Bersani nella rete dei delusi: tutti cinguettano «non voto Pd»

Cosa unisce chi dice che «non vuole morire democristiano», chi afferma che «è di sinistra», chi «non vuole finire nei Casini» e chi ammette che «non ha ancora capito cos'è»? Semplice, sono tutte persone che dichiarano apertamente che non voteranno per il Pd e spiegano pure il perché. Non è un sondaggio d'opinione e nemmeno un'adunata di rottamatori democartici. Semplicemente, trattatasi di internauti, che sul social network twitter hanno deciso di esprimere il loro dissenso al partito utilizzando l'hashtag #IoNonVotoIlPd, diventato nel giro di breve uno dei più utilizzati in rete, in gergo un trend topics. Nel mirino dei critici della rete, in particolare, la linea scelta dal segretario Pier Luigi Bersani (nella foto) accusato, tra l'altro, di corteggiare Casini puntando a un'alleanza con il centro piuttosto che con la sinistra. Ah, sullo stesso social network qualcuno ha provato a creare anche l'hashtag opposto, #IovotoIlPd, che però non ha riscosso particolare successo. Guarda un po', una guerra interna al Pd. Questa sì che è una novità.

Commenti

ariete38

Mer, 25/07/2012 - 10:57

In sostanza il messaggio che se ne ricava è questo, dopo tanti sondaggi che dicono che il PD è il primo partito d'Italia: Il PD è il primo partito da non votare.