C'è chi teme l'ira di Dio: «Basta coppie di fatto»

Quando si dice l'ira di Dio... «Nei prossimi giorni inizieremo una raccolta di firme per indire un referendum popolare per chiedere l'abrogazione della delibera del Consiglio Comunale che ha istituito il registro delle unioni civili», ha annunciato ieri in aula Angelo Figuccia, capogruppo del Partito dei siciliani-Mpa al Comune di Palermo, che ieri ha dato il via libera al registro delle Unioni civili. Sono molti in aula ad aver sentito Figuccia espressioni come «i palermitani sono contrari a questa a questa decisione adottata dal Consiglio. Dio ci castigherà». Tanto che qualcuno avrebbe risposto: «Non abbiamo lo stesso Dio».