La Boldrini imbavaglia i social Ma il divieto arriva da Facebook

Tweet e post su Facebook vietati durante le riunioni di confronto alla Camera. Il diktat arriva dalla presidente Laura Boldrini (nella foto) e arriva... via Facebook. «Ho richiamato i componenti della Conferenza dei capigruppo, così come farò alla prossima riunione dell'Ufficio di presidenza - ha scritto la Boldrini sul proprio profilo - perché non inviino tweet o post su Facebook nel corso delle riunioni. La circolazione delle informazioni, ovviamente, è importantissima. Ma c'è anche un principio di correttezza che impone di astenersi da comportamenti che possano interferire con il libero confronto delle posizioni e offrire all'opinione pubblica rappresentazioni di quanto avviene prima che sia presa una decisione finale». Chiara e diretta la presidente di Montecitorio nel contrastare un'abitudine ormai dilagante tra i parlamentari, quella di postare in diretta dall'Aula. Una lotta che però somiglia un po' a quella contro i mulini a vento.