Brunetta contro la Fornerolancia i comitati anti-riforma

L'ex ministro critica la riforma del lavoro e il governo, che ha "ceduto a veti ideologici". E annuncia: "Ci impegniamo a creare comitati in tutta Italia"

Un manifesto in 10 punti, che dice "no alla riforma Fornero". E che annuncia la creazione dei "Comitati anti-riforma" su scala nazionale. È quanto presentato da Renato Brunetta, deputato Pdl, che sottolinea come ancora non si sia giunti al termine del percorso di riforme di mercato da applicare in Italia. 

"Ce l’ha chiesto l’Europa, con la lettera della Bce del 5 agosto 2011; si è impegnato a realizzarlo il governo Berlusconi; lo ha ribadito il presidente Monti nel programma di governo", scrive l'ex ministro.

Secondo Brunetta fondamentale sarà "restituire certezza alle imprese e metterle nelle condizioni di valutare ex ante costi e benefici delle diverse scelte produttive e di investimento, nonchè nella possibilità di attrarre investimenti esteri". E, buoni propositi a parte, "il governo ha prodotto un disegno di legge di riforma del lavoro che risponde in termini contraddittori a queste esigenze".

Non saranno sufficienti "le lievi modifiche all'articolo 18", che non portano certezze nel caso di interruzione del rapporto tra datore di lavoro e lavoratore. "Il governo ha ceduto ai veti ideologici del cattivo sindaco. Un’occasione mancata, un compromesso al ribasso, un peggioramento della legge Biagi e della precedente legge Treu, che avevano dato indubbi risultati".

La situazione italiana - sottolinea Brunetta - è stata notata anche dagli interlocutori internazionali, "a nostro esclusivo danno". Il mondo delle imprese "ha espresso il proprio dissenso". "O il provvedimento risolve i problemi, aumenta la fiducia a livello internazionale ed è quindi meritevole di fiducia oppure è insufficiente, inefficace e necessita di aggiustamenti. Siamo in uno stato di confusione mentale inaccettabile".

E conclude: "Questa legge è contro i giovani, contro le imprese, contro il futuro del nostro Paese".

Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 21/06/2012 - 15:42

che la fornero sia incapace di intendere e volere lo dimostrano i continui mutamenti di dati e certezze sulle dichiarazioni da lei fatte e poi modificate: riporta ogni cosa sulla base anche di notizie tyotalmente false mai controllate, pertantonon si comporta da ministro

unclesam

Gio, 21/06/2012 - 16:18

Ma se è una 'boiata' perchè la votate?

gigggi

Gio, 21/06/2012 - 16:23

sono perfettamente d'accordo...che la fornero si comporti da ministro ; che non si comporti come il ministro ex ...brunetta col vizietto di dormire e cambiare ogni tanto partito.......

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Gio, 21/06/2012 - 16:25

Brunetta? ma è quello del Pdl ?......ahhh vuol dire che ora la piange e dopo la vota. Ormai vi conosciamo......keep smiling!

gianni.g699

Gio, 21/06/2012 - 16:33

E troppo evidente chi i tecnomafiosi stanno tenendo i politici per le palle e guai se si muovono minimo glie le tagliano !!! ... vadiamo chi tra i politici è più tosto e riesce a mandarli in c...o ... ops a casa !!!

Amon

Gio, 21/06/2012 - 17:25

che buffoni ! prima approvano tutto quello che fa il governo monti poi (come al solito) quando e' troppo tardi fanno quelli "contro" che gentaglia che ci tocca sopportare

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Gio, 21/06/2012 - 17:33

Cosa vorrà mai dire il vecchio ed inutile ex ministro? Che questa riforma è solo a favore dei monoreddito con famiglia, figli a carico, mutuo e super tasse da pagare? La sua è solo una discussione accademica per fuori corso del Cepu. La crisi la potrà risolvere solo gli attuali leader europei, le sue sono chiacchiere che nessuno ascolta.

lallo1045

Gio, 21/06/2012 - 17:46

Il governo sta eseguendo gli ordini di Bilderberg Group e Trilateral. Visto come imprenditore il DDL è una CAGATA. Gli unici protetti sono LE CASTE. Per gli altri la legge del MENGA: "CHI L'HA PRESO NEL **** SE LO TENGA". La sua approvazione sarà "L'esodo" delle imprese verso l'estero, Germania compresa. Alla faccia di Monti & C.

cast49

Gio, 21/06/2012 - 18:15

#7 luigipiso , vecchio e inutile sarai tu, oltre che ignorante.....e qualcos'altro...

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 21/06/2012 - 18:28

Avevamo Brunetta e ci tenevamo stretto Tremonti. Errore grave di Silvio, più grave ancora di quello di aver messo il partito in mano ad Alfano, detto "cervello vuoto".

Ritratto di avvocato strumillo

avvocato strumillo

Gio, 21/06/2012 - 18:28

Pare che la Fornero sia rimasta stupita, innanzitutto perchè non conosce il bambinone, poi perchè, dopo che glielo hanno spiegato ha esclamato: "ma chi ha governato per venti anni senza fare una mazza e quel poco che hanno fatto, lo hanno fatto per salvare "qualcuno dalla galera", mia sorella?

asalvadore@gmail.com

Gio, 21/06/2012 - 18:59

Amico Brunetta apprezzo la sua intransigenza, oerché non si danno pilloline quando é necessario un purgante. Quella del Lavoro é un'altra evidenza della debolezza del Governo nell'affrontare gli interessi costituiti e la burocrazia statale, senza parlare della ridicola diminuzione di parlamentari approvata dagli appartenenti al genere Blatta sapiens, la Fornero no ha capito ancora il pericolo del burocrata., Mi permetto descriverlo usando un estratto dall'aticolo "A TIME TO BE WARY" di H.L.Mencken del 13 Marzo 1933 nel quale si riferisce alla burocrazia americana di allora, immaginiamoci oggi. "A bureaucracy is a public menace in direct ratio to its power, ...when it has Authority with a big A behind it it becomes a menace and ....unless there are very efficient brakes upon him he soon adds a multitude of inventions of his own..... The only good bureacrat is one with a pistol at his head. Puti it in his hand and it's good by to the Bill of Righs" Nel nostro caso addio alla Costituzion

Enzolino

Gio, 21/06/2012 - 19:16

#9 cast49-Ma tu veramente credi ancora alle parole di questo vaneggiante,vecchio e inutile ex Ministro?Ma dai,fai uno sforzo, e non offendere chi ne sa più di te :-)

gianni59

Gio, 21/06/2012 - 19:35

Brunetta chi? quello che mandava i medici a controllare i professori in malattia spendendo più del danno subito? o quello che non si confrontava con nessuno? o quello che i suoi dipendenti non li controllava? o quello come tutto il PDL che primavota e poi contesta?....

leo_polemico

Gio, 21/06/2012 - 19:41

Completo quanto ha scritto #8 lallo1045 (493) - lettore. Nelle zone di confine molte imprese italianissime si trasferiscono di pochi km ma all'ESTERO. Dalla val di Susa, in Francia, appena oltre il Moncenisio o il Frejus, dal Friuli negli stati confinanti ex jugoslavia, dall'Alto Adige in Austria, dove, si legge, che l'energia è molto meno costosa, non ci sono le pastoie burocratiche italiane e importanissimo, il carico fiscale è più basso. Non dimentihiamo che poi le leggi non sono retroattive: il grave problema degli "esodati" sicuramente non ci sarebe stato.

voce.nel.deserto

Ven, 22/06/2012 - 06:00

In questo momentio Brunetta è bene che si allinei alla volontà del governo e del suo Presidente.Non è consentita questa schizofrenia del potere in Italia,mentre la Germania ,come Moloch incombente,sta divorando l'Europa.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Ven, 22/06/2012 - 07:36

#9 cast49 (6582) Io posso esserlo vecchio ed inutile, non sono mica stato ministro, nè mai raccomandato e sopratutto non sono ignorante in economia nè tanto meno nelle nuove tecnologie come lui. Ho lauree sudate. E' stato un peso per l'Italia, il suo stipendio poteva esser meglio utilizzato. Non ha mai inciso ed ha collaborato con il PDL a rovinare l'Italia. Questa è la realtà dovuta alle mie considerazioni che esprimo in libertà ed utilizzo per condizionare gli studenti. Se a te non sta bene ...chi se ne frega. Hasta la Victoria siempre

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 22/06/2012 - 08:20

Brunetta, se non ricordo male, a parte mettere 4 tornelli fasulli per gli assenteisti, niente hai più fatto ed ora hai ancora da dire? Tutta questa classe politica se ne deve tornare a casa a stipendio zero, per incapacità dimostrata.