Bluff del centurione Marino. Il Colosseo formato-pedone

Il sindaco di Roma si autocelebra per aver chiuso al traffico i Fori Imperiali. Ma i problemi restano, anzi aumentano

Sono passati 1490 anni esatti dall'ultimo spettacolo documentato andato in scena al Colosseo. Era il 523, e il senatore Flavio Anicio Massimo, per festeggiare la nomina a console in occidente, strappò al re ostrogoto Teodorico il permesso di organizzare una «caccia» nell'anfiteatro Flavio. Oggi, 2013, è Ignazio Marino che vuol legare al Colosseo il suo nome e la sua fresca elezione a sindaco. La celebrazione, nel suo caso, prevede la cacciata delle auto private, nel nome di una «pedonalizzazione» al momento solo parziale. Dall'alba di ieri, l'ultimo tratto di via dei Fori Imperiali - da largo Corrado Ricci a piazza del Colosseo - è off-limits per tutti i veicoli. O quasi. Fanno eccezione i tassisti, gli autobus, le auto a noleggio con conducente, i mezzi d'emergenza, i veicoli autorizzati diretti a strutture di culto e di accoglienza e le biciclette, purché non superino i 30 chilometri l'ora. Quanto alle auto blu, Marino si affida al buon cuore della casta, chiedendo a Napolitano e Letta «di fare utilizzare altri itinerari» alle ammiraglie istituzionali.

Il sogno di Marino è l'«effetto Partenone»: staccare il Colosseo dal cuore pulsante - e trafficato - di Roma, isolarlo come una cartolina da offrire a turisti e romani, e pazienza se nell'immaginario collettivo l'improvvisa comparsa dell'Anfiteatro dal finestrino dell'auto o del bus rappresentava l'epifania dell'arrivo nella città Eterna. Ma senza l'Acropoli a segnare un distacco dalla città viva, Ignazio s'è dovuto accontentare. Le auto non correranno lungo il lato Nord del monumento, ma restano aperte al traffico via Celio Vibenna e piazza del Colosseo, sul fronte Sud-Est. Secondo il sindaco, col progetto si scenderà da 1.500 a 50 veicoli l'ora, alleggerendo inquinamento e vibrazioni. Il suo intento è la completa pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali prima della fine del mandato: utopia, senza un drastico miglioramento del trasporto pubblico nell'area e in tutta la città.
Ma l'enfasi con la quale Marino ha caricato di significati la pseudopedonalizzazione - perché come detto di veicoli a motore ne continueranno a passare - dell'Anfiteatro (con slogan rigorosamente inglese: «just walk or bike it»), ha reso l'atto del sindaco una decisione destinata a dividere. I residenti dell'area non l'hanno presa bene. La prima obiezione è sulla reale priorità dell'intervento, in una città che ha ben altri problemi da risolvere, ma anche sul merito le contestazioni non mancano. La chiusura di quelle poche centinaia di metri appesantirà il traffico sulle congestionate via Cavour e via Labicana. E molti sottolineano che gran parte dei 1.500 mezzi l'ora che transitano sotto le imponenti arcate del monumento sono bus e taxi, e che dunque il calo di smog sarà irrisorio.

Ma tant'è, Marino va avanti, e sulla pseudopedonalizzazione ha costruito l'autocelebrazione della sua incoronazione, la «Notte dei Fori». Se i risultati dell'esperimento si cominceranno a valutare da oggi, ieri è stato tempo di festa per Ignazio I. La serata di spettacoli ed eventi s'è aperta con il sindaco in corteo con la banda dei vigili urbani e s'è chiusa con saluto finale del sindaco, sul palco con Concita De Gregorio, in una sobria riedizione dei «trionfi» classici trasferita dalla via Sacra alla nuova «passeggiata». Chissà se qualcuno avrà sussurrato all'orecchio di Marino un «memento mori», tanto per ricordare al primo cittadino di restare - a proprosito di pedonalizzazioni - con i piedi per terra.

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 04/08/2013 - 10:48

avete votato il comunismo arrangiatevi romani tra poco vi aumenterà il catasto, IMU Tares parcheggi, trasporti urbani, scuole materne ed asili nido solo gli extracomunitari e Rom ne saranno esentati perchè coprirete voi le loro spese. Mi auguro anche una forte riduzione e mobilità dei dipendenti comunali.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 04/08/2013 - 10:51

Fa bene, e' pieno di idioti che ci credono.

alberto serono

Dom, 04/08/2013 - 10:54

Dove eri quando Alemanno e Polverini distruggevano questa città? A no stavi banchettando anche tu scusa davvero!

Ritratto di alexaria10

alexaria10

Dom, 04/08/2013 - 11:26

Alemanno ha distrutto questa citta'.

il sorpasso

Dom, 04/08/2013 - 11:27

Perché la festa di ieri è costata bel 220.000 euro? Non si potevano destinare ad altre cose più serie magari devolvere qualcosa agli anziani ITALIANI?

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 04/08/2013 - 11:57

Con Marino è sicuro che la zona più prestigiosa di Roma diventerà ostaggio di Vu Cumprà e di borseggiatori.

Angel7827

Dom, 04/08/2013 - 11:57

i commenti del demente dragon lord sono sempre uno spettacolo, è la prima volta che sento il bisogno di definire una persona handicappato, questo è dragon lord.

Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Dom, 04/08/2013 - 11:57

Avete votato per Marino sindaco. Romani ora inforcate la bici e pedalate. Guarda che Sindaco è sortito Marino che profumo de rose de garofani e pansè. Ora tutto un paradiso senza rombo di motori solo pedoni a passaggiar. Guarda sti Fori che tutto un sorriso Roma dal traffico libera è Lo vedi ecco Marino la sagra c’è di Ignazio pedala con la bici, ma la scorta sempre c’ha, se poi intruppa su un sampietrino vedi cader Marino che si strappa li calzon aihe, ooh, Marì, Marì. Appresso c’è Colle Oppio col pittoresco Celio in bici come Marino comincia a pedalà. Se arranchi su Monte Mario tu ti metti ad imprecar fai invece come Marino e mo impara a pedalar È sera e già le stelle te fanno un manto d'oro e le romanelle se mettono a canta' se sente 'no stornello risponde un ritornello ridatece Alemanno Marì, Marì.

pimask.11

Dom, 04/08/2013 - 12:16

Con tutti i debiti che hanno questa pagliacciata a nostre spese se la potevano risparmiare. Roma Ladrona e anche Sprecona.

Felice48

Dom, 04/08/2013 - 12:23

Vedo o sbaglio che c'è anche la presidente della camera. Ovvia se la suonano e se la cantano molto bene. Comunque nulla da ridire. Solo che bisogna vedere se gli scontenti pochi o molti.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 04/08/2013 - 12:43

è sempre colpa di quello precedente, tipico costume italiano, vedrai che questo comunista ti aggiusta la città che dici Alemanno ha distrutto, intanto comincia a pagare le tasse che ti metterà a settembre con la scusa che Alemanno è stato sprecone e cattivo.

Paul Bearer

Dom, 04/08/2013 - 13:07

In genere sono a favore delle pedonalizzazioni anche se le fanno Marino o Pisapia. Però una manifestazione benedetta dal sorriso inquietante e sadico della Boldrini otterrà come risultato soltanto di raddoppiare il traffico in qualche altra zona di Roma oltre trasformare i Fori in rifugio di senzatetto e sbandati vari. Auguri romani ne avete bisogno.

MEFEL68

Dom, 04/08/2013 - 13:27

I risultati del provvedimento si vedranno, quindi per ora non commento. Quello che trovo RACCAPRICCIANTE è la prostrazione di Marino verso la casta. Perchè questa non dovrebbe osservare come gli altri il provvedimento? Perchè un povero diavolo non può transitare per quel tratto di strada e i papaveri sulle loro autoblu pagate da noi SI? Bell'esempio di democrazia. si vergognino, sia Marino che prega e non impone, sia chi non rispetta la preghiera perchè si ritiene superiore. Neanche in dittatura succede questo.

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Dom, 04/08/2013 - 13:36

Angel7287: anch'io mi sento di usare per la prima volta nella vita le parole handicappato e demente attribuiendole a te.

Sinistra al caviale

Dom, 04/08/2013 - 13:37

La colpa è di chi a sinistra vota chiunque pur di eliminare qualcun altro. Sarà cacciato a calci in c... come Pisapippa Demagistris e feccia simile..

MEFEL68

Dom, 04/08/2013 - 14:17

Una cerimonia con fascia tricolore e partecipazione del Presidente della Camera, mi sembra eccessiva per un cartello di divieto di transito. Vorrà fare così ogni volta che istituirà un senso unico o un divieto di sosta? Marino, Marino, un po' più di serietà e meno autopromozione sarebbero molto bene accetti dai romani.

Joecasti

Dom, 04/08/2013 - 14:40

Le pedonalizzazioni in Italia sono piú che urgenti, molti italiani sono viziati, per fare 500 metri usano la macchina al posto di andare a piedi o in bici come fanno al Nordeuropa. Solo in Italia stanno tutti a brontolare solo per non ammettere che un'idea o proposta fatta da un "nemico" politico sia buona o vada nella giusta direzione.Anche se sono moderato di destra trovo un dovere rendere le cittá italiane piú vivibili e preservare l'ambiente e la cultura.

killkoms

Dom, 04/08/2013 - 15:34

@alberto serono,ipocrita!e secondo te,alemanno in 5 anni ha fatto più danni dei 15 di piacione-rutelli,veltroni,vero?o in 5 anni era impossibile rimediare ai danni del duetto,e i romani non lo hanno ovviamente capito?

morovalmontone

Gio, 08/08/2013 - 11:37

Prodi & Boldrini: Onu come baraccone globale della sinistra chic