Bersani: "Primarie aperte"Idv e Sel preparano l'assaltoA Di Pietro: "Superi Grillo"

La proposta del leader del Pd: "Riuniamo le forze democratiche moderate". Di Pietro: "Non ci venda fumo". E Bersani attacca: "C'è limite a tutto"

"Tocca a noi". Così Pier Luigi Bersani sprona i suoi durante la Direzione del Pd: "Ho sempre creduto e saputo che metterci al servizio di un progetto più grande di noi non riduce nè il ruolo nè la forza del nostro partito. Anzi semmai le accresce", ha detto sottolineando che il partito ha "il dovere della proposta" e che per questo a metà luglio si riunirà in un'assemblea nazionale.

Le ultime amministrative - che, Bersani lo ha ribadito, il Pd ha vinto, spingono il partito ad apririsi "ai progressisti, ai moderati, alle forze democratiche e civiche moderate". Non "un'ammucchiata", però, ma un gruppo in grado di mettere in piedi un "patto di legislatura". Ecco perché, quindi, entro l'anno il leader del Pd chiede che ci siano primarie aperte. "Io mi candiderò, ma mi candiderò dentro a quel percorso e in una giornata di grande partecipazione costruita non per allestire generiche carovane o determinare questa o quella rendita di posizione ma per ricavare governabilità dalla partecipazione", ha spiegato.

In ogni caso, il Pd continuerà a sostenere Monti, come Bersani aveva già detto nei giorni scorsi. Si voterà quindi nel 2013, come previsto. In un anno sarà però fondamentale, per i democratici così come per gli altri partiti, mettere a punto la riforma elettorale. Così come proposto da Angelino Alfano, in tre settimane si verificherà se c'è un accordo. "La riforma sia però liberata da ogni condizionamento, il semipresidenzialismo non è percorribile in questo scorcio di legislatura", precisa però il segretario del Pd, Noi siamo per un sistema parlamentare riformato, semplificato e rafforzato, per un ruolo forte del governo e per una preziosa funzione di equilibrio del presidente della Repubblica".

Bersani non ha risparmiato nemmeno gli altri partiti, a partire dall'Idv: "Di Pietro decida se vuole insultarci attacarci ogni giorno o fare l’accordo. Anche oggi ho letto una serie di dichiarazioni di Di Pietro che sono irragiungibili per Grilo, ma c’è un limite a tutto. Su questo bisognerà che ci intendiamo".

La risposta di Antonio Di Pietro non ha tardato ad arrivare: "L'alleanza con il Pd noi l'abbiamo già fatta, come hanno dimostrato le recenti amministrative, e vogliamo mantenerla", ha detto il leader dell'Idv, "Ma prima di poterla confermare nuovamente per le prossime elezioni politiche, vogliamo capire quale sia il programma reale ed effettivo che intende portare avanti il Pd, perché non intendiamo cadere nel tranello delle ipocrisie e della vendita di fumo".

"Le parole di oggi di Bersani danno fiato e ossigeno, sono molto importanti", ha detto invece Nichi Vendola, "C’è il riconoscimento che non bastano i leader dei partiti e i partiti, ma che occorre un coinvolgimento di movimenti, organizzazioni, donne. C’è una forte esigenza di cambiamento e c’è bisogno di un allargamento. Soprattutto per i giovani, per evitare la condanna all’ergastolo della precarieta".

Commenti

scipione

Ven, 08/06/2012 - 13:02

Bersani come al solito ...delira......vuole aggregare ai comunisti tutti i moderati ( anche il PDL ? ) Spero che Casini non abbocchi all'amo diventando un altro utile idiota degli interessi comunisti, come e' accaduto per i " CATTOLICI " EX DC cattocomunisti

macchiapam

Ven, 08/06/2012 - 13:12

Bene la disponibilità a concordare una riforma della legge elettorale. Ma il vero problema è la riforma della Costituzione, là dove costringe il governo a superare ogni tipo di ostacolo per attuare la politica voluta dagli elettori che lo hanno designato. E la legge elettorale dovrebbe seguire la riforma costituzionale, non precederla. Bersani deve acconciarsi, come già fece D'Alema, a costituire una commissione che concordi le modifiche costituzionali necessarie. La nazione gliene sarà grata.

duxducis

Ven, 08/06/2012 - 13:25

Un filosofo della chiesa che vuole raccontare a gente che ha costruito auto, palazzi, strade, tecnologia... come si fa a uscire dalla crisi. E' ora di finirla di votare per i parassiti, gli Italiani devono votare per gente VALIDA, che ha fatto qualcosa nella vita. L'attuale classe dirigente e' formata da gente presa a caso tra i nullafacenti e tra i piu' sfigati della Nazione.

Massimo Bocci

Ven, 08/06/2012 - 13:32

Gargamella per una volta nella vita chiama le cose con il loro VERO NOME........non falsificare come da pressi e insegnamenti dei padri )(costituenti) tutto chiamalo semplicemente......patto per rubare,.....cosa che consueta che avete sempre fatto e fate costantemente e istituzionalmente, invece di chiedere due mazzette ( una per i comunisti e una per il socio catto) come da manuale Cencetti, fate una semplificazione una mazzetta unica unite gli sforzi e riducete le spese, e anche nei brogli elettorali ci sarà meno spreco di schede bianche e nulle!!! Gargamella partito unico CCCP !! Chi altri.

Cinghiale

Ven, 08/06/2012 - 14:18

Non ne posso più! Sono come un condannato a morte che rassegnato aspetta placidamente il suo ultimo giorno. Facciano quello che vogliono io non voto più.

spadino65

Ven, 08/06/2012 - 14:36

Massimo Bocci...chi era Cencetti?.....su su bananas alzate un pochino il livello anche se è dura è?

bobsg

Ven, 08/06/2012 - 15:07

Evviva il nuovo che avanza!

bolinatore

Ven, 08/06/2012 - 15:44

#4 Massimo Bocci: Cencetti?... Chi era costui? eppure i tasti "T" ed "L" sono lontani su qualsiasi tastiera.

Massimo Bocci

Ven, 08/06/2012 - 16:43

#8*bolinatore*(2033) - lettore .... Chiedo venia per Cencetti invece che Cencelli, ma scrivendo con un telefonino può capitare,spero che perlomeno il concetto sia stato chiaro suggerivo all'AD coop,Gargamella perché chiedere il pizzo in due quando l'esattore può essere uno solo,....si semplifichino la vita vada uno solo a rubare!!! Poi dividono,..come sempre!!!

bolinatore

Ven, 08/06/2012 - 16:58

#9 Massimo Bocci : lei dice... per ora i Pizzi più grossi alla nazione li ha chiesti berlusconi. Oggi ne abbiamo ricevuto uno da 10 milioni dalla Corte di Strasburgo, per la vicenda Europa 7 Mediaset (rete 4), per occupazione abusiva delle frequenze nello spazio di 12 anni. Notizia che qui non viene riportata.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Ven, 08/06/2012 - 17:06

Ora anche Bersani, come Alfano vuole unire i "moderati"......forse la cosa migliore è fare una bella coalizione PDL - PD.........tanto hanno le stesse uguali idee per meglio rubare.

bolinatore

Ven, 08/06/2012 - 17:17

#11 Goldglimmer: perché il PDL esiste ancora. dalle ultime notizie risulta disperso.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 08/06/2012 - 17:23

hanno con loro il migliore cavallo da corsa oggi sul mercato: eppure lo osteggiano: ciò significa che sono degli incolmpetenti e degli stupidi: renzi spero solo li abbandoni per passare alla loro opposizione

macchiapam

Ven, 08/06/2012 - 17:38

La logica conseguenza delle dichiarazioni di Bersani è che si dica disposto non soltanto a concordare una nuova legge elettorale, ma a partecipare a una commissione che - come quella a suo tempo formata da D'Alema e Berlusconi - elabori un progetto di modifica della Costituzione. Non importa se non c'è tempo: i lavori serviranno comunque in futuro; e poi magari, se ci si dà da fare, si riesce anche a fare a tempo. Non è più tempo di finzioni o tattiche.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 08/06/2012 - 17:53

Bersani è il più inetto dei politici in circolazione.

Raul Novi

Ven, 08/06/2012 - 19:19

poveretti, sono messi molt male, se grillo è l'avversatio da battere possono andare a casa tutti insieme.

Massimo Bocci

Ven, 08/06/2012 - 19:34

#10*bolinatore*(2035) - lettore .....non vedo che sono stato Italiano ha pagato alla Morgan Stanley,....noti bene due miliardi e 567 milioni di euro, per chiudere un contrattino (dei derivati) sottoscritto dal ministro del tesoro nel 1994 ,pagati oggi in silenzio dal clone Monti, questa e solo una parte della truffa perpetuata dal mortadella e il banchiere partigiano per cacciarci nella truffa euro,....per quanto faranno nessuno può superare i suoi (campioni) veri ladri anti Italiani.

marcosss

Ven, 08/06/2012 - 19:31

PD partito di fannulloni attaccati alle poltrone,comunisti reciclati ma sempre comunisti andassero a lavorare,spero che alle prossime politiche vengano spazzati via assieme al PDL.

claudiocodecasa

Ven, 08/06/2012 - 19:37

il nostro bersan ha sempre avuto la vita facile ha giocato con la politica, lavorare mai, vita buona, discorzi a c.............o tanti e atteggiamenti da pagliaccio e mgari vorrebbe guidare l'italia,meglio vedere uno schianto di donnam almeno uno gode che quella faccia di tola di bersan

voce.nel.deserto

Ven, 08/06/2012 - 19:42

Bersani,Di Pietro e Vendola non sono moderati. Sono comunisti rifondati,tendenzialmente rivoluzionari.Di Pietro cavalca il trasformismo e fa il comunista senza aver mai letto il Capitale.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Ven, 08/06/2012 - 21:06

Che bella foto gastronomica: orecchiette, fusilli e mortadella!

OssodiSeppia

Ven, 08/06/2012 - 22:08

Fantastico !! Di pietro superi Grillo !! Cos'è ? I campionati europei di scemo e più scemo sono iniziati anche in politica ??

eglanthyne

Sab, 09/06/2012 - 06:22

Oh bravi , fate il remake di " TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE ".

bolinatore

Sab, 09/06/2012 - 08:52

#17 Massimo Bocci , nel 1994 si alternarono al tesoro prima Piero Barucci (Governo Ciampi) e poi Lamberto Dini (primo governo Berlusconi). Quindi Prodi non c'entra ed in ogni caso la responsabilità andrebbe condivisa fra i due governi In ogni caso l'operazione (certamente azzardata e rischiosa), fu condotta nell'interesse pubblico per raggiungere i parametri dettati da Maastricht. Non risulta alcuna affermazione di Berlusconi contraria all'operazione, nè risulta alcuna critica di Berlusconi all'ingresso dell'Italia nell'Euro, anzi si è sempre dimostrato entusiasta. La faccenda di rete 4 è esclusivamente affare privato. Le due cose non sono paragonabili.

claudiocodecasa

Sab, 09/06/2012 - 18:04

la sinistra sarà contenta che le piccole attività vadano a gambe-all'aria, quelli che chiudono saranno assunti nelle mega fabbriche, un vecchio sogno della sinistra, che ospitino dai 100.000 alle 200.000 persone tutti iscritti e tesserati alla CGIL e la domenica in piazza ai comizzi con la presenza del A.N.P (accademia nuovi partigiani) quelli non devono mai mancare perchè servono per lanciare le invettive alla destra cattiva e tenere alto il livello dell'odio psicologico, studiato a tavolino dai vertici PC