Campania, irregolarità nei rimborsi regionali: nei guai due consiglieri

Nappi e Sentiero (Noi Sud) sono accusati di truffa aggravata per fatture false o antecedenti all'elezione nel Consiglio regionale

Avrebbero usato i soldi del "fondo comunicazione" del partito a fini personali. Per questo i consiglieri regionali della Campania Sergio Nappie e Raffaele Sentiero sono finiti nei guai (uno agli arresti domiciliari, l'altro con obbligo di dimora) per truffa aggravata.

Entrambi i politici sono gli unici componenti del gruppo consiliare Noi Sud (centrodestra) e sono rispettivamente presidente (e tesoriere) e vicepresidente del gruppo. I due avrebbero sottratto 31mila e 33mila euro ai fondi della Giunta. In particolare, Nappi avrebbe chiesto il rimborso per una ricevuta addirittura anteriore alla sua elezione in Consiglio regionale, mentre tra le fatture di Sentiero ce n'era anche una falsa rilasciata da un pregiudicato di Castel Volturno (Caserta) che in cambio avrebbe ricevuto 100 euro. Per lo stesso filone nei mesi scorsi erano stati iscritti nel registro degli indagati altri consiglieri regionali tra i quali Massimo Ianniciello che è agli arresti domiciliari.