Boom di emigranti, gli italiani scappano dalla crisi

Roma«2012: fuga dal Belpaese». L'Italia torna terra di emigranti e ancora una volta la corrente porta verso la Germania. Nel 2012 il nostro paese ha vissuto un boom dell'emigrazione, puntualmente trascritto nei registri dell'Anagrafe della popolazione Italiana Residente all'Estero (Aire): più 30,1 per cento nel 2012 rispetto all'anno precedente. Non si registrava un simile incremento dal 2008.
Nel 2011 avevano deciso di lasciare il paese 68.635 persone che nel 2012 sono salite a 78.941. In maggioranza si tratta di uomini che rappresentano il 56 per cento contro un comunque consistente 44 per cento delle donne. Certo il volto dell'emigrazione è cambiato ma è il segno di una crisi profonda che oltretutto avrà pesanti ricadute negative sul futuro perché se ne vanno tanti, tantissimi giovani. Anche la migrazione della fascia che va dai 20 ai 40 anni infatti cresce del 28,3 per cento in un solo anno. Dai 27.616 espatriati del 2011 ai 35.435 dello scorso anno. Sono più gli uomini, 57 per cento, e sono di più gli over 30: 20.650 espatri contro i 14.785 degli under 30.
Diversamente da quanto accadde con le prime grandi ondate migratorie di fine '800 che videro milioni di persone partire prevalentemente dal Sud verso l'America, in questa fase è la Lombardia a incrementare la massa, più ridotta, in fuga: 13.156 lombardi hanno trasferito la propria residenza all'estero, seguiti dai veneti che se ne sono andati in 7.456. Poi ci sono i siciliani, 7.003; i piemontesi, 6.134; i laziali, 5.952; i campani, 5.240; gli emiliano-romagnoli, 5030; i calabresi, 4.813; i pugliesi, 3.978; i toscani, 3.887.
La maggioranza non va troppo lontano e preferisce restare in Europa, 62,4 per cento ovvero 49.307 persone. Gli altri hanno scelto una meta di antica tradizione migratoria per gli italiani, l'America meridionale, 14.083. In 7.977 invece hanno scelto l'America del Nord o centrale. Tra Asia, Africa ed Oceania si sono distribuiti i restanti 7.574.
Nell'Europa è la Germania la meta preferita dagli italiani che l'hanno scelta in 10.520, poi c'è la Svizzera, 8.906; la Gran Bretagna, 7.520; la Francia, 7.024, l'Argentina, 6.404; gli Usa, 5.210; il Brasile, 4.506; la Spagna, 3.748; il Belgio, 2317; infine l'Australia, 1.638. Ed è sempre la Germania il paese preferito dai giovani emigranti che si sono trasferiti qui in 5.137.
Dal 1990 ad oggi sono 2.320.645 gli italiani espatriati ed il dato è in costante crescita. In tutto ci sono 4.341.156 italiani residenti all'estero.