Berlusconi: non si cambia il patto sulla legge elettorale

La strategia del Cavaliere sull'Italicum: nessun cedimento con il Pd su preferenze e sbarramento. Forse oggi un nuovo incontro con Renzi

Berlusconi blinda l'accordo con Renzi: «Con lui si può parlare e di lui mi fido. Il patto c'è e non si cambia». Il riferimento è sia alla legge elettorale, presa d'assalto dalla valanga di emendamenti dei piccoli; sia alle riforme istituzionali con l'addio al Senato, al bicameralismo perfetto e al rapporto Stato-Regioni. Berlusconi ad Arcore fino a oggi quando tornerà a Roma (e non è escluso, oggi, che incontri di nuovo Renzi), sceglie il silenzio dopo aver dato ordine ai suoi: «Nessun cedimento sulle preferenze. Pacta servanda sunt». Ossia: l'accordo con Renzi c'è e non può essere stravolto. Quindi ecco i paletti stabiliti nel patto di Largo del Nazareno e cementati anche ieri: no alle preferenze e no alla soglia di sbarramento più bassa rispetto al 5%. Poco dopo parte la nota di Deborah Bergamini che sintetizza il pensiero del Cavaliere: «Se dovessero prevalere i piccoli ricatti, interni ai partiti o tra i partiti, non verrebbe meno solo un accordo che va rispettato; verrebbe meno una prospettiva di normalizzazione politica che, se pure fa paura a qualcuno, gli italiani attendono da tempo».
Insomma, con Renzi la pacificazione nazionale può non essere un miraggio: una buona notizia dopo averne ricevuta altre due. Una dalla voce della ex parlamentare pidiellina Souad Sbai che lo ha informato della novità sul fronte Ruby. L'altra da Claudio Scajola che lo informa dell'assoluzione. Berlusconi lo abbraccia via telefono: «Caro Claudio, leggo della tua assoluzione, sono felice per te. Sono qui con Fedele (Confalonieri, ndr) e ti dico che noi non abbiamo mai avuto dubbi... Ti siamo vicini».
Il Cavaliere, poi, nota con piacere di trovare una sponda solida nel segretario del Pd che pare non mollare di fronte alla fronda interna: «Se si affossa la legge elettorale è difficile pensare a uno spazio di speranza per questa legislatura. Ma io sono ottimista - dice Renzi -. A chi vuol mettere i bastoni fra le ruote noi diciamo: “Andiamo avanti”». Bene. Berlusconi apprezza la determinazione del sindaco di Firenze. Certo, c'è il rischio che il Pd vada in ordine sparso e non segua le direttive del suo capo. «Se così fosse mi spiacerebbe davvero - ragiona il Cavaliere -. Ma a quel punto la colpa del fallimento dell'ennesimo tentativo andato a vuoto di fare le riforme ricadrebbe solo e soltanto sulla sinistra». Poco male, quindi.
E poco male anche sugli effetti che la cosa produrrebbe. Vale a dire addio al governo Letta che sta facendo poco e male per gli italiani. Il che non vuol dire necessariamente elezioni visto che a quel punto il pallino passerebbe nelle mani del capo dello Stato, refrattario a sciogliere le Camere. Tuttavia, anche se si andasse al voto, le notizie che arrivano da Euromedia Research di Alessandra Ghisleri sono confortanti. Le due coalizioni di centrodestra e centrosinistra si equivalgono con un leggero vantaggio del centrodestra dato al 36,8%. E ancora: Alfano non solo non riesce a sfondare nel campo dei moderati ma il suo Nuovo centrodestra arretra ancora fino a sfiorare il 3,6%.
Una buona notizia, quindi, dopo il soggiorno disintossicante alla Maison du relax la cui direttrice, Christel Bertelli, a Un giorno da pecora, rivela: «È stato un piacere averlo da noi». Nessuno sconto particolare: «Ha pagato come tutti gli altri»; e ha allietato gli altri ospiti a suon di barzellette: «Ne ha raccontate tante. E so che uno dei nostri camerieri, Gennaro, ha tenuto botta con Berlusconi. C'è stata una sorta di gara tra loro ed è stato molto divertente».

Commenti

hectorre

Mar, 28/01/2014 - 08:36

renzi deve e dovrà sempre combattere contro l'avversario più pericoloso,il suo partito....alla lunga sfianca anche i più audaci................bersaniani,dalemiani e mille altre correnti che non vedono di buon occhio il segretario.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Mar, 28/01/2014 - 08:40

Ma quale nuovo incontro con Renzi? Quest'ultimo si deve mettere in testa che gli accordi con i pregiudicati NON SI FANNO!!!!!!!!! Glielo chiedono gli italiani onesti.

edoardo55

Mar, 28/01/2014 - 09:05

Lasci perdere alfaniani e ciellini. Trovi un'intesa di programma con la vera destra FdI, i quali, sono sicuro, alle prossime elezioni europee avranno un successo apprezzabile, se non altro per una sana avversità all'Europa dei Banchieri ed ad una moneta unica che ci ha ucciso.

Ritratto di pravda99

pravda99

Mar, 28/01/2014 - 09:07

La nuova legge elettorale alla fine verra' votata in aula. Ci vorranno i numeri. Ne' Renzi ne' Berlusconi potranno garantire accordi bilaterali fatti a porte chiuse, se questi vanno contro il volere della maggioranza dei parlamentari, e, come pare, del popolo.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 28/01/2014 - 09:35

e perchè?se l'accordo che avete raggiunto è una schifezza è forse sbagliato aggiustarla e farla diventare una legge leggermente migliore?Tra gli altri la legge venuta fuori dopo la sentenza della Corte dovrebbe farvi ragionare sul fatto che è molto meglio emendare ed aggiusstare il vostro accordo che non andare a votare con il proporzionale puro,ma forse in tanti da sinistra a destra vorrebbero larghe intese forever....

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 28/01/2014 - 09:42

la sinistra non può fare ricatti. noi si :-)

xgerico

Mar, 28/01/2014 - 09:46

L'Apicella della politica, sempre a cantar vittoria, "fuori tempo massimo!"

cicero08

Mar, 28/01/2014 - 10:05

Sterili affermazioni di personalità...

Albaba19

Mar, 28/01/2014 - 10:24

300 emendamenti da discutere fatti da partiti e partitini ciascuno per tentare di non venire soffocato, berlusconi e Renzi tentano la strada di fissare uno sbarramento al 5% per vedere di riassorbire tutti quelli che sono recentemente usciti vedi Alfano e compagnia bella....per me non si va da nessuna parte come al solito. tutti si devono mettere in testa che la legge elettorale serve al popolo in primis e non per salvare il culo a qualche parlamentare; finchè non entriamo in questa ottica di idee la vedo molto difficile e quindi prevedo un buco nell'acqua com ci hanno abituato da tempo. saluti

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 28/01/2014 - 11:01

mortimermouse: voi siete i maestri dei ricatti, lo avete più che imparato dai vostri amici sinistronzi, come dice lei. silvio: non si cambia il patto, ma se ogni 2 secondi cambi idea, ma va la, a 77 anni vai a pescar anguille che è meglio.

Mr Blonde

Mar, 28/01/2014 - 11:51

spero ancora che questa legge non si faccia essendo da una vita per l'uninominale puro e semplice di stile anglosassone, e a breve i fatti comunque mi daranno ragione. Comunque FI non si sa che vuole, ieri toti diceva di essere x un governo di scopo, poi smentito, verdini era d'accordo per soglia al 38%, poi smentito, si parlvada di blindare gli accordi ritirando gli emendamenti e poi FI non li ritira ma anzi spunta la salva.lega. Insomma, caro renzi, ma chi c. te l'ha fatto fare? Stai cadendo nella solita rete del solito casinista che tra l'altro con l'incandidabilità e l'affidamento ai servizi sociali tirerà fuori il solito ricatto facendo saltare il banco.

pinux3

Mar, 28/01/2014 - 12:01

@mortimermouse... Lo sai quanti deputati ha FI? 67...su 630 (il PD ne ha quasi 300). Praticamente UN DECIMO dell'assemblea... E sulla legge elettorale avete CONTRO tutti i vostri potenziali "alleati"...Ma che cavolo volete "ricattare", buffoni...

enrico09

Mar, 28/01/2014 - 12:01

E gii emendamenti del suo partito? Come li mettiamo?

pagano2010

Mar, 28/01/2014 - 12:25

siamo interessati a sapere la vera età di ruby nel 2010, la legge elettorale non interessa a nessuno da aprile FI non esisterà più

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Mar, 28/01/2014 - 12:40

..non si cambia il patto sulla legge elettorale! Ma neanche si allea con partiti/o "specie NCD" e tenere porte aperte...Occhio Silvio che non diventa un contracolpo e di questo ne hai avuti tanti (Bossi,Fini,Casini,Alfano....)!Meglio 3% in meno che 3% di ricatto!!!

mk1

Mar, 28/01/2014 - 12:54

per la serie ...." i patti li posso cambiare solo io "

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 28/01/2014 - 13:06

Una sola parola: FOTTUTO! Ancora una volta SILVIO ha fottuto i sinistri. Renzi lo facevo più furbo, a suo tempo D'Alema era stato un osso duro, ma, alla fine, SILVIO aveva fottuto pure lui. Renzi è un bischero: eh sì, non ci sono più i comunisti di una volta!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 28/01/2014 - 13:51

la legge elettorale sara' cambiata.Speriamo in meglio.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 28/01/2014 - 15:41

La legge elettorale è solo un pretesto dispersivo, la zizzania per far litigare i partiti e lasciare la borsellino di Bankitalia in mano ai napolitanisti, che poi sono quelli che hanno rovinato l'Italia. Se non c'era da litigare sulle preferenze bisognava litigare su qualcos'altro, l'importante per Napolitano è fare "dividi et impera". Alla faccia della secessione. Bossi ha dimissionato ll figlio Trota, ma il borbonico re Giorgio non ha rimosso i suoi guaglioni da Bankitalia, ove si lamentano appropriazioni indebite inestimabili.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 28/01/2014 - 15:52

...Per dire che in quanto a dignità perfino Bossi è superiore al borbonico presidente.