Bimbi bruciati: indagato il papà per omicidio

Non è stato un incidente, ma un duplice omicidio. Pasquale Iacovone, il 40enne di Ono San Pietro (Brescia) nella cui casa in fiamme martedì 16 luglio sono morti i figli Andrea e Davide, 9 e 12 anni, è ora indagato per duplice omicidio volontario aggravato. L'uomo è attualmente ricoverato all'ospedale di Padova in bilico tra la vita e la morte a causa delle ustioni sul 90% del corpo causate dalle stesse fiamme che uccisero i suoi figli. Su di lui pesavano indizi già dai primissimi momenti della tragedia: l'uomo, infatti, aveva in corso una causa di separazione, a dir poco conflittuale, con Erica Patti, sua ex moglie e madre dei due fratellini. Su di lui pendevano diverse denunce per stalking presentate dalla donna, che aveva iniziato l'iter giudiziario per togliergli la patria potestà.