Basta mamma-papà, Merola spacca il Pd

Calma e gesso. Persino il Pd, adesso, cerca di mettere un freno alla rincorsa che ha preso la giunta bolognese guidata dal «neo renziano» Virginio Merola, che vuole archiviare i termini «madre» e «padre» nella modulistica per le iscrizioni all'asilo. La questione imbarazza i democrat e divide i cattolici, mentre Sel esulta. Chi non sta a guardare è il Pdl con la consigliera Valentina Castaldini che si rivolge direttamente al Viminale: «Quando usciranno i moduli - chiarisce - chiederò se la modifica è corretta o se interviene sulla legge vigente». Per l'ex ministro Maurizio Sacconi «è un'offesa del diritto naturale e della Costituzione che parla di società naturale». Mentre i vendoliani parlano di «ampliamento dei diritti» il sottosegretario all'Istruzione Gian Luca Galletti (Udc) taglia corto: È solo una stupida provocazione». Al sindaco e all'assessore alla Scuola ora resta in mano la «patata bollente» che ha già fatto infuriare, e non poco, anche la curia del capoluogo.