Casa&bottegaCosì illuminiamo il mondo

Una luce che arriva diretta dagli anni del boom. «Siamo tra le aziende di design italiane più antiche - racconta Antonio Verderi, presidente di O luce, - allora un solo artigiano faceva tutto, compreso vendite e contabilità. Comunque anche ora non siamo molti: solo 14 ma operiamo su 80 Paesi e mandiamo il prodotto entro 20 giorni dall'ordine». La vostra strategia anticrisi? «Personalizzazione "sartoriale" dei prodotti, puntualità nelle consegne, ma anche innovazione e creatività: abbiamo lavorato con maestri come Vico Magistretti e con giovani designer sconosciuti, poi divenuti maestri. Per noi Joe Colombo ha inventato la prima lampada domestica con la lampadina alogena. Che oggi convive con i led dei nuovi prodotti, come Kin». I vosri mercati? «Soprattutto extra europei, Giappone, Australia, Usa, dove abbiamo fatto importanti investimenti per avere la certificazione obbligatoria dei prodotti».
Amuleto anticrisi. Ramun è il nuovo marchio d'illuminazione, nato nel 2012, dalle zonne tra una grande azienda coreana- dove la crisi non c'è - che produce gli schermi Led per Samsung e un designer poliedrico come Alessandro Mendini. Un binomio perfetto tra made in Italy e tecnologia. Come è nato? «Il figlio del proprietario ha proposto al padre di usare i led anche per una lampada: sono venuti al nostro atelier - spiega Mendini - chiedendoci di inventare tutto, dal sito al logo ai prodotti. Così sono nati la lampada Amuleto, tre cerchi che richiamano la triade di sole, luna e terra, una lampada scultura fatta con i vetri di Venini, in tiratura limitata, e il Campanello, che reinterpreta un oggetto d'uso comune nei locali coreani per chiamare il cameriere. Dove si trova? «Ramun viene venduta in Corea e in Cina, ma stiamo iniziando anche in Italia , cerchiamo un distributore. Il progetto va avanti: stiamo studiando altri modelli di Amuleto, da soffitto e da terra».


di Laura Verlicchi