Il buco Imu è già di 650 milioni pagano aziende e automobilisti

Sbagliati i calcoli delle coperture per l'abolizione della rata di giugno: al via aumenti degli acconti Ires e Irap e delle accise dal 2015

Roma - Dal 1° gennaio 2015, fra poco più di un anno, aumenteranno le tasse sulla benzina. Da subito, invece, passano dal 101 al 102,5% gli acconti Ires e Irap a carico delle società. Il decreto del ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale: scatta così la clausola di salvaguardia prevista dal decreto che ha abolito la prima rata dell'Imu, quella del giugno scorso. Le coperture del provvedimento erano scritte sull'acqua. Mancano infatti all'appello 385 milioni di euro di maggiore Iva legata alla restituzione dei debiti commerciali della Pubblica amministrazione; e latitano 260 milioni dalla cosiddetta sanatoria sulle slot machine. E così, il conto di 645 milioni di euro lo pagano le imprese e gli automobilisti.

Con gli aumenti degli acconti Ires e Irap, da versare entro il 10 dicembre, ogni società di capitale dovrà versare al fisco in media 1.200 euro in più, da 29.076 a 30.287 euro. Questi i calcoli della Cgia di Mestre, ai quali si aggiungono le rimostranze della Confcommercio: gli incrementi degli acconti, sostiene la maggiore organizzazione del terziario, sono superiori alla riduzione del cuneo fiscale. Un bel successo.

E fin qui la prima rata dell'Imu. Ma è sulla seconda rata che il marasma sta diventando totale. La cosiddetta «mini-Imu», cioè il 40% della differenza fra aliquota di base e aliquota aumentata, dovrebbe essere versata entro il 16 gennaio da circa 12 milioni di contribuenti che risiedono in 2.375 Comuni, fra cui Milano e Roma. Ma l'elenco è incompleto, visto che c'è tempo fino al 9 dicembre per comunicare eventuali aumenti di aliquota. In realtà, il governo non sa neppure quale sarà l'esborso per i contribuenti, le stime variano fra 200 e 440 milioni di euro. Il tutto è davvero troppo vago, e i tempi sono troppo stretti. I cittadini non sanno se e quanto dovranno pagare in gennaio, e questa incertezza non potrà che avere effetti negativi sugli acquisti di Natale, già ridotti all'osso. Ed anche i margini di un intervento normativo si fanno ogni giorno più risicati. Resta in piedi l'ipotesi di aumentare di un paio di punti l'acconto Iva dell'88% che si paga a fine dicembre, visto che si tratta dell'unico acconto che finora si è salvato. Oppure di attenuare l'impatto della rata di gennaio per i redditi più bassi, rimodulando l'imposta. «Stiamo cercando la soluzione», conferma il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi.

I partiti di maggioranza capiscono che il governo ha fatto un gran pasticcio («un regalo a Berlusconi», lo definisce il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia) e tentano d'imboccare l'uscita di emergenza: l'idea è di inserire il decreto Imu nella legge di Stabilità, cercando le risorse per salvare i contribuenti dal pagamento aggiuntivo. In alternativa, si potrebbe mantenere in vita il decreto Imu, ma facendo slittare dal 16 gennaio a giugno il versamento dell'imposta. «Lavoriamo per una soluzione in Parlamento, stiamo cercando di convincere il governo a coprire tutta l'Imu senza dover chiedere il contributo dei cittadini», dice il presidente dell'Anci Piero Fassino.

Il relatore della legge di Stabilità alla Camera, il Pd Maino Marchi, conferma che tra le possibili modifiche al testo approvato a Palazzo Madama ci sono i capitoli delle pensioni, «con una riflessione sulle rivalutazioni e sugli esodati», e dell'imposta sulla casa «per risolvere l'intreccio che si è venuto a creare tra la nuova service tax e la seconda rata dell'Imu». Quanto al cuneo fiscale, l'ipotesi è di destinare i risparmi della spending review a un fondo apposito per la riduzione del prelievo fiscale sul lavoro.

Commenti

electric

Mer, 04/12/2013 - 09:19

Non c'è UNA cosa buona fatta da questo governo.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 04/12/2013 - 09:29

ne saranno felici precari e pensionati, piccoli imprenditori che chiuderanno e andranno via all'estero. Si cominci a licenziare nel pubblico e legare gli stipendi degli scaldasedie alla reale produttività.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 04/12/2013 - 09:32

adesso mettono tasse per il 2015 ma cittadini come fate a non ribellarvi ? vi piace così tanto farvi ***** ?

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Mer, 04/12/2013 - 09:55

Sbagliati i calcoli? Non ci credo, la matematica non e' un'opinione. Sanno fin dall'inizio che senza tagli il bilancio non quadra. E visto che con nuove tasse incassano ancora di meno, non resta che dire balle per tranquillizzare la kulona ...

Rossana Rossi

Mer, 04/12/2013 - 10:06

Ma cosa aspettiamo a mandare a casa con calci nel sedere questo pseudo-governo di sanguisughe incapaci e che NON SONO STATE elette da NESSUNO? Evidentemente ha ragione Dragon_Lord, ci piace così tanto farci *****?

Ritratto di ...vaffa..3

...vaffa..3

Mer, 04/12/2013 - 10:14

non c'è nessun errore di calcolo ma solo una precisa strategia truffaldina...non a caso questo sgoverno è la perfetta prosecuzione del precedente

Ritratto di ALEX FORTY

ALEX FORTY

Mer, 04/12/2013 - 10:16

Tasse , tasse, tasse !!!!! e il buco si allarga !!!!!! Ma quando penseranno a ridurre i costi della pubblica amministrazione ???? aspettano solo una rivoluzione per capire che sono loro (politici e pubblico impiego) il tarlo della nazione ??? Se devono tenere in piedi un esercito per farci pagare le tasse, li mandino tutti a casa e ci lascino spendere i soldi da noi guadagnati !!! solo così l'economia di una nazione può prosperare !!

Franco Ruggieri

Mer, 04/12/2013 - 10:21

Ancora tasse? E per pagare tra l'altro gli stipendi di 5,5 milioni di dipendenti pubblici fancazzisti? Ma perché i dipendenti privati vengono licenziati e quelli pubblici no? Facendo un rapido conto, ogni contribuente paga un ottavo dello stipendio di uno di questi fancazzisti. Levandocene dai piedi il 20% si risparmierebbero 30 miliardi di € all'anno.

electric

Mer, 04/12/2013 - 10:24

Cokielll: la matematica non è un'opinione per chi sa fare 2+2. Per individui come Saccomanni è una impresa impossibile.

Ritratto di ...vaffa..3

...vaffa..3

Mer, 04/12/2013 - 10:39

Rossana Rossi - ma come, prima votate i nominati dalle segrete stanze delle segreterie e poi li volete mandare a casa?

Ritratto di ALEX FORTY

ALEX FORTY

Mer, 04/12/2013 - 10:40

E' semplicemente disgustoso !!!!! Se non vado errato la Costituzione afferma che "OGNUNO DEVE CONTRIBUIRE ALLE ENTRATE DELLO STATO SECONDO LA PROPRIA CAPACITA? CONTRIBUTIVA""!!!! Ebbene cosa produce un capannone sfitto ???? Se costruisci un immobile strumentale devi prima di tutto pagare ogni tipo di balzello per ottenere una licenza (pezzo di carta) , poi sei obbligato a pagare pesantissimi oneri di urbanizzazione anche se il Comune non ti fa nulla: Quando finalmente sei in possesso dei salatissimi pezzi di carta,devi sostenere i costi di progettazione e costruzione, sui quali devi pagare l'IVA !!!!!Quando finalmente credi di poterti accomodare nella TUA PROPRIETA' per svolgere la tua attività e guadagnare i soldini che ti servono magari per pagare il mutuo, gli stipendi dei dipendenti, i relativi contributi e via così dicendo .......ECCO CHE TI ARRIVANO I LADRONI DI STATO E TI APPIOPPANO SULLE SPALLE UN ALTRO MUTUO (IMU o come cacchio si chiamerà) QUESTA VOLTA "UN MUTUO A VITA !!!!!!!" SIETE SEMPLICEMENTE INDECENTI SPUDORATI !!!! in questo modo state uccidendo tutto il tessuto economico e produttivo del nostro paese e sarete contenti perché "ANCHE I RICCHI PIANGERANNO !!!!" (ricchi ????)

ugsirio

Mer, 04/12/2013 - 11:17

Questa è la migliore soluzione per propiziare il "futuro radioso" della nostra economia disastrata.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 04/12/2013 - 11:39

VOTATE, votate a sinistra anche il pensionato mette benzina nell'auto

gneo58

Mer, 04/12/2013 - 12:03

c'e' una sola strada TAGLIARE - TAGLIARE - TAGLIARE. Comuni, province (da abolire), regioni e statali devono TAGLIARE o ridurre drasticamente le loro spese altrimenti finisce male

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Mer, 04/12/2013 - 12:07

Malnati comunisti scialacquatori di risorse umane e ricchezza: i SOLDI FATECELI RITORNARE DA MPS: sono bastati 2 minuti per trovare 2/3 MLD per quei LADRI ROSSI IMPUNITI e non si riesce a trovare qualche spicciolo per eliminare l' IMU. SACCO MANNO ( ricorda i LANZICHENECCHI ), mi fa rimpiangere TREMONTI.

bosco43

Mer, 04/12/2013 - 12:09

Cento ne fanno ed una ne pensano! La CASTA però,la salvan sempre!!! BANDITI!!!

pagano2010

Mer, 04/12/2013 - 12:22

bene molto bene, poi arriverà un 14 luglio... e la spesa pubblica oplà si ridurrà di conseguenza.....

Marcello.Oltolina

Mer, 04/12/2013 - 12:24

Questi super funzionari pubblici con stipendi da 600.000 euro di stipendio che si permettono di sbagliare pure i calcoli delle coperture vanno licenziati come farebbero le aziende private.

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 04/12/2013 - 13:56

Tano l'IMU verrà rimessa, i comunisti la vogliono, sono contenti di pagarla, dicevano che l'ICI era la tassa più bella del mondo, questi se il partito comanda sono disposti anche a far prostituire mogli,compagne e fidanzate