Berlusconi: rispettiamo i patti E anche i ribelli si allineano

Gli azzurri decisi a votare contro la riforma del Senato sarebbero  ormai solo una decina. Il Cav: "Abbiamo sempre onorato gli accordi"

N on c'è il Senato in cima ai pensieri di Berlusconi. Ma, come spesso accade da quando è sceso in campo, la magistratura. Lui, il Cavaliere, agli assalti delle procure c'è abituato, c'ha fatto il callo. Ma questa volta nel mirino c'è il figlio Pier Silvio e forse la persona a lui più vicina, Fedele Confalonieri. L'ex premier è preoccupato, teso e dispiaciuto perché sta arrivando al traguardo il processo Mediatrade: per la sentenza è questione di ore e ad Arcore c'è pessimismo. Per il vicepresidente di Mediaset, Pier Silvio, i pm di Milano Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro hanno chiesto una condanna a 3 anni e 2 mesi di reclusione; mentre per Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset e accusato anche lui di frode fiscale, i pm hanno chiesto 3 anni e 4 mesi. In questo procedimento il Cavaliere era indagato ma è stato prosciolto in fase di udienza preliminare dal gup di Milano. Il verdetto potrebbe arrivare già oggi o domani e il fatto che la sentenza verrà partorita dal tribunale di Milano lascia presagire il peggio. Ma Berlusconi è sotto schiaffo: nulla può dire e nulla dirà sul caso, pena la revoca dei servizi sociali. Un bavaglio che pesa come un macigno ma che è impossibilitato a strapparsi dalla bocca.
Cerca serenità tra le mura domestiche e tiene i contatti con i big del partito che gli esprimono solidarietà e lo ragguagliano sui movimenti degli azzurri. Fase concitata, questa, visto che i malpancisti nei confronti del Senato renziano si fanno sentire. Berlusconi comprende bene le ragioni di chi non vuole votare le riforme targate Boschi-Renzi e arriva a condividerne le obiezioni. Nei giorni scorsi ne ha parlato anche con Augusto Minzolini, il senatore che forse s'è più esposto sulla linea del «no», e non è detto che lo rifarà nelle prossime ore. Assieme a Minzolini, sebbene la stampa riporti numeri che sfiorano le 30/40 unità, i «frondisti» si sarebbero ridotti a una decina circa. Tutti parlamentari fedelissimi di Berlusconi e che direbbero di «no» non «contro» il Cavaliere ma «contro» una riforma a loro avviso troppo pasticciata. Berlusconi ha intenzione di chiamarli uno a uno per convincerli a ricompattarsi. Ergo sembra ormai tramontata l'ipotesi di un nuovo summit tra parlamentari azzurri, inizialmente in agenda per domani: troppo elevato il rischio che gli animi si surriscaldino e che mediaticamente passi l'immagine di un partito frantumato.
Qualcuno lo rassicura: «Presidente, decidi tu. Il leader sei tu e noi ci allineiamo. Stai tranquillo che saremo uniti». E lui, il Cavaliere, cercherà di convincere i malpancisti che «sì, è vero: la riforma non è il massimo. Ma occorre votarla compatti. Renzi ha bisogno di noi e noi di lui. I patti vanno rispettati: lo abbiamo sempre fatto e continueremo a farlo». Questo dirà ai suoi più refrattari. Avanti con la linea della responsabilità che ha un suo perché: evitare che Renzi - che ha bisogno di incassare la luce verde sulle riforme perché su questo ha ottenuto un'apertura di credito dall'Europa - vada ad abbracciare i pentastellati. A Berlusconi fa più paura Grillo di Renzi. E se quest'ultimo dovesse scaricare il Cavaliere, per Forza Italia sarebbero guai.
Meglio restare al centro della scena politica, portare a casa l'Italicum senza le modifiche alle soglie di sbarramento, trattare a oltranza per strappare qualche ulteriore modifica al testo del nuovo Senato e mettere la firma in calce al provvedimento che disegna la Terza Repubblica.

Commenti

ex d.c.

Lun, 07/07/2014 - 10:19

Dobbiamo avere sempre fiducia nel nostro premier, anche se a volte è difficile comprendere il suo operato. Ricordiamo che per 20 anni è riuscito a mandare avanti un paese come il nostro.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 07/07/2014 - 10:22

"Non c'è il Senato in cima ai pensieri di Berlusconi. Ma, come spesso accade da quando è sceso in campo, la magistratura.". Grazie per la precisazione. Non l'avevamo ancora realizzato. La lingua, si sa, batte dove il dente duole. Ed ora che l'effrazione dei gavoccioli emorroidari appare sempre più vicina ed ineluttabile, il poverino sarebbe disposto a rinunciare persino alla propria identità eterosessuale pur di sfangarla.

Gioa

Lun, 07/07/2014 - 10:40

FORZA ITALIA NUOVA CONTRO IL SENATO...HANNO STUFATO STI INCIUCIONI DI comunisti che danno il benestare a tt...renzi che fà?. si fa veedre che accetta quanto vuole FORZA ITALIA NUOVA...TU SILVIO GLI DICI OK...MA poi loro che fanno con la magistratura rossa...accusano anche PIER SILVIO e GONFALONIERI.... Questi veramente pur di affondare LA TUA FAMIGLIA FAREBBERO CARTE FALSE...L'HANNO GIA' FATTE.... C'era da aspettarselo....TU SILVIO APPOGGI renzi e i signorini finti comunisti...e loro che fanno ATTACCANO ORA PER SILVIO... Visto che orami il CALLO A TE E FAMIGLIA E' GROSSO...TENETE DURO E NON APPOGGIARE PIU' QUESTO renzi... NO AL SENATO....Se alla magistratura e ai singnori di renzi comunisti opportunisti gli "butta" male con PIER SILVIO E GONFALONIERI.... FORZA ITALIA NUOVA PER UN SENTATO DAVVERO RIFORMATO....

Gioa

Lun, 07/07/2014 - 10:42

se ai magistrati amici della sinistra oggi e domani gli "butt" male con PIER SILVIO E GONFALONIERI...OCCHIO CHE ATTACCANO IL TUO CANE (DUDU') E PURE IL GATTO SE CE L'HAI.... FORZA ITALIA NUOVA PER NON ATTACCARE NEANCHE GLI ANIMALI....

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 07/07/2014 - 11:08

"Dobbiamo avere sempre fiducia nel nostro premier, anche se a volte è difficile comprendere il suo operato." Di tutte le professioni di di fede questa è sicuramente la più commovente. Tradotto: "Le vie del Signore sono imperscrutabili. Dobbiamo sempre avere fede in Dio anche se non sempre riusciamo a capire i Suoi superiori disegni....ed anche se, talora, ce lo piazza brutalmente in quel posto".

Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Lun, 07/07/2014 - 11:24

«Presidente, decidi tu. Il leader sei tu e noi ci allineiamo. Stai tranquillo che saremo uniti»: i forzisti che l'hanno detto, secondo me in realtà si rivolgevano direttamente al Presidente Renzi.

Duka

Lun, 07/07/2014 - 11:32

@ex d.c.- A me pare molto logorato da 20 anni di palazzo. Insisto perchè passi la mano a Cattaneo.

xgerico

Lun, 07/07/2014 - 11:43

ci sono malpancisti, poi leggo "il capo sei tu, decidi tu" bell'articolo!

Vero_liberista

Lun, 07/07/2014 - 11:45

Mi convinco sempre di più di una cosa: il centrodestra oggi non è più, come nel '94, una forza libera di rappresentare una reale piattaforma liberale e liberista, ostaggio com'è di un leader che per poter rimanere disperatamente attaccato al carro istituzionale e sperare di ottenere così qualche beneficio per la sua precaria posizione personale deve accettare qualsiasi scelta di Renzi (quindi della sinistra) con soluzioni neodemocristiane di compromesso al ribasso lontane anni luce dalle soluzioni ai reali bisogni che dell Paese e dal pensiero dell'elettorato moderato-liberale di centrodestra. Considerato che Berlusconi, presuntuoso ed egocentrico com'è, non ha nè avrà mai l'umiltà, il coraggio e la lucidità necessarie per rinunciare, per il bene del Paese, alla guida del centrodestra(almeno come guida operativa), purtroppo bisognerà aspettare con pazienza la sua dipartita fisica (immagino quindi tra almeno 10 anni) perchè il centrodestra possa compiere finalmente, una volta liberato da questo peso, la tanto attesa (dal suo elettorato) svolta liberal-liberista e antidemocristiana, sperando che nel frattempo la sinistra non riesca ad instaurare il regime socialista immodificabile a cui mira da sempre. E sperando che nel frattempo emerga un nuovo leader animato da una passione realmente liberale, sufficientemente forte (anche finanziariamente), carismatico e ben inserito negli ambienti internazionali liberali che contano, capace di riprendere il disegno del centrodestra mestamente abbandonato dal '94

Ritratto di andymaga

andymaga

Lun, 07/07/2014 - 12:08

Berlusconi, sarà per l'età ragguardevole, ma dovresti farti da parte, perchè con il tuo comportamento ormai non servi più. Renzi ti ha completamente irretito e con te anche tanti elettori di cdx, si è impadronito delle riforme che sarebbero dovute essere quelle del cdx, e con un'operazione spregiudicata le sta portando avanti con un obbiettivo strategico veramente sottile, che, gli consentirà di controllare con un regime di consensi ottenuti con pochi spiccioli mensili, le strutture principali dello Stato. La cosa assurda e che lo farà grazie all'appoggio di coloro che votati dalla maggioranza degli italiani di cdx sono via via entrati a far parte della maggioranza di governo come il NCD, di quell'inconcludente di Alfano, o a far parte dei riformatori della Costituzione in posizione di subordine, come FI, quando invece sarebbe dovuta stare alla guida delle riforme che aveva già fatto nel 2006, quando quei miserabili personaggi della sinistra che oggi si gonfiano di glorie non loro, hanno lottato contro tali riforme. Stesso discorso vale in Europa, certamente, un discorso come quello di Renzi non è stato mai fatto da Berlusconi, ma è certamente giusto intervenire sul PPE, contro la linea del rigore che un personaggio impopolare come Junker ed un Weber, vergognosamente tedesco, che vuole continuare a mantenere quell'egemonia tedesca che per inconcludenza ed incapacità dei nostri parlamentari europei non è stata contrastata efficacemente. Purtroppo con l'attuale linea di FI difficilmente la maggioranza di noi elettori che non ha più votato dopo il disastroso governo Monti, tornerà a votare. Occorre una nuova leadership, una personalità dall'onestà personale specchiata che abbia una visione lungimirante sia nel campo delle riforme istituzionali e della burocrazia, della giustizia e dell'economia, ma soprattutto che abbia i cosiddetti attributi, disposto a rischiare il tutto per tutto, come Renzi che ha promesso che in caso di fallimento si ritirerà dalla politica.

Pinozzo

Lun, 07/07/2014 - 12:15

Che farsa penosa questo giochino delle parti. Ribelli, malpancisti, cerchera' di convincere.. ma quando mai. FI e' un partito di servi, e i servi obbediscono al padrone pregiudicato, fine.

colapesce

Lun, 07/07/2014 - 12:19

i voti sono suoi e giusto che decida lui ..............i collabboratori vanno e vengono ........

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 07/07/2014 - 12:28

Ah, ecco il perchè delle dichiarazioni pro-renzi che sono state fatte da piersilvio! Leggete bene questo articolo e traetene voi le conclusioni. In pratica Cramer ci sta dicendo che ancora una volta l'interesse di milioni di elettori del Centro Destra dovrà essere sacrificati all'interesse del vecchio Capo e della sua famiglia. Meglio non commentare, ma ricordarsene al momento del voto...

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 07/07/2014 - 12:35

@Memphis35 io non so chi sia lei, ma so di certo che su molti argomenti, compreso questo, la pensiamo esattamente allo stesso modo! Stiamo scivolando nel comunismo per favorire la sopravvivenza economica e politica di un vecchio ormai stanco e troppo esposto per motivi suoi. Ma a quanto pare a lui non frega assolutamente niente di quelle decine di milioni di poveri idioti (e mi ci metto anch'io fra quelli) che negli anni avevano creduto in lui. Possibile che non si riesca a trovare un altro leader del movimento di Centro-Destra?

alberto_his

Lun, 07/07/2014 - 12:53

@Memphis35: quoto in pieno. Formidabile il commento delle 11:08.