Le grane Expo per il nuovo tesoriere

Il formigoniano Alli sostituisce Vignali, ma il suo nome spunta dalle carte dell'inchiesta milanese. Il deputato non è indagato

Raffaello Vignali, ex presidente Compagnia delle opere

Il Nuovo centrodestra nasce come stampella, lo si era capito. «Non della sinistra, ma della Nazione», la spara grossa Renato Schifani, una memoria rimasta inchiodata, enfasi compresa, alla poltrona che fu (gentilmente concessa) di presidente del Senato. Ma ci vuol poco a rammentare come e perché i ponti alle spalle della truppa di Angelino non ci siano più. Bruciati in sei mesi vissuti sulla corda. Forse nulla, rispetto ai prossimi.

Quando Ncd fu concepita, saltò subito all'occhio l'accoppiamento bislacco che ne costituiva il «core business» (business sembra la parola giusta). Gattopardi di Sicilia e Celeste Impero di Cielle felicemente sposi, previa «fuitina». Come si sarebbe potuto immaginarlo, una ventina d'anni dopo il tramonto dell'andreottismo, unico mandarinato capace di poter tenere le fila di cotanta famiglia? Invece il gruppo regge, a dispetto delle inchieste della magistratura. Una costante spina nel fianco che solo il balsamo di una poltrona di governo è capace di lenire. Alfano sembra perciò «condannato» a reggere la coda di Renzi a oltranza, pena lo sfaldamento. Pericolo che resta comunque dietro l'angolo, se consideriamo che ieri uno dei fondatori antemarcia, l'ex dc Paolo Naccarato, era furibondo dopo una rivelazione emersa dai verbali dell'inchiesta Expo. L'ex senatore Luigi Grillo, ora in galera, in una telefonata dello scorso 24 marzo a Cesare Previti raccontava che Alfano «gli avrebbe offerto il ruolo di “consigliere economico” personale» col «fine di “seguire” anche un po' le nomine». Naccarato s'è indignato: «Se non è una chiara millanteria, la circostanza richiede di essere smentita in modo radicale e incontrovertibile». Lo Sventurato non rispose.
Fosse l'unico guaio. Dalle carte dell'inchiesta milanese vengono fuori anche intrecci tra Frigerio, Cattozzo, le Coop e società legate a Comunione e liberazione, come la chiacchieratissima «La Cascina». Frigerio vanta colloqui con Nicola Sanese, ex segretario generale di Formigoni alla Regione Lombardia, e l'attuale ministro alle Infrastrutture, Maurizio Lupi. A proposito della caduta di Formigoni, Frigerio ha una tesi ben precisa: «L'attacco non è su Roberto, ma sul mondo ciellino. Non c'è più protezione in Vaticano... il Papa nuovo, se ne strafrega».

Senza più santi in paradiso, se per Cl è dura, lo è ancor di più per Alfano, costretto a cambiar tesoriere neppure un mese fa. È andato via il bolognese Raffaello Vignali, già presidente della potentissima Compagnia delle opere, dopo averle provate tutte per rimettere in sesto una cassa che langue nonostante i contributi derivanti dai parlamentari, dagli iscritti e (soprattutto) dai gruppi parlamentari. Nuovo tesoriere l'onorevole Paolo Alli, altro fedelissimo del Celeste Formigoni, già braccio destro nelle questioni «riservatissime», dalla Sanità alle Infrastrutture. E per questo incappato in inchieste come quella sulla P3, sulla sanità lombarda (veniva considerato come il «ras di Legnano»), sulla gestione dei rifiuti (agli atti un'imbarazzante telefonata di un imprenditore costretto a pagare tangenti: «Formiga mi ha autorizzato a parlarne con Alli»). Ancora mai indagato, Alli è nel Cda dell'Expo (il suo nome è pure emerso dagli atti d'inchiesta) e si trova nel contempo a rendere ben più cospicui gli introiti del Ncd. Due compiti non facili da tener distinti e distanti.

Questo per non dire dei noti casi Scopelliti e Gentile che, assieme a Formigoni, costituiscono un bel gruppo di «padrinato» per l'avvento del Ncd nel nuovo mondo. Qualora superasse la soglia di sbarramento (come dicono i sondaggi), la navicella alfaniana avrà bisogno di boccate d'ossigeno in ogni Palazzo che conta, per non restar soffocata in culla. Dal festoso abbraccio dei magistrati.

Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 19/05/2014 - 10:14

Mettete un po' d'ordine nelle vostre menti: "Sull'Expo ci sono state esagerazioni, non è una nuova Tangentopoli ... Su inchiesta Expo molta aria fritta...", sono parole di Berlusconi pronunciate solo alcuni giorni fa. Eppure adesso spunta fuori il nome del nuovo tesoriere NCD "non indagato! Beh, se è per questo anche il nome dello stesso Berlusconi è saltato fuori in questa inchiesta sebbene anche lui non sia indagato. Ma forse avete ragione voi... il suo nome che compare sempre in indagini di malaffare ormai non fa più notizia.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 19/05/2014 - 10:15

Mettete un po' d'ordine nelle vostre menti: "Sull'Expo ci sono state esagerazioni, non è una nuova Tangentopoli ... Su inchiesta Expo molta aria fritta...", sono parole di Berlusconi pronunciate solo alcuni giorni fa. Eppure adesso spunta fuori il nome del nuovo tesoriere NCD "non indagato! Beh, se è per questo anche il nome dello stesso Berlusconi è saltato fuori in questa inchiesta sebbene anche lui non sia indagato. Ma forse avete ragione voi... il suo nome che compare sempre in indagini di malaffare ormai non fa più notizia.

Ritratto di .VinciamoNoi!!!

.VinciamoNoi!!!

Lun, 19/05/2014 - 11:01

a confronto dei nuovi comitati delinquenziali tangentopoli è un giochetto per bimbi stupidi

unosolo

Lun, 19/05/2014 - 13:09

mi domando a cosa serve avere la Finanza ? Le fiamme gialle sono escluse dal controllo dell'EXPO come mai ? il PCM si è tutelato mettendoci un suo uomo , credo proprio che vogliono mantenere il possesso pieno del controllo di tutti gli appalti , mi spiego, le ditte che dovranno rifornire di materiali l'EXPO dovranno essere amiche o come sempre le sole a concorrere , poi magari in sub appalto subentreranno le piccone ed ecco che non cambia nulla anzi cambia in quanto lo Stato userà i nostri soldi per pagare la squadra che affiancherà il suo uomo di fiducia , questo alla faccia della trasparenza , bastava dire alle fiamme gialle : vi autorizzo a fare straordinari per il controllo totale dei movimenti bancari e degli appalti di tutte le ditte impegnate nei lavori , noi risparmiavamo soldi e forse qualche imprenditore poteva ambire a partecipare ad un appalto magari piccino ma avrebbe potuto partecipare sapendo che la finanza controllava , mentre in codesto modo non cambia nulla anzi forse si agevolano solo alcune ditte come sempre.

narteco

Lun, 19/05/2014 - 14:52

Il servente sinistrato dreamer66 non poteva che fare copia e incolla con repubblica delle banane di ezio mauro noto per aver pagato in nero il suo attico a Roma e alcuni mesi dopo faceva la morale a Scajola per il flat davanti al colosseo per il quale fu poi assolto pienamente,Eziolino non fu nemmeno indagato!!! usufruiva del salvacondotto compagno doc,senza contare che il suo padrone è un certo carlo debenedetti uno che ha fatto fallire tutto,con capi di imputazione di ogni tipo dipinto dal suo fedele servitore ezio maurino come immacolato.Repubblica fa spuntare fuori il nome di Silvio Berlusconi nelle mazzette per l'Expo."La cupola esiste ed era Berlusconi il referente di Frigerio", è il titolo d'apertura dalla sede di Vado Ligure di repubblica delle banane al mercurio diretto da Ezio Mauro.La verità è che dall'inchiesta del pool Boccassini-D'Alessio-Gittardi emergono solo intercettazioni in cui Frigerio continua a fare riferimento ai suoi contatti con il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi ed il mondo di Comunione e Liberazione.Il nome di silvio è solo millantato e non potrebbe aver alcun ruolo vistà la sua alienazione coatta e totale dalla politica, dunque solo il solito fango di repubblica e media sinistrati.Il collettore doc di tangenti resta il compagno greganti, storico percettore di tangenti del Pci e coop rosse che fino a pochi giorni prima di essere arrestato sosteneva in una videointervista che nel pci vi è sempre stata alta politica di moralità e valori, mai preso tangenti,monte dei paschi di siena e coop rosse illibate e caste,leggi ad aziendam di Bersani per coop rosse mai viste,scandalo di Penati e serravalle tutte calunnie e balle.Nell'attuale PD Poletti ex presidente coop rosse ed altri compagni hanno creduto a tal punto all'onestissimo compagno G da riceverlo perfino in senato, dunque linearità con il sistema tangentizio del 1993 nulla è cambiato,ma per i soliti buffoni sinistrati chi era l'ideatore o deus ex machina di tutto sto bel sistema???????? Silvio Berlusconi ahahaha che circo la sinistra al caviale,osano fare le vittime e negar tutto perfino su Expo e compagno G.Ahahahahaha

angelomaria

Dom, 25/05/2014 - 17:18

SONO SICURO DI AVE RCOMMESSO ALTRI ERRORI NON SO QUALI MA NE CHIEDO NUOVAMENTE SCUSA