Berlusconi, allarme immigrati: "In arrivo un milione di persone"

L'ex premier boccia le politiche extracomunitarie del governo e rilancia gli obiettivi di Forza Italia: "Porteremo le pensioni minime a 1000 euro"

«Renzi s'è dimenticato dei pensionati». L'affondo di Berlusconi non risparmia nessuno: né il presidente del Consiglio, né Grillo e neppure la Merkel. I temi caldi: la crisi economica; le ricette sbagliate del Pd; la politica di austerità imposta da Berlino. È un Berlusconi che cerca di far risalire la china alla sua Forza Italia in prima persona: intervista a Studio Aperto e Tg4 ieri; intervento a Radio Anch'Io e Matrix oggi. Televisioni locali e conferenza stampa al partito, a Roma, domani. L'obiettivo: sfondare quota 20%; meglio arrivare al 25. Il vero nemico di un'insolita campagna elettorale a tre è l'astensionismo e il rischio che vengano premiati i partiti anti-sistema. In più il Cavaliere soffre le limitazioni imposte dalla pena che gli impedisce di scorrazzare per la Penisola ma cerca di sopperire attraverso le comparsate in tv. Sebbene il patto per le riforme regga, l'ex premier non fa sconti a Renzi. Risponde a una domanda sugli 80 euro che l'Istat certifica essere briciole rispetto all'aumento della tassazione sulla casa: «Si può dire che questo sia un governo nemico dei pensionati?», gli domandano. E Berlusconi: «Nemico dei pensionati è eccessivo; che si è dimenticato dei pensionati, certamente». Quindi spiega: «Non solo non prenderanno il bonus di 80 euro, ma dovranno pagare un'imposta sulla casa che è stata triplicata rispetto a quella del governo Monti - noi l'avevamo abrogata del tutto - e dovranno anche pagare più imposte sugli interessi sui depositi a banche e posta. Inspiegabile l'aumento del governo dal 20 al 26% dell'imposta sul reddito di questi depositi». Pertanto assicura, qualora vincesse le prossime politiche: «Una delle primissime cose che faremo sarà aumentare le pensioni minime a 800 euro. E probabilmente - stiamo facendo i conti con il bilancio - anche a 1.000 euro».

Altro tema è l'immigrazione, con gli sbarchi drammaticamente ripresi: «Sarà una catastrofe quando arriveranno qui non 800mila, ma più di un milione di persone che fuggono da situazioni terribili. Io ero riuscito a fare accordi con la Libia egli altri Paesi del Nord Africa e l'immigrazione clandestina era praticamente sparita. Questo governo è inerte rispetto al rapporto con l'Ue che dovrebbe intervenire con urgenza, con capitali e mezzi, magari suddividendo in quote per ogni Paese gli immigrati che arrivano». Il problema è che i premier che si sono succeduti dopo Berlusconi non hanno avuto la schiena dritta davanti a chi comanda davvero a Bruxelles. «I tre governi non eletti dai cittadini, quelli di Monti, Letta e ora Renzi, sono andati in Europa da Merkel e Cameron: Monti genuflesso e anche gli altri due molto condiscendenti, mentre io sono stato l'unico presidente del Consiglio che ha osato mettere il veto alle richieste della signora Merkel e ha fatto nascere del contrasto nei miei confronti perché ero l'unico ad avere l'esperienza economica e imprenditoriale in grado di dire “no” alle cose insensate che ci venivano proposte». Il messaggio, che viene lanciato visivamente anche attraverso un manifesto eloquente è che tre anni dopo aver lasciato palazzo Chigi l'Italia sta peggio. Sullo sfondo i volti di Monti, Letta e Renzi; in primo piano i dati della disoccupazione: «Novembre 2011, disoccupazione 8,6%. Marzo 2014, disoccupazione 12,7%». La ricetta è antica: «Sviluppo e crescita si ottengono detassando totalmente le nuove assunzioni per 3, 4 o 5 anni». Vecchio cavallo di battaglia che porta bene.

Commenti
Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mar, 06/05/2014 - 08:50

L'arrivo di un illimitato numero di immigrati è follia : locapisce anche un gatto.Tutti vogliamo aiutare il"terzo mondo" ma non si fa certo trasformando chi è disperato in patria in chi deve sopravvivere di precarietà estrema in Italia. Riguardo le Pensioni nessuno parla più delle pensioni dei ceti medioalti che hanno subito prima il tetto retributive e poi il blocco della rivalutazione "scala mobile" . Evidentemente è una categoria che non merita attenzione eppure si tratta di Dirigenti Industriali,Impiegati di concetto ,Tecnici di valore che molto hanno dato all'Italia che funzionava e che ora nessuno rappresenta. A chi affideranno il voto nel prossimo futuro ?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 06/05/2014 - 09:09

i sinistronzi continueranno a negare la realtà qui descritta? :-) o faranno finta di vedere i loro genitori impoverirsi e continuare allegramente a spendere e spandere? :-) oppure crederanno di vedere lucciole credendole lanterne? :-) patetici i sinistronzi!!

buri

Mar, 06/05/2014 - 09:19

e dove li mettiamo? sospendiamo Mare Nostrum, li soccoriamo e li riacompagnamo da dove sono partiti

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 06/05/2014 - 09:54

Un milione di immigrati? Non sembra che a Palazzo Chigi se ne preoccupino molto né apre bocca al riguardo il Signore del Colle. Ormai il destino è segnato: il bel Paese cambierà il colore della pelle e i giovani Italiani che ne hanno capacità e possibilità scapperanno all'estero, magari alla corte della Merkel.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mar, 06/05/2014 - 11:09

Il declino.. dell'Italia e' favorito dalla ideologia di sinistra..che osteggia l'altra cultura del merito..secondo l'assurdo principio secondo cui non ci devono essere differenze sociali..una sono redistribuzione della ricchezza immorale..perseguita da livelli di tassazione assurdi...una politica dell'accoglienza pazzesca che invita i milioni di africani a cercare rifugio in Italia e in Europa..in una fase storica di crisi economica..un falso buonismo che ha come unico risultato quello di irrigare un'ideologia che porta voti ma che alimenta la guerra tra poveri..penalizzando gli italiani..non le élite politiche che guadagnano cifre assurde...L'ESTABLISHMENT DI SINISTRA STA BARATTANDO IL POTERE CON L' IMPOVERIMENTO DI COMPETENZE..ESPORTIAMO CERVELLI CHE CERCANO IL MERITO ALL'ESTERO E IMPORTIAMO DISPERATI CHE NON SIAMO IN GRADO DI MANTENERE.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 06/05/2014 - 11:13

Un milione di immigrati? Tutto "grasso che cola" per la sinistra.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 06/05/2014 - 12:34

Va bene, sono in arrivo un milione di immigrati, Berlusconi ci ha informato, e allora? Quello che vogliamo sapere è cosa intende fare ogni forza politica contro questi immigrati e per impedirgli d'arrivare,e questo prima del voto e prima ancora che arrivino.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Mar, 06/05/2014 - 14:59

Censura!

Alepredo

Mar, 06/05/2014 - 15:51

Siamo arrivati al massacro degli italiani per mano degli extra/clandestini....che andiamo a prendere fin quasi sotto casa con "mare nostrum"...quello di Alfano, il traditore. Penso come sempre che Berlusconi in tutte le sue dichiarazioni ha ragione al 100%. Ma vorrei sottolineare che: non soltanto i pensionati Inps (lavorativi)con pensioni minime. Ci sono PERSONE DISABILI che non hanno capacità lavorativa e devono vivere con 270€ al mese. E'disumano oltre che VERGOGNOSO. Specialmente quando si legge che per i clandestini ed extracomunitari si spendono una marea di soldi. (SEMPRE NOSTRI) OLTRE CHE UN SUSSIDIO GENEROSO(pensione) senza aver pagato un centesimo di contributi. GLI ITALIANI SOGNEREBBERO DI AVERE UN SUSSIDIO DI QUEL TIPO. SONO QUASI 900€ AL MESE. Qualsiasi metterebbe la firma per una cifra di questo tipo. Pretendo che, con le MIE tasse, si aiuti chi ne ha bisogno e non chi viene a delinquere. C'E' ALLARME IMMIGRATI E ALLARME POVERTA'DEGLI ITALIANI, VOLUTA DALLUE/MERKEL. O si decide di votare per chi AMA il suo Paese che è anche il Nostro, Silvio Berlusconi o saremo in eterno in balia dei sinistri dell'UE/Bruxelles/Bce e tutta la troika sinistra, con austerity e sacrifici chiesti a noi povera gente....mentre gli altri se ne fottono e intascano fior fior di milioni....tanto c'è sempre chi li paga....NOI.

piertrim

Mer, 07/05/2014 - 11:23

Purtroppo, con tutte le bocche da sfamare che portano in Italia per il bene delle Coop, non potrai farcela a mantenere queste promesse.