Caos quote rosa per le Europee E il Pd si fa opposizione da solo

Il disegno di legge sulle donne in lista per l'europarlamento spacca ancora i democratici Il testo prevedeva almeno un terzo di candidate ma rischia di impantanarsi subito 

Se non è il caos, poco ci manca. Il tentativo di imporre una modifica «last-minute» alla legge elettorale per le Europee sulla parità di genere produce un unico risultato chiaro: una spaccatura profonda e a tutti i livelli. Una sorta di tutti contro tutti che prende forma dentro il Pd, dentro la maggioranza di governo, tra i piccoli partiti, tra le senatrici di tutti gli schieramenti. Con un paradosso: a Palazzo Madama va in scena uno dei primi casi parlamentari di «auto-ostruzionismo», con gli esponenti del Partito democratico - tra i proponenti il disegno di legge - impegnati in aula in interventi-fiume volti ad allungare i tempi della discussione generale, oltre a continue richieste di verifica del numero legale e conseguenti sospensioni. Pratiche dilatorie messe in campo mentre nei corridoi del Senato si cerca disperatamente un accordo. Impresa che si rivela impossibile tanto che il dibattito si protrae per tredici ore con rinvio alla prossima settimana.
La premessa di questa confusa pagina di storia parlamentare è una sorta di «intesa cordiale» raggiunta in Commissione. Un pre-accordo da formalizzare in aula. Il testo avrebbe previsto l'obbligo di redigere liste composte per almeno un terzo da donne. Complice l'offensiva muliebre sull'Italicum le carte in tavola vengono cambiate in corso d'opera. E in aula c'è chi presenta emendamenti per imporre l'obbligo di presentare liste in cui i numeri «1» e «2» siano di sesso diverso. Il successivo rilancio è un emendamento che obbliga l'elettore, nel caso voglia esprimere più di una preferenza, a scegliere obbligatoriamente un uomo e una donna, in base al principio della parità e alternanza di genere.
Il Pd appare incerto sul da farsi. Forza Italia esprime la propria contrarietà, anche se secondo indiscrezioni potrebbe accettare una riformulazione che preveda sì l'obbligo di votare una donna, ma soltanto qualora sulla scheda l'elettore esprima tutte e tre le preferenze a disposizione (in questo modo l'elettore che volesse votare per due uomini o per due donne potrebbe comunque farlo). Contrario anche Ncd che punta molto sui portatori di voti (maschi) e non può permettersi battaglie di principio. Inoltre tutti i partiti percepiscono la potenziale incongruenza di avere una legge per le Europee che preveda la parità di genere e una per le Politiche che non la contempli e mettono in conto la possibile ricaduta sull'Italicum, la legge elettorale nazionale approvata alla Camera.
Se la matassa non fosse sufficientemente intricata, al Senato entrano in ballo anche altri fattori. Innanzitutto il nodo dei tempi. Il Viminale ha fatto sapere che modificare la legge quando sono già scattati i 180 giorni per la presentazione delle liste significa esporsi al rischio di un annullamento delle elezioni. Tanto più che ci sono liste per le quali sono già state raccolte le firme e che rischierebbero di dover ripartire da zero. Inoltre, a rendere ancora più incandescente il dibattito, contribuisce anche un altro tentativo dell'ultima ora: quello di modificare la soglia dell 4%.
Parte del Pd è tentato di cedere (magari ottenendo come contropartita un binario preferenziale per il ddl Delrio sulle province). I renziani, invece, si chiedono se limare la soglia per le Europee dal 4 al 3% non rischi di minare l'accordo sull'Italicum e far scattare l'annacquamento dei vari sbarramenti previsti per le Politiche. Il mosaico degli umori nei vari partiti (e nelle relative correnti interne) appare insomma impazzito. E il rischio di arrivare a un voto finale «al buio» si fa sempre più concreto.

Commenti
Ritratto di stufo

stufo

Ven, 14/03/2014 - 09:10

Con tutti problemi che abbiamo ci mancava questo delle quote rosa, manco fosse questione di vita o di morte.

linoalo1

Ven, 14/03/2014 - 09:28

Ma dai,altro che Qote Rosa!Dategli un bel Libro di Ricette e mandatele a fare pratica!Le poverine,non hanno ancora capito che è la Natura che decide il Sesso e che,volenti o nolenti,dobbiamo tenercelo!Pertanto,le Donne facciano le Donne, mentre gli Uomini,ormai assuefatti al loro sesso,continuino a fare gli Uomini!Così vuole la Natura,da quando siamo nati e così deve prosegire la Vita!Lino.

LAMBRO

Ven, 14/03/2014 - 09:54

LE DUE ANIME DEL PD DOPO BERLUSCONI POTEVANO SOLO SCONTRARSI . PENSANO DI AVER ELIMINATO IL NEMICO DI SEMPRE E...... ADESSO E' GUERRA PER IL POTERE.

diegom13

Ven, 14/03/2014 - 10:09

Ancora? Ancora una volta in violazione delle regole internazionali (Commissione di Venezia - OSCE), che stabiliscono che NON SI FANNO riforme elettorali NELL'ANNO IN CUI SI VOTA? Ma almeno sanno qualcosa della materia, quei ladri di democrazia? E tutto questo per un'idiozia come le quote rosa, che finisce per danneggiare proprio le donne, ghettizzandole? Devono concentrarsi sui partiti, non sulla legge elettorale: definiscano finalmente le regole di democrazia interna dei partiti, e avranno risolto il problema (ma non potranno più controllare come oggi l'assegnazione delle cadreghe - milanese per sedie -).