di diffidare del primo weekend agostano: il marchio nero indicava un traffico del 20% più intenso rispetto al consueto, e già temuto, bollino rosso. Altri tempi. A forza di parlare di partenze intelligenti ora ci siamo guadagnati la deficienza di vacanze. Per il prossimo weekend, il primo delle partenze di luglio, gli avvisi di traffico sono modesti. Nessun bollino rosso in vista, nemmeno sulla Torino-Savona, che un tempo in questi weekend era una corsia a ingorgo unico. Ma il segno vero dei tempi è una decisione presa nelle stanze dei bottoni dei concessionari autostradali, ma senza annunci e fanfare: pensionare il bollino nero. Il calo del traffico automobilistico, dall'inizio della crisi in poi, traccia una curva sempre più ripida. Uno studio dello scorso aprile di una società specializzata, la Inrix, fotografava un calo medio del traffico in Europa pari al 18%, che significa quasi un auto in meno ogni cinque. Sarà per le partenze intelligenti che dopo tante prediche hanno fatto breccia, il miglioramento di altri mezzi di trasporto concorrenti o il caro carburanti. Ma quel 18% è solo il dato medio. Puntando la lente d'ingrandimento sulla classifica per Paese, si capisce che a farci rinunciare all'auto è la crisi. Il calo maggiore del traffico si registra infatti tra Portogallo (-51%), Spagna (-38%) e Italia (-34%), tre dei quattro «Pigs», i Paesi più massacrati da questa recessione senza fine.

Per i concessionari autostradali rischia di tradursi in un calo degli introiti non da poco. E la decisione di cancellare il bollino nero sarebbe legata non solo all'oggettivo accorciarsi delle code, ma anche alla volontà di non scoraggiare ulteriormente i partenti con avvisi minacciosi. Autostrade per l'Italia non emette particolari avvisi per questo weekend, l'Anas si limita a segnalare possibili picchi di traffico sul solito Raccordo anulare e la Statale 116 in Sardegna, mentre perfino sull'Adriatica i bollini latitano.

Guai a chi rimpiange i pomeriggi in fila col condizionatore che frigge, ma non possiamo nemmeno rallegrarci perché finalmente al casello passiamo in volata. Perché perfino il dato apparentemente positivo dell'Aci, 2.000 uscite in meno dei carri attrezzi in un anno, va letto sempre nello stesso, fosco, senso: la crisi ci ha scippato pure le vacanze. Nemmeno la molla dell'ecologia pare entrarci molto, visto che il calo del traffico del 34% combacia perfettamente con le stime delle associazioni dei consumatori: un italiano su tre non andrà in vacanza.

Il bollino nero messo da parte per non spaventarci, il parco auto che per la prima volta si restringe (-35.000 vetture in un anno), i consumi che crollano. Tasselli di un mosaico che non dipinge il paradiso della sobrietà predicato dagli ecologisti. Ma soltanto l'inferno di un'Italia che soffrirà l'afa in città.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 06/07/2013 - 08:41

eccone gli effetti delle patrimoniali, tanto care alla sinistra, dell'imu, dell'iva, degli effetti recessivi della crisi.... ed i comunisti che vogliono fare? manteniamo l'imu, aumentiamola l'iva, facciamo una patrimonialina secca secca.... COMUNISTI MAFIOSI! MIOPI! CIECHI DELLA POLITICA!! e voi elettori, che votate per questi comunisti mafiosi... continuate a darvi coltellate sui coglioni!! IMBECILLI!!!

franco@Trier -DE

Sab, 06/07/2013 - 09:06

bene cosi si viaggierà meglio e più sicuri

xywzwyx

Sab, 06/07/2013 - 09:11

Finchè le facce dei politici saranno sempre le stesse, nulla potrà cambiare. Due legislature e poi a casa. Tutti. O in vacanza andranno sempre in meno.

Ritratto di pinoavellino

pinoavellino

Sab, 06/07/2013 - 09:16

In pochi anni hanno distrutto il popolo Italiano e l'Italia inseguendo una chimera (Europa) ma trovando e soggiacendo ai banchieri ed al malefico euro. Non per essere catastrofista ma qua finisce molto male. Quando la gente si suicida,si perdono continuamente posti di lavoro, risparmia sugli alimentari, aumenta la microcriminalità, non si vende più nessuno articolo ivi compreso benzina e gasolio la Nazione è in enormi guai. Guardiamoci intorno e vedremo che non si incrocia più una persona che sorride, la litigiosità aumenta oltre misura e così i reati ad essa legati ed i giovani si perdono nel nulla più assoluto. E continuano a seguire imperterriti i diktat del co...ne europeo di turno o dell' FMI.

CHEMONDO

Sab, 06/07/2013 - 09:17

Saranno ancora più vuote. Quei ffenomeni che vogliono licenziamenti di massa nella P.A. ( aproposito, quanto ci costerà la riorganizzazione ?) non pensano alle centinaia di migliaia di disgraziati buttati in strada con mutui da pagare e quel che segue. E neanche la Caritass riuscirà a sfamarli, visto che arrivano orde di criminali immischiati a poveracci con l'indirizzo in tasca. L'Italia è sepolta di quella roba innominabile ormai, non se ne viene più fuori. Buone vacanze.....

a.zoin

Sab, 06/07/2013 - 09:22

Cosa vogliono costruire al parlamento Europeo, se da che l`euro è attivo in Europa, la situazione va peggiorando costantemente , senza avere alcun minimo miglioramento, specialmente per la gioventù ? (IL DOMANI, IL FUTURO ) Cosa vogliono farci credere TUTTI questi parlamentari EUROPEI??? VOGLIONO FORSE FAR SI CHE LA PRIMAVERA AFRICANA SI ESPANDA PURE IN EUROPA ???????

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 06/07/2013 - 09:23

I comunisti Dovevano sgomberare le strade per un felice viaggio verso Capalbio.

Ritratto di Falco1952

Falco1952

Sab, 06/07/2013 - 09:54

La crisi?paghiamo pensioni da 90000,00 euro al mese,i politici si aumentano i compensi in una riunione lampo,accogliamo in hotel i profughi,sanità gratis per tutti quelli con documenti (documenti?) non italiani,802,00 miliardi di euro di spesa del carrozzone burocratico,un presidente della repubblica con una schiera di aiutanti senza eguali al mondo,una miriade di forestali da far annichilire il Canada,mi fermo,altrimenti sbarello.Siamo ricchi,altroché!!!!!!!

griso59

Sab, 06/07/2013 - 10:17

Grazie a re Giorgio e Monti che non hanno capito nulla di come stavano lì italiani e ci hanno dato dentro per darci il colpo di grazia. Berlusconi lo salvo nel 2011 eravamo in piena crisi mondiale e non eravamo affatto sull'orlo del baratro. Nel baratro ci siamo adesso ripeto grazie Monti e Re Giorgio.

m.m.f

Sab, 06/07/2013 - 10:58

l'italia fa schifo è nel degrado più totale sporcizia e quant'altro e la qualità della cucina è sempre peggio............... meglio starsene a casa o andare all'estero ..............

Mario-64

Sab, 06/07/2013 - 11:14

Vado controcorrente ,ma dalle mie parti di questo -34% di traffico non ci eravamo proprio accorti... Inoltre i passeggeri dei treni alta velocita' sono cresciuti del 16% in un anno. Il prezzo della benzina e' cresciuto ,il prezzo dei treni e' calato ,tutto qui. Eppoi la I di PIGS sta' per Irlanda ,suvvia...

Ritratto di LIAZ

LIAZ

Sab, 06/07/2013 - 11:55

Infatti in Liguria dopo le 17 tutte le autostrade sono intasate..si vede che vivete in un altro paese....

abbassoB

Sab, 06/07/2013 - 12:00

mortimermouse intelligente come un testicolo,visto che co...one me lo censurano

nino47

Sab, 06/07/2013 - 12:05

beh! ogni medaglia ha sempre il suo rovescio...forse molti italiani si renderanno conto che stare a casa a riposare anzichè passare le ferie in fila su un'autostrada come dei cioccolatini a fondere sotto il solleone per aggiungere un bagnasciuga dove ci sono posti solo in piedi e ritrovarsi alla fine un bel gruzzoletto in tasca ( per pagare imu iva e varie), è meglio che stare sulla linea di partenza pronti ad obbedire agli start che dà la televisione....e, se disobbedienti, non potranno neanche essere tacciati come "vacanzieri ritardatari"!!!

Ritratto di Falco1952

Falco1952

Sab, 06/07/2013 - 12:09

Italiani,fatevene una ragione,la priorità della politica Italiana e della giustizia Italiana,è far fuori Silvio,poco importa se l'economia sta andando a rotoli,se gli assassini più efferati si fanno si è no un anno di galera?a spese nostre,con i migliori avvocati (pagati da chi?),la priorità è eliminare Silvio..............

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 06/07/2013 - 12:41

i soliti cretini inutili e ridicoli commenti degli altrettanti ridicoli, cretini, inutili e dannosi comunisti mafiosi :-)

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 06/07/2013 - 13:05

bravissimi non comprate carburanti, impoverite il mostro chiamato Governo, meno comprate e meno iva regalate allo Stato.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Sab, 06/07/2013 - 13:16

Non mi sembra una cattiva notizia. Oltre la maggior sicurezza già evidenziata indicherei: minore stress, minor inquinamento acustico e ambientale nelle località di villeggiatura, minor rischio di furti negli appartamenti, minori incidenti stradali con riduzione dei premi assicurativi, etc. Potremmo così apprezzare cose semplici a portata di mano che spesso non consideriamo.

jokopokomajoko

Sab, 06/07/2013 - 13:38

Una buona notizia. Non tutti i mali vengono per nuocere. Se poi mortimermouse è livido di rabbia è una notizia ancora più bella. Impariamo ad usare i mezzi pubblici. conviene alle tasche ed alla salute.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 06/07/2013 - 15:09

JOKOPOKOMAJOKO tu credi? :-) io invece credo che i danni peggiori non li fa le macchine, ma chi si siede al governo e si colloca in area sinistra-comunista-mafiosa.... poiché dici che non tutti i mali vengono per nuocere, io direi: sarebbe ora! sarebbe ora che i comunisti mafiosi finiscano in galera per i danni che hanno provocato in questi 20 anni di menzogne e bugie

Carlo800

Sab, 06/07/2013 - 22:52

Avrei voluto averla in auto con me la notte scorsa: centinaia di auto ferme tra Bologna e Fano. Così magari non scriveva cose inutili e gratuite: ma lei quanti km percorre in auto? Se poi cominciaste a infondere fiducia anziché pubblicare notizie frammentarie e allarmanti, magari acquistereste un po' di credibilità...