Brunetta spedisce Benigni nel girone dei bugiardi

Renato Brunetta (nella foto sopra) denuncia la faziosità del Tg3, l'Autority per le comunicazioni gli dà ragione, ma Mamma Rai sembra fregarsene. E su tutto si aggiunge l'assordante silenzio del direttore generale Luigi Gubitosi. In un'intervista a Il Foglio, il capogruppo Pdl spiega di aver denunciato all'Agcom la parzialità del Tg3: «Il Pd ha fruito di un tempo di parola pari al 33,23% del totale, il Pdl del 13,58% e il M5S del 15,09%». L'Agcom ha inflitto un richiamo al Tg3, e a Rai News, in base all'esposto di Brunetta, che commenta: «Sono passati dieci giorni ma il Tg3 ha continuato a dare la stessa propaganda e non ha dato questa notizia. È acclarato che è l'organo del Pd». Ma la Rai si auto-assolve: «Pluralismo rispettato, osservazioni respinte». Brunetta ha dovuto guerreggiare pure con Roberto Benigni (nella foto sotto), che durante Tuttodante ha accusato: «Tutti pagati alla manifestazione del Pdl». L'ex ministro respinge al mittente, aggiungendo che Benigni «uccide Dante». Ma forse il comico avrebbe potuto pagare lui gli spettatori del suo spettacolo: avrebbe evitato il flop sulla Rai.

Commenti

cast49

Gio, 08/08/2013 - 08:11

la rai è nelle mani dei komunisti ma non se ne parla, quando governava Berlusconi era ugualmente nelle mani dei komunisti ma sono stati fatti fuori il direttore e un giornalista

cast49

Gio, 08/08/2013 - 08:19

«Pluralismo rispettato, osservazioni respinte». Ma con quale coraggio dicono queste cazzate? napolitano ha sulla coscienza Monti, la nuova rai komunista e l'aver estromesso Berlusconi aiutando il pd che non sa governare.

franco.cavola

Gio, 08/08/2013 - 16:36

Ma non è ancora ora di smettere di pagare il canone della Rai e di privatizzare almeno due reti della stessa?