Boeri da vittima a ripescato Sarà sua l'Estate fiorentinaBorghezio regala il pane che sa di sale per l'Europa

Il ripescato dei ripescati rispunta a Palazzo Vecchio. Il nuovo direttore dell'Estate fiorentina sarà l'architetto ed ex assessore a cultura ed Expo di Milano Stefano Boeri (nella foto) uscito dalla giunta milanese di centrosinistra perché in rotta con il sindaco Giuliano Pisapia. Lo ha deciso la giunta ex Renzi. Boeri sostituisce Riccardo Ventrella alla guida della rassegna di eventi estivi dal 2011. Per lui sarebbe pronto anche un incarico da consigliere per la cultura a Palazzo Vecchio qualora Dario Nardella vincesse le elezioni amministrative del 25 maggio. «Metto a disposizione di Firenze la mia esperienza di amministratore e di curatore di manifestazioni ed eventi culturali internazionali», ha commentato. A Firenze sperano di no...

Mario Borghezio (nella foto) ieri si è fatto un giro al mercato dell'Esquilino. Una scelta apparentemente di respiro multietnico da ricercarsi in una distribuzione dei pani ma senza i pesci che hanno reso famoso il collega di partito Gianluca Buonanno. La distribuzione gratuita ha un sapore francescano e antieuropeista: contro la tirannia della moneta unica e contro l'austerità made in Bruxelles. Borghezio non ha prodotto il miracolo della moltiplicazione delle vivande ma ha conferito al suo gesto connotati decisamente polemici: contro il sindaco Ignazio Marino, colpevole di trascurare la sicurezza della Capitale, e contro Matteo Renzi complice di quell'austerità finanziaria. «Er pane di Roma per la nostra gente», come gridava Mario, sa di sale per i meno italiani.