Le Borse non credonoai baci tra Monti e Merkel

Durante il bilaterale di ieri, il premier e la cancelliera ostentano intesa e fanno a gara nello scambio di complimenti, ma i mercati non ci credono

Roma - Impossibile dire se sia vero amore. Di certo Mario Monti e An­gela Merkel, al termine del vertice italo-tedesco di Villa Madama, si presentano davanti ai giornalisti e fanno di tutto per dimostrare di avere una naturale affinità, di con­dividere gli stessi valori e gli stessi obiettivi e di giocare una partita comune e non un derby tra rigore teutonico e italica propensione al­la spesa facile. Un’operazione dal comprensi­bile intento politico-mediatico che,in attesa dell’Eurogruppo del prossimo 9 luglio, non fuga le inco­gnite sull’effettiva possibilità di applicazione dello scudo anti­spread ma contribuisce a sveleni­re il clima. La reazione dei mercati alla grande pace tra i due leader che pochi giorni prima erano stati presentati come i grandi duellanti al tavolo di Bruxelles non è però confortante.

Le Borse chiudono tutte in territorio negativo: Fran­coforte -0,2%, Parigi -0,11%, Lon­dra- 0,06%, Madrid-0,71% e Mila­no a­0,78% e lo spread torna a risa­lire fino a quota 432 a fine giorna­ta. Il segnale che la comunicazio­ne è importante ma gli investitori vogliono vedere i fatti. Nella conferenza stampa finale il messaggio lanciato dai due capi di governo è ripetuto più volte: bi­sog­na coniugare l’attenzione ver­so il bilancio e la cooperazione in­tergovernativa. E così se Monti as­sicura che «siamo determinati a perseguire la via del risanamen­to », la Merkel gli offre subito la sponda. «Siamo decisi ad affronta­re le difficoltà insieme ». Il premier italiano enfatizza il suo dovere di ospitalità attraverso una attenta elencazione delle parentele ideo­logiche che legano oggi Roma a Berlino. «Io e la cancelliera Me­rkel lavoriamo bene insieme per­ché crediamo entrambi in una economia sociale e di mercato al­tamente competitiva»; oppure: «Italia e Germania sono i Paesi più disposti a una condivisione di so­vranità in ambito europeo».

E an­cora: «Il pensiero economico tede­sco è molto vicino a quel­lo di Luigi Einaudi». Una corrispondenza di rigorosi sensi suggella­ta da una promessa- rassi­curazione. «L’Italia non ha intenzione di chiede­re l’intervento del fondo salva-Stati, anche per­ché quest’anno avremo un disavanzo di circa il 2% che è la metà della me­dia Ue e l’anno prossimo l’Italia avrà un avanzo in termini strutturali» an­nuncia il nostro presiden­te del Consiglio. Tuttavia «l’Italia ha come risulta­to di decenni di politiche non rigorose una grande quantità di debito pubbli­co.

Dobbiamo evitare che livelli molto alti dello spread scoraggino i Paesi dal perseguire in modo ri­sol­uto le politiche econo­miche che hanno intra­preso ». Il tutto condito da una rivendicazione. «Fortunatamente con l’impegno degli italiani, non ci troviamo nelle con­dizioni in cui si trovavano Spagna, Portogallo, Irlanda e Grecia». Monti, entrando più nel merito, ricorda che «dopo la riforma del mercato del lavoro - una riforma che qui da noi ha avuto cattiva stampa perché entrambe le parti sociali, sindacati e imprenditori, l’hanno svilita-stiamo proceden­do in un esercizio impegnativo ma molto importante di revisione e riduzione della spesa pubblica, sia per evitare sprechi sia per evita­re l’aumento di 2 punti dell’Iva al­trimenti necessario dal primo ot­tobre ». Poi, tornando a guardare all’accordo di Bruxelles, sottoli­nea come «tutti i 17 Paesi dell’Eu­rogruppo fossero soddisfatti visto che le conclusioni erano stata rag­giunte all’unanimità ». Anche dal­la Merkel arrivano parole al mie­le. «Sono sempre riuscita a trova­re un’intesa con Monti ovunque sia stato necessario. Le riforme strutturali adottate da Monti sono una cosa ottima e dobbiamo con­dividere bene ciò che ci accomu­na ».

«Se i nostri vicini in Europa a lungo andare non stanno bene ­continua la Cancelliera- neanche noi possiamo stare bene: è nel no­stro interesse visto che il 60% delle nostre esportazioni sono verso l’Europa. Ciò che conta è che gli strumenti elaborati dal vertice di Bruxelles vadano avanti su regole già in vigore». In ogni caso nessu­no giocherà la partita in solitaria. «Italia e Germania sono decise ad affrontare le difficoltà e la crisi del­la zona euro. E vogliono farlo insie­me ».

Commenti
Ritratto di Zago

Zago

Gio, 05/07/2012 - 08:24

Ma la legge del rigore è già in atto, anzi, è superata. Oggi occorre aprire le cataratte delle banche perchè sovvenzionino le aziende per far lavorare la gente. Occorre rimettere in moto l'edilizia con tutto il suo indotto che è il perno trainante dell'economia italiana. Invece, tanti sorrisi, strette di mano, moine e nulla di fatto. Sottomessi alla Germania come quando Itler ci ha invasi. Ora siamo invasi e succubi di una signora che i suoi di affari e non guarda in faccia a nessuno.

gianni marchetti

Gio, 05/07/2012 - 08:29

Meglio i baci della Merkel dei risolini che le fece fare Sarkò sull'Italia. Si sa che i mercati non abboccano facilmente e vogliono i fatti, ma dire che non apprezzano la svolta è sbagliato. I prossimi giorni ci diranno qualcosa in più, soprattutto dopo la riunione del 9 che fisserà i contenuti dello scudo.

ntn59

Gio, 05/07/2012 - 08:39

La Merkel è una di quelli che hanno voluto Monti a Palazzo Chigi, uno dei datori di lavoro di Monti. E' naturale che Monti debba fare spesso rapporto alla Merkel e prendersi i puffetti sulla guancia...se è stato bravo. Povera Italia. Ma io ripeto: non possiamo prendercela con Monti, un poveraccio alle dipendenze dei poteri forti, ma con chi abbiamo votato ed ha permesso questo scempio della democrazia.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 05/07/2012 - 08:57

"Roma di travertino-rifatta di cartone-saluta l'imbianchino-suo futuro padrone". Lo scrisse Trilussa a commento della visita del cancelliere Hitler a Roma nel 1938. Adesso il ci manca il genio di Trilussa per commentare la visita della cancelliera Merkel, in mancanza, ci pensano i mercati : la borsa crolla e lo spread sale con assoluta regolarità. Il senso è lo stesso, ma Trilussa era molto più divertente. Viviamo brutti tempi, neppure il sorriso ci è più consentito.

fasciorosso

Gio, 05/07/2012 - 09:16

frau mer kul deve comandare in casa sua de non in ITALIA se no lasciamolo sto assembramento europeo che serve solo ai tedeschi cosa ci ha portato di buono l'euro e l'europa - a qualcuno verra in mente che se quasi tutti i paersi sono in difficoltà c'è qualcosa che non va in questa unione?

Mario Marcenaro

Gio, 05/07/2012 - 09:22

Così il nostro professore, dopo un inizio che sembrava promettente, trascorsi ormai troppi mesi dal fatidico insediamento del 2011, come Presidente del Consiglio, ha preso gusto a fare bei discorsi ed a girellare per il mondo, purtroppo senza che si riesca a vedere un qualche barlume di miglioramento, con spread sempre a livelli inaccettabili, quindi con un debito pubblico sempre più in disperante crescita. Nel frattempo di riduzione di spese non si parla altro che per indire riunioni all'insegna della concertazione, quindi per non approdare mai a nulla di concreto, come da decenni. Se poi, nonostante questo disastroso campare alla giornata, si accompagna l'ipocrisia interessata ai vitalizi, da fare maturare da parte di chi sostiene l'attuale governo, il quadro è completo. Come avere fiducia in un futuro di sviluppo per la nostra Nazione? Servono decisioni, non lacrime e discorsi palesemente vuoti!

analistadistrada1950

Gio, 05/07/2012 - 09:37

I loro, sono progetti a lunghissimo termine fatti solo ed esclusivamente per ripulirisi la coscienza cartacea ma sino a quando non si manderà a farsi benedire l'euro, l'eurozona e l'europa e ci sarà nuova circolazione di denaro in Stati chiusi ai meccanismi internazionali del commercio, della finanza e dell'economia, non se ne uscirà mai e sarà sempre peggio. Naturalmente non sono opinioni personali ma di illustri economisti che non possono neppure azzardare a rendere note le loro opinioni ma, informandosi, si riesce a comprendere il grande bluff.

matrix2008

Gio, 05/07/2012 - 09:32

Recitano la loro parte come nelle telenovelas. Fanno tutti parte della stessa Bindleberg massoniana che vuole dominare e controllare i popoli europei emissari di Satana sulla Terra continuate a votare sempre le stesse persone vedrete che le catene ai piedi sempre più grosse e pesanti saranno. Tagliano ospedali, trasporti, tribunali e scuole, ma spendono decine di milioni per le missioni in Afganistan, libano, regaliamo milioni alla Grecia, Cipro e tra poco Turchia, ed i cittadini muoioni di fame e soffrono gli stenti questo è il Male il futuro che ci aspetta a noi ed i nostri figli se non ci sbrighiamo a cambiare le cose.

Roberto C

Gio, 05/07/2012 - 10:08

Acc... Ma perchè non ci hanno pensato un secolo fa? Se invece di parlare di "invasioni" o di "colonizzazione" parlavano di "condivisione di sovranità" suonava tutto in un altro modo... Certo che sono i due paesi più disposti alla condivisione di sovranità, con la piccola differenza che l'Italia la sua sovranità la cede, la Germania la mantiene e in più prende sotto tutela la sovranità altrui... Neppure in Grecia, dove (almeno sulla carta) sembrerebbe che stiano messi molto peggio di noi, sono così untuosamente proni ai capricci degli aspiranti padroni d'Europa

lucioc

Gio, 05/07/2012 - 10:18

... una volta sì che ci cascavano i mercati, quando c'erano i cucù alla Merkel, le telefonate e la Merkel che aspettava in un angolo... Che ingenui sti mercati...

bob82

Gio, 05/07/2012 - 10:15

Monti si stà rivelando un vero volpino...prende il posto di sarkozy perchè hollande è un ameba.......stanno facendo il giusto..le borse hanno fatto un rally negli ultimi giorni non pretendiamo troppo l'importante è che il trend sia al rialzo...si spera comunque che i fiori d'arancio visto anche lo sforzo di Monti, pare che un mandingo lo abbia sostituito quando ha insistito con Angela di spegnere la luce, serva soprattutto a stabilizzare la situazione e che si inizi finalmente a risalire la china con costanza e sicurezza

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 05/07/2012 - 10:18

Ormai è chiaro che Monti non ha risolto i problemi del Paese. Del resto non era facile e non è detto che lui avesse le capacità per riuscire. Al punto in cui siamo sarebbe corretto chiudere la pantomima e mandarlo a casa. Il fatto è che anche quelli che vorremmo liquidare definitivamente, gli eletti, non vogliono le elezioni, ognuno per sue ragioni, e preferiscono traccheggiare, con grande soddisfazione del Colle. A quando la rivolta popolare? Per ora non se ne parla dato che tutto sommato a buona parte degli Italiani sta bene così.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 05/07/2012 - 10:22

#6 Mario Marcenaro - Purtroppo Lei ha perfettamente ragione. Incapacità ed interessi di parte (politica) bloccano il paese e lo fanno sprofondare ogni giorno di più.

analistadistrada1950

Gio, 05/07/2012 - 10:37

#8 matrix2008 (157) : consentimi di darTi del Tu per dirTi: BRAVO, HAI RAGIONE !!! Mi chiedo come mai siano così pochi quelli che hanno compreso in quale carcere ci hanno messi. Ma come liberarci da queste catene?!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 05/07/2012 - 10:30

Ahhh se ci fosse stato Berlusconi, le cose sarebbero andate molto meglio. Ma dove!

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 05/07/2012 - 10:32

#6 Mario Marcenaro – Riprovo. Purtroppo Lei ha perfettamente ragione. Incapacità ed interessi di parte (politica) bloccano il paese e lo fanno sprofondare ogni giorno di più.

Massimo Bocci

Gio, 05/07/2012 - 10:37

Il padrone e l'asservito,....affiancate voi i nomi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 05/07/2012 - 10:50

La macelleria sociale prosegue, con la benedizione del Bilderberg group. Ospedali e tribunali pronti a chiudere come espressione palpabile di un grande progresso. In compenso continua la nostra partecipazione a quelle dispendiosissime, ridicole quanto inutili missioni di peace-keeping reclamizzate come un vero e proprio toccasana per la pace mondiale, le agenzie di pompe funebri e...le tasche di quei furboni che operano nel campo delle forniture militari. A proposito: che fine hanno fatto i sinistri pacifisti con le loro bandiere arcobaleno? Contrordine, compagni? Semplicemente da vomito!

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Gio, 05/07/2012 - 10:53

Si si, proprio così, un gran bell´asse tra due Paesi di: "RIGORE PER L`ITALIA E CRESCITA PER LA GERMANIA". Vorrà dire che i nostri giovani per trovare un lavoro dovranno andare nella Repubblica Federale Tedesca oppure negli USA alla FIAT Chrysler di Marchionne o forse in Cina, in India, Corea, insomma in una delle tante industrie italiane costrette dalle pazzie dei nostri governanti a trasferirsi in paesi più accoglienti, se non addirittura più civili. Di nuovo complimenti On. Senatore Professore e membri del suo governo tecnico!.

andrea da grosseto

Gio, 05/07/2012 - 11:02

Sicuramente con Berlusconi le cose andavano meglio, mi sembra indubbio. E nonostante tutte le facilitazioni che ha quel poveretto di Monti.

Ritratto di ettore muty

ettore muty

Gio, 05/07/2012 - 11:22

giusto per ricordare , fino ad un anno fa' c'era un presidente del consiglio che diceva che la crisi non c'era

Paulusx

Gio, 05/07/2012 - 11:34

Dalla foto risulta chiaramente che la Merkel ha una grande nostalgia di Silvio perchè la sua espressione è molto triste. Lui si che la faceva divertire.

migrante

Gio, 05/07/2012 - 12:22

#8 matrix2008...Egregio, certe volte non basta un giusta argomentazione, ma e`necessaria anche una giusta esposizione...finche` si usano certi termini..."massoni"..."emissari di satana" ...o "rettiliani" alla Icke, non si fa altro che il loro gioco...bilderberg e trilaterale hanno ben poco di segreto, non e`segreta la loro composizione e non son segrete le loro idee...e`propio il "giochino" dell'oscura organizazione segreta creato ad arte a distogliere l'attenzione da una governance sovranazionale che nessuno ha votato o richiesto e che prende decisioni senza consultare nessuno e senza rischi elettorali che al massimo vengon "assorbiti" da burattini !!!

lucioc

Gio, 05/07/2012 - 12:58

la borsa risale e l'articolone sparisce dalla prima pagina... per lasciar spazio a Schettino...

petra

Gio, 05/07/2012 - 13:11

Siamo seri. Inutile continuare con queste lamentele. Se vogliamo rimanere in Europa e nell'euro, dobbiamo allinearci ai paesi piu' virtuosi, abbattere il debito pubblico, abbattere i costi dello stato sperando di poter ridurre la tassazione, che metta in condizioni, assieme agli investimenti, di creare lavoro. Speriamo di allinearci anche per quanto riguarda le politiche sull'immigrazione, che in Germania, è molto piu' oculata. Non fossimo entrati nell'Euro saremmo ancora lì beati a creare trilioni di debito pubblico. Preferite? A noi la scelta.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Gio, 05/07/2012 - 13:09

...Ed hanno perfettamente ragione!... La Merkel resterà della propria opinione; Monti della sua ma, come tale, soltanto un'opinione perché, come avviene dal 1981, anche questa volta non se ne farà nulla, salvo l'aver tastato il polso a quelli i cui privilegi vanno tagliati (ma che - nei fatti - sono intoccabili) sia per quieto buon vivere sia per ragioni squisitamente politiche (leggasi: VOTI).

petra

Gio, 05/07/2012 - 13:10

#18 Sì certo, anche per quanto riguarda le missioni di peace-keeping abbiamo tanto da imparare dalla Germania.

Ritratto di nestore55

nestore55

Gio, 05/07/2012 - 13:33

#21 ettore muty....Ha proprio ragione Lei...Per fortuna giorgio I° di Napoli ha portato al Governo del Paese il salvatore della Patria. Le tasse e le imposte sono scese, lo spread non fa più paura, i mercati e gli investitori hanno ripreso la fiducia persa nel nostro sistema Paese, l'indice di disoccupazione è sceso allo 0,3 per mille, l'edilizia è ripartita, la Salerno-Reggio Calabria finalmente è completata, il debito pubblico è vicino allo zero, i dipendenti della Pubblica Amministrazione non fanno nemmeno la pausa caffè delle 10.00...Berlusconi, il male assoluto, gioca a monopoli con i nipoti....E.A.

andrea da grosseto

Gio, 05/07/2012 - 14:00

La borsa risale...? si e lo spread scende. E' un piacere a Monti aver tolto l'articolo dalla prima pagina.