Berlusconi guiderà Forza Italia alle consultazioni del Quirinale: "Ora opposizione responsabile"

La decisione di Renzi di andare a Palazzo Chigi senza senza passare dalle urne non convince il Cav. Ma Forza Italia si prepara a fare un'opposizione costruttiva

"Se Renzi pensa di iniziare in questo modo...". È un Silvio Berlusconi critico quello che con i fedelissimi commenta la decisione, anzi come la bollano gli azzurri "l’azzardo", di Matteo Renzi. La decisione del segretario del Pd di andare a palazzo Chigi senza senza passare prima dalle elezioni non convince affatto il Cavaliere. "Aveva sempre detto di volere una legittimazione popolare - è il ragionamento del leader di Forza Italia - ora smentisce se stesso". Insomma, il giudizio positivo che aveva inizialmente avuto sul segretario del Pd è un lontano ricordo.

Berlusconi, che domani sfrutterà la chiusura della campagna elettorale in Sardegna per dire la sua sulla decisione del "rottamatore", ha vagliato le contromosse tutta la sera al fianco dei vertici del partito. Sarà lui a guidare la delegazione che salirà al Quirinale per le consultazioni. Una decisione che suona anche come una sfida a Giorgio Napolitano, regista del blitz che nel 2011 portò Mario Monti a Palazzo Chgi e artefice dell’ennesima "manovra di palazzo". Ed è proprio sull’avvicendamento tra Enrico Letta e Renzi che Berlusconi, come il resto degli azzurri, punta il dito. "Bisogna che ci sia un passaggio parlamentare ed un sfiducia delle Camere", è la richiesta che avanzano i capigruppo Renato Brunetta e Paolo Romani.

Il Cavaliere guarda già all’atteggiamento che Forza Italia dovrà tenere in parlamento. A spiegare le intenzioni è Giovanni Toti assicurando che Forza Italia farà "un’opposizione responsabile". "Voteremo - dice in un’intervista al Tg5 - i provvedimenti che riterremo utili per il Paese. Non voteremo quelli che non riterremo utili. Continueremo a dare il nostro appoggio alle riforme a partire dalla legge elettorale". E sono sempre le riforme e il rispetto del "patto del Nazareno" i punti irrinunciabili. "Abbiamo raggiunto un accordo - ha spiegato anche oggi - e lo vogliamo rispettare. Lo stesso devono fare quelli del Pd". Su tutto il resto, tuttavia, la posizione di Forza Italia sarà critica. Berlusconi ritiene infatti che un atteggiamento ambiguo nei confronti dell’esecutivo non paga in termini di sondaggi. E soprattutto, altro dato importante, l’idea di Renzi di mettersi alla guida di un governo che duri fino alla scadenza naturale della legislatura non coincide con i piani di Forza Italia. Se è vero che il sindaco di Firenze rischia di logorarsi con la decisione di andare a palazzo Chigi senza un passaggio per le urne, a via del Plebiscito si è ipotizzato anche lo scenario opposto: e cioè che il segretario piddì possa realizzare alcuni punti del programma rafforzando se stesso e dando al Nuovo centrodestra di Angelino Alfano un "peso" diverso rispetto a quello che ha avuto finora.

Commenti
Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Gio, 13/02/2014 - 22:41

Dai fanatici Antiberlusconiani..su sfogatevi..dai..tutti assieme..Pregiudicato, Delinquente,..ha,ha..Evasore..Vecchio..su dai..fateci ridere..è sempre li..Alive and Kicking!!!!

m.nanni

Gio, 13/02/2014 - 23:25

Berlusconi deve assolutamente smetterla con questo frasario del czz quale "opposizione responsabile". ma quale responsabile, deve fare una opposizione incazzata. a Berlusconi e a tutto il movimento FI e nuovo centro destra non resta che inchiodare Renzi ad un governo di scopo; riforme e subito dopo al voto. bastano sei mesi., non di più. si rischia la bolscevizzazione dell'Italia. hanno tutto il potere in mano e le procure sono più che mai scalmanate. giustizia europea!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 13/02/2014 - 23:55

Sarà molto interessante vedere il colore del viso del nostro capo di stato comunista all'incontro con Berlusconi. Il livore sbiancherà le sue gote nel trovarsi a faccia a faccia con il nemico pubblico n°1 dei suoi compari trinariciuti. DOPO ANNI DI VANI TENTATIVI DI LIQUIDARE IL CAV SI RITROVA DI NUOVO A FARE I CONTI CON LUI. E' la prova che politicamente Berlusconi è più forte di lui.

Silviovimangiatutti

Gio, 13/02/2014 - 23:59

il N.1. Punto.

Cianu100

Ven, 14/02/2014 - 01:39

Tra 60 giorni esatti l'ex cavaliere si dovrà preoccupare di andare a pulire i cessi.

ric42

Ven, 14/02/2014 - 05:41

L'ennesima trama di palazzo, dimostra, ancora una volta che in Italia la democrazia parlamentare è un fatto aleatorio,perchè di fatto siamo in regime presidenziale, dove nessuno è stato legittimato dal popolo che la nostra costituzione dice di "essere sovrano", difatti i vari Napolitano, Monti, Letta ed ora Renzi (anche se armato di buone intenzioni) non sono stati legittimati dal Popolo Sovrano!

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Ven, 14/02/2014 - 07:15

Vuoi fare "opposizione responsabile"? .....su, dai Silvio, dopo venti anni ormai conosciamo il significato. Tradotto in italiano vuol dire "inciuccio"

edo1969

Ven, 14/02/2014 - 07:22

"che il segretario piddì possa realizzare alcuni punti del programma rafforzando se stesso" ...non piacerebbe quindi a FI? Traduzione: se anche facesse il bene dell'Italia, a noi non andrebbe bene: l'importante cioè è che non si rafforzi. Meglio se fallisce. Finchè la mentalità dei politici italiani sarà questa, destra o sinistra che sia, non andremo lontano. Altro che grosse coalizione alla tedesca, qui è la grossa magna magna: "meglio il male del Paese che noi all'opposizione".

edo1969

Ven, 14/02/2014 - 07:30

Ci si dimentica troppo di Alfano, che diventa improvvisamente l'ago della bilancia di craxiana memoria, in tutto questo casino. Per me - vedrete: accetto scommesse - è un burattino ad orologeria ancora nelle mani dell'ineffabile Brlusconi, il quale quando deciderà che sarà il momento opportuno (cioè quando Renzi si sarà bruciato) gli ordinerà di staccare la spina al Fiorentino e di tornare all'ovile del centrodestra, riabbracciandolo come fatto con Casini e promettendogli un posto di prestigio, magari quello di primo ministro.

Albeola50

Ven, 14/02/2014 - 07:30

Presidente,l'aspettiamo in Terra di Sardegna!!!!!!Posso raccomandarle di stare attento a non farsi abbindolare dalle promesse dello pseudo nuovo presidente del consiglio?Persone coerenti come Lei,si possono contate tra le dita di una mano.Forza Italia.....ci rimane solo Lei.Adiosu

edo1969

Ven, 14/02/2014 - 07:51

Si parla tanto di Berlusconi, dentro a FI. Ma chi sarà il suo erede? Per adesso non si capisce. Se è il Toti confezionato in casa-Mediaset come uno spot di retequattro, lasciamo perdere: sarebbe meglio Totti allora. Uno degli ex traditori alla Casini? Un anonimo di poco spessore tipo Fitto? Gasparri (ah ah ah)? L'erede-bomba Barbarella? Sarebbe forse il minore dei mali, ha carattere da vendere, intelligenza e un'immagine da sogno, non tanto per la bellezza ma per l'età e la spregiudicatezza. Ma sarebbe davvero troppo giovane e senza esperienza politica, le ci vorrebbero una decina d'anni sul terreno politico.

gianni71

Ven, 14/02/2014 - 08:24

Un pregiudicato di fronte al nostro Presidente? Ma siamo matti? FUORI I DELINQUENTI DALLE ISTITUZIONI. TUTTI!

soldellavvenire

Ven, 14/02/2014 - 10:56

ma col braccialetto elettronico come farà a superare il metal detector?

tonipier

Ven, 14/02/2014 - 11:46

" ORA OPPOSIZIONE RESPONSABILE" Restiamo a guardare, restiamo a sognare, restiamo immuni a sognare...la riforma sulle ingiustizie... dopo decideremo il da farsi se ci avete ancora imbrogliati.

tonipier

Ven, 14/02/2014 - 11:54

" BISOGNA RIFORMARE QUESTA GIUSTIZIA" Bisogna chiudere completamente alcune PROCURE completamente inquinate da papponi, bisogna intervenire possibilmente facendole provare le patrie galere ad alcuni capoccioni corrotti.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 14/02/2014 - 23:40

# gianni71 08:24 Ha ragione. I primi da buttare fuori dalle istituzioni sono i magistrati rossi, per intenderci quelli di M.D., che hanno condannato vigliaccamente Berlusconi. Poi veda un po' lei di sincerarsi sulla colpevolezza di chi E' STATO AUTORE DI UN COLPO DI STATO CHE CI HA TOLTO LA FACOLTA' DEMOCRATICA DI VOTARE. SVEGLIA TRINARICIUTO, SIAMO IN ITALIA E NON A CUBA.

angelomaria

Mer, 17/09/2014 - 17:39

SILVIO SE NON FAI QUALCOSA SIAMO ROVINATI ED A PROPOSITO DEI GOLPISTI QUANDO PARTE L'INCHIESTA UNA COSA DEL GENERE NO PUO' PASSRR LISCIA CI SONO TROPPE PERSONE CHE DOPO IL FATTO A PARTE NO UN MINIMO DI VERGOGNA MA TUTTI TACCIONO ED AMCHE SE AL MOMENTO CHI GOVERNA INDEGNAMENTE CERCA DI SOPRAVVIRE NON POSSIAMO PIU#PERMETTERLO TUTTI I PARTITINI DEVONO SPARIRE IL PRESIDENTE MONTI LETTA E LA MERKEL CON I SIGNORI DELLA MAGISTRATURA NON HANNO BISOGNO DI RIFORME DEVONO SPARIRE ANCHE LORO PER POI RIPARTIRE DA ZERO ASSICURANDOSI CHE NON POSSANO RICREARE LO STESSO SISTEMA DEI VILI CHE USANO LA GIUSTIZIA PER COLPIRE CHI FA'PAURASILVIO SEI TUTTI NOI ANCHE IN QUESTE CONDIZIONI TU UNICO ONESTO NEL LA POLITICA INCORRET DEL NOSTRO PAESELE TUE IDEE SONO SEMPRE STATE CHIARE ELIMPIDE E IL BENE CHE HAI FATTO FINCHE NON T'HANNO VILILMENTE ELIMINATO DALLAECIRCOLAZIONE O COSI CREDEVANO E ORA CHE IVARI DE BNETTI VEALFANO E TUTTI TRADITORINTOLA FINI NAPOLITANO E IL SUO CSM PAGHINO I CONTI DELLE LORO INSULSE AZIONI BISOGNA RISTBILIRE QUELLO CHE UN TEMPO ERA LA DEMOCRAZIA DEL NOSTRO AMATO ORA ODIATO E TU SEI L'UNICO CHE PUO'ODIATO PAESE!!!