Caso Kyenge tra gaffe e insulti. "Beata lei, non deve truccarsi"

Uscita della Santelli ad Agorà, poi si corregge: io fraintesa. Il Pd si scaglia sulla Padania e Buonanno in aula si tinge il viso di nero

La ministra Cécile Kyenge passerà alla storia per le polemiche create attorno a lei più che per le cose da lei fatte. La Lega Nord la tiene nel mirino da mesi: Mario Borghezio parlò di «governo del bonga bonga» (espulso dal Parlamento europeo), Dolores Valandro twittò «mai nessuno che la stupri» (espulsa dal partito), Roberto Calderoli disse che «quando vedo la Kyenge non posso non pensare a un orango» (si scusò al telefono). La settimana scorsa è stata la volta delle contestazioni bresciane incendiate dalla presenza dei centri sociali. Ora la Padania ha deciso di pubblicare l'agenda della ministra ed è scoppiato il finimondo. Gli appuntamenti sono presi parola per parola dal sito internet del ministero dell'Integrazione: ieri una conferenza stampa, oggi un convegno, sabato tre eventi in Lombardia. Ma sul quotidiano leghista non si può. La ministra, dopo averla buttata sull'ironia scopiazzando Matteo Renzi («Padania chi?»), domanda di «fermare i razzisti»: «La politica si deve alzare tutta per condannare questi attacchi». E più tardi alza il tiro: «A essere minacciata è la democrazia». L'ex ministra Livia Turco vuole una manifestazione nazionale. Contro il giornale nordista sono stati chieste censure, il sequestro preventivo e interventi dell'Ordine dei giornalisti. Un'insurrezione antipadana.

Ma siccome al peggio non c'è fine, ieri la forzista Jole Santelli al programma tv Agorà, al quale partecipava in collegamento anche Cécile Kyenge, si è lasciata scappare una frase infelicissima. «Le nere? Hanno la fortuna di non doversi truccare come noi. Quindi sono più fortunate». Imbarazzo in studio, nessuno replica, ma le polemiche scoppiano dopo in un crescendo. Più tardi la Santelli preciserà che quella frase è stata «estrapolata dal contesto e di significato opposto a quanto si vuol fare apparire» e che «questa inutile strumentalizzazione è vero razzismo». Tuttavia la gaffe resta. Verso mezzogiorno si mobilitano anche le forze dell'ordine. A Palazzo Chigi è arrivata una busta anonima indirizzata alla ministra contenente polvere bianca. Sospetti, allarmi, controlli, piazza Colonna blindata. Il deputato democratico Khalid Chaouki, nato in Marocco, che a Natale si era incatenato nel centro di accoglienza a Lampedusa, ha immediatamente parlato di «chiara e gravissima intimidazione» i cui «responsabili morali» sono i leghisti: «Salvini condanni in modo inequivocabile questa inedita minaccia». Dagli accertamenti è risultato che si trattava di bicarbonato mentre la lettera era partita da Palermo e non da una sede della Lega. Intanto la temperatura delle polemiche si è alzata ancora.

Il Carroccio non si è scusato con il ministro ribattendo colpo su colpo. «Sequestrare la Padania sarebbe fascismo - ha detto il segretario Matteo Salvini a proposito dell'agenda Kyenge -. I veri democratici dovrebbero schierarsi a difesa del diritto dei giornalisti». Maroni ha respinto l'accusa che la Lega «sia andata oltre il limite»: «Le polemiche le fate voi», ha replicato ai giornalisti. Nell'aula di Palazzo Madama sono intervenuti i commessi per bloccare i leghisti che sventolavano copie del loro quotidiano. «Non toccate la Padania o scateniamo l'inferno», ha urlato il senatore Jonny Crosio. L'ex sindaco di Varallo Sesia Gianluca Buonanno, durante il question time alla Camera, si è dipinto il volto con il cerone nero: «Gli italiani si devono fare un pò più scuri per avere di più. È razzismo al contrario».
L'unica nota leggera è venuta da Aurora Lussana, direttore del giornale: gli è stato chiesto di Clarence Seedorf, nuovo allenatore del Milan, primo «mister» di colore in Italia. «Un bellissimo calciatore», ha risposto da tifosa atalantina.

Commenti

cicero08

Gio, 16/01/2014 - 08:34

Berlusconi ne ha fatte e dette di peggiori (ad es. ricordate: il lei viene? quante volte viene? etc.) ma era lui e nessuno osava andargli contro. Ora si deve rendre conto che il cerchio magico dell'ex telecafona gli fa fare passi che rischiano di pesare moltissimo. Questa della Santelli è "una perla" difficile da superare ...

cicero08

Gio, 16/01/2014 - 08:37

Berlusconi ne ha fatte e dette di peggiori (ad es. ricordate: il lei viene? quante volte viene? etc.) ma era lui e nessuno osava andargli contro fino alle estreme conseguenza. Ora si deve rendre conto che il cerchio magico dell'ex telecafona gli fa fare passi che rischiano di pesare moltissimo. Questa della Santelli è "una perla" difficile da superare ...

Ritratto di marystip

marystip

Gio, 16/01/2014 - 08:56

Non solo truccarsi, non deve neanche andare al mare per la tintarella.

Ritratto di Alessandro Genovese

Alessandro Genovese

Gio, 16/01/2014 - 08:58

Dire che le negre non hanno bisogno di truccarsi è razzismo, dare del nano a Berlusconi o a Brunetta è sana satira politica...Boh!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 16/01/2014 - 08:59

lo dice lui che non si truccano.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 16/01/2014 - 08:59

vedete che alle vostre donne piacciono gli extracomunitari?

canaletto

Gio, 16/01/2014 - 09:29

A CASA, ADESSO BASTA FARE LA BELLA VITA CON I SOLDI DEGLI ITALIANI, A CASA TUTTI

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Gio, 16/01/2014 - 09:32

Ecco cosa ha prodotto l'accanimento imbecille della lega, la frase di un'altra imbecille. Non se ne puo piu' di questo modo di fare politica con l'offesa, razzismo. Persone piccole piccole

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 16/01/2014 - 09:35

Cécile KYENGE, nobilissima presenza nel Parlamento Italiano. -riproduzione riservata- 9,35 - 16.1.2014

ettore80

Gio, 16/01/2014 - 09:43

I Leghisti sono dei razzisti codardi. Io ho le mie idee e le dichiaro apertamente anche se "scomode" e politicamente scorrette. Loro no, emerge, inevitabilmente, il loro latente razzismo ma lo rinnegano. Li apprezzerei di più se fossero coerenti con loro stessi. Stesso comportamento hanno molti abituali commentatori di questo sito.

Maura S.

Gio, 16/01/2014 - 10:01

Vergognatevi voi del PD, con tutti i problemi che abbiamo in italia perdete tempo con una extracomunitaria, poiche la Kyenge e' una EXTRACOMUNITARIA. Ma andatevi a nascondere, pensate piuttosto ai nostri pensionati che non arrivano a fine mese e mangiano solamente pane e caffelatte quando lo trovano

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/01/2014 - 10:05

State facendo in modo che un ministro fino ad oggi abbastanza mediocre ed inconcludente,diventi una martire per via di un razzismo che comunque fuoriesce da molte di quelle dichiarazioni,ultima la Santelli vera liberale che disquisisce di trucchi,come dai tanti post letti su questo forum.Vi state ossessionando in maniera controproducente esattamente come per anni hanno fatto gli antiberlusconiani.Continuate cosi' che alla fine diventera' pure simpatica...sic!

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 16/01/2014 - 10:19

INVENTARSI UN'OCCUPAZIONE! Anche se non mi fa vedere il becco di un quattrino, retributivo, questo ruolo di commentatore web che mi sono imposto è la trovata più gratificante della mia vita. Anche perché mi ripaga sfamandomi psichicamente come nemmeno Julie GAYET riesce a fare carnalmente col suo clandestino Hollande. Vuoi mettere? E' il trionfo dello spirito sui 'bassi' richiami dei sensi. TRAVASARE quanto si è sedimentato in noi per tutta una vita è un dovere verso la Natura, verso quanti sono alla ricerca di sapere cosa c'è nell'aldilà. Che soltanto chi ha ben vissuto può rivelare. Tensione fisiologica sublime che ci rende partecipi all'ennesima potenza dell'essenza profonda del vivere. Ma questo non ce l'hanno detto l'amato Dante, il tormentato Dostoevskij, Indro Montanelli, Marcello Veneziani, pur essendone dipendenti da far impallidire i 'tossici'. Ma non disperate, c'è sempre un primo a farlo. Dario Maggiulli. Non applaudite, per così poco, Grazie. Scherzi a parte, cosa sarebbe quest'ultimo giorno, della 'serie', se non ci fossi io qui, a rendere omaggio diligentemente al sorgere di quest'aurora boreale che ha il nome di Cécile Kyenge? Dolcissimo sguardo che non si scompone minimamente davanti a quel nordico ciarpame bipede che si dimena animalescamente? (con il massimo rispetto per gli animali) - Infinita bontà del Cielo che ci somministri di tutto, risparmiaci tanta miseria leghista !!! -riproduzione riservata- 19,18 - 16.1.2014

a.zoin

Gio, 16/01/2014 - 10:24

Poverina!!! tutta sola e tutta nera. Le manca solamente il guscio dell`uovo in testa. È forse anche questa DISCRIMINAZIONE ???

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 16/01/2014 - 10:32

Il problema non è Kyenge, ma ormai lo è Renzi che pare abbia assorbito tutte le fesserie che la congolese naturalizzata italiana spara a raffica. Avevo una buona impressione di lui, inizialmente, ma ora mi sembra politicamente inaffidabile. Mesi fa avrei votato Renzino, ma ora non ci penso proprio. Forse è meglio starsene a casa.

vince50

Gio, 16/01/2014 - 10:45

Nel corso degli anni le sigle sono state più volte cambiate,però mai e poi mai cambierà la loro balorda distruttiva politica devastante,i rossi fanno danni incalcolabili anche da morti.

releone13

Gio, 16/01/2014 - 10:58

Il problema non è la Santelli, che a parte la posizione politica a cui appartiene, è una emerita imbecille ( tra l'altro lei si che non può assolutamente evitare di truccarsi..........senza alcun miglioramento....), il problema è che nel 2014 ANCORA C'E' CHI SI ACCORGE DELA DIFFERENZA DI COLORE DI UNA PERSONA.Perchè il ministro non viene attaccato per quello che fa o non fa, viene attaccato per il colore della pelle, siamo ancora a questo punto.Ma dove può andare un Paese che è fermo ancora su queste cose.........Ma ancora non si è capito che ormai i Paesi sono multirazziali, e lo saranno sempre più......fino a quando non si capirà questo........rimarremo sempre la piccola, inutile, dannosa, insignificante Italietta.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 16/01/2014 - 11:06

#02121940 Lo spregiudicato e ciarliero giovanotto che eri tentato di votare ha, sin dall'inizio, manifestato un unico e chiarissimo proposito: quello di diventare presidente del Consiglio. Tutto il resto è per lui di importanza relativa. Compreso il futuro di questa nazione. Le farneticazioni della Kyenge, interessata a farci regredire a livelli congolesi, non costituiscono che il grimaldello per raggiungere al più presto il consenso di cui necessita nella cerchia del suo stesso partito. Tutto il resto è logorrea irrefrenabile ed inattendibile. Fregnacce, insomma, in libertà.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 16/01/2014 - 11:07

inutile che insultiate la nera , bianca o nera a me non interessa l'importante che se ne vada il perchè è che non sa governare, se fosse una nera che facesse gli interessi degli italiani andrebbe benissimo.Ci sono anche le bianche che non sanno governare, andate negli ambienti del PD e vedete se tutti sanno governare bene.

Ritratto di Mariador

Mariador

Gio, 16/01/2014 - 11:11

L'ipocrisia è al parossismo. Mi sono rotto i cogl...ni di essere tacciato di razzismo perché non sono d'accordo che le case popolari vengono negate agli italiani poveri, figli e nipoti di chi ha pagato le tasse permettendo la costruzione di quelle stesse case, per assegnarle a stranieri appena arrivati e che nulla han fatto per questo Paese. Non sono d'accordo quando si tagliano i fondi per il trasporto pubblico a Torino e si regalano 5 milioni agli zingari (che non hanno fatto assolutamente nulla per averne diritto). Non sono d'accordo quando nelle scuole i bambini italiani devono rinunciare alla festa di Natale per non infastidire i bambini di altre religioni o quando devono rinunciare al prosciutto in mensa perché per altri è proibito il maiale. Ma dell'integrazione di chi, stiamo parlando.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 16/01/2014 - 11:37

Hei Tovarish, ma se al posto della Kienge ci fosse Afef la difendereste allo stesso modo? Dubito. Quì NON è questione di pelle ma delle flatulanze multiculturaliste che esprime ad ogni piè sospinto. Avete scelto apposta una nera per provocazione, giusto per rimarcare ANCHE ESTERNAMENTE la foia di distruggere gli autoctoni italiani rei di non aver portato il cervello all'ammasso buonoide. Metteteci la Hunziker che vorrebbe la mescolanza multiculturalista con le silfidi nordiche e vedrete una ovazione generale. Ma voi no, volete quì il peggio dell'umanità arretrata.

LAMBRO

Gio, 16/01/2014 - 11:41

BANDO ALLE CHIACCHIERE!! BIANCHI , GIALLI, NERI ecc ..NON C'ENTRANO!! COSA HA FATTO PER L'INTEGRAZIONE? VIENE DA CHIEDERSI SE CONOSCE IL SIGNIFICATO DI INTEGRAZIONE CHE NON SIGNIFICA EMIGRAZIONE!!

BlackMen

Gio, 16/01/2014 - 11:45

Maura S.: e con ciò??? anche la destra italiana vorrebbe esserlo...sono anni che dite "fuori dall'europa"....

bobo1943

Gio, 16/01/2014 - 11:59

nullafacente nullaproponente cosa ci stà a fare in parlamento

paspas

Gio, 16/01/2014 - 12:02

Razzismo e' ormai come un disco che ripete senza sapere cosa vuol dire. Cominciamo dai nostri politici. Se si parla male della Kyenge si e' razzisti. Se si parla male di Ratzinger quando presenta la legge Divina contraria ai matrimoni gay e' diritto all'ugualglianza.Se si va in piazza nudi con la mitra da vescovo e' liberta' di espressione. Se ci si colora di nero e' razzismo. Se ci si dichiara antigay e' omofobia, se ci si dichiara Cristiano e' imposizione di una cultura. se ci si dichiara Mussulmano si hanno privilegi, se si e; immigrati i reati diventano minori. Se lavori devi pagare tutte le tasse. Se non lavori perche' immigrato ti devono dare il sufficiente per vivere in Italia. Tuttdalle politiche sbagliate che non danno spazio alla giustizia per la cultura locale.. mi fermo qui ma ne avrei ancora tante........i questi privilagi creano razzismo ed esasperazione negli Italiani semplici e veri. Il razzismo nasce

bruna.amorosi

Gio, 16/01/2014 - 12:02

QUESTA SIGNORA è ARROGANTE tutto quì non c'entra il colore ma è entrata di contrabando ha trovato lo stupido italiano che la ha regolarizzata e adesso lei vorrebbe insegnare a noi cosa è la civiltà .MA PERCHE NON VA A SPIEGARLO AI SUOI CONNAZZIONALI COSA SIA LA CIVILTA? e in primis non arrivare in casa d'altri senza essere invitati per poi spaccare tutto se non garba a loro l'accoglienza poi ne riparliamo . e non datemi della razista perchè i neri che assisto fuori dai supermercati mi chiamano mamma .

giovanni PERINCIOLO

Gio, 16/01/2014 - 12:19

Gli insulti gratuiti vanno senz'altro censurati ma ora stiamo esagerando. La signora Kyenge non é l'oracolo di delfo e il fatto che sia negra non la rende "insindacabile" a prescindere! Orami qualsiasi critica viene strumentalmente definita "razzista" e la signora continua imperterrita per la sua strada senza curarsi minimamente dell'opinione pubblica.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/01/2014 - 12:24

@M.Galaverna,una autentica e straordinaria contraddizione la sua che dice nella stessa frase che non e' una questione di pelle(riferito al colore)e nella riga di sotto esclama che il solo fatto di aver nominato una nera ministro e' una provocazione.Fantastico!Deciditi o non e' un problema il colore della pelle o ko e',insieme le cose non reggono.Che delirio e pensare che siamo pure d'accordo sullacritica al multiculturalismo da quattro soldi..

Cinghiale

Gio, 16/01/2014 - 12:28

E' molto più facile attaccare questa donna sulla sua politica e sul suo dubbio modo di essere utile agli Italiani, che cercare modi sempre nuovi di offenderla.

lucifero41

Gio, 16/01/2014 - 12:29

una alternativa ci sarebbe: questi politici sono una (razza nociva e non protetta) in tempo di caccia si fanno le battute per eliminarli _

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 16/01/2014 - 12:29

@Bobo1943,perche' fa compagnia agli altri 999 nullafacenti e nullapromettenti insieme ai quali e' stata eletta.Non e' diversa da tutti gli altri.

Aristofane etneo

Gio, 16/01/2014 - 12:31

Ancora pubblicità gratuita per la garbata sigra Kyenge Kashetu; visibilità per quel furbacchione di Khalid Chakoui, pubblicità negativa per noi Italiani che veniamo rappresentati come inguaribilmente razzisti nonostante diamo sollievo e spesso costose cure a gratis a milioni di disperati, paraculi ecc. provenienti da tutte le parti del mondo (USA compresi); qualche migliaio di voti in più per gli sgangherati che la offendono con modi e parole inaccettabili; qualche difficoltà in più per le nostre imprese che lavorano nelle Nazioni di cui sopra; Tanti problemi in più per la nostra sempre più disastrata Italia, depredata da cani e porci nostri e provenienti da ogni dove. Amen

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Gio, 16/01/2014 - 12:42

una stupida ,punto

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 16/01/2014 - 12:51

Mariador 16/01 11:11 e paspas 12:02 - - - Crudo ma eloquente quadro dell'odierna situazione italica. Attenti però, potreste incorrere nelle ire trascendentali e cosmiche di Dario Maggiulli. Rischiate grosso a svilire tutto quanto può avere un legame con il "sorgere di quest'aurora boreale che ha il nome di Cécile Kyenge".

nonna.mi

Gio, 16/01/2014 - 12:51

Quello che reputo giusto è che tutti dobbiamo usare l'educazione per rivolgerci a ogni Ministro,ma ritengo che ,ripeto senza cadere nella volgarità, sia nostro pieno diritto poter esternare il nostro pensiero specie se è molto negativo per quello che, nel caso specifico,sostiene la signora Kyenge con proposte che risultano pessime per il popolo italiano. Myriam

Albaba19

Gio, 16/01/2014 - 12:57

che commenti mi tocca leggere....come siamo caduti in basso!!! ma forese non è nenache colpa vostra ma mia che li leggo. invece di commentare il suo operato si commenta il colore il suo aspetto fisico il suo essere non nato in italia che vergogna, che vergogna..........speriamo vi nasca un figlio di colore così capirete cosa vuole dire e farete meno commenti del cazzo.

Ritratto di sitten

sitten

Gio, 16/01/2014 - 13:16

Faccio una proposta, inviamo nei paesi africani (a spese nostre) tutti i big della sinistra, magari saranno candidati a diventare che so, ministri dell'integrazione.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 16/01/2014 - 13:20

Cara Agrippina, nessuna contraddizione. Essendo io un razzista culturale qui ampiamente dimostrato non discrimino il colore della pelle ma ciò che rappresenta quel colore nella MAGGIORANZA dei casi. Va da se che la Dott.sa Kienge è stata scelta per PROVOCARE queste reazioni. Per rimarcare la preferenza sinistroide verso le culture terzomondiste sottosviluppate rappresentate dal colore della pelle. Dubito che sia stata scelta per le sue doti umane ( che io non conosco ). Ribadisco, ci sono fior di extracomunitari indocaucasici a noi simili per mentalità e religione che potevano tranquillamente ricoprire quel ruolo ma NON sarebbero stati un VESSILLO VISIBILE per i sinistrati reggioemiliani. E' questo lo schifo, l'uso politico/propagandistico della PELLE DELLA KIENGE fatto dai rossi. Questo è RAZZISMO.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 16/01/2014 - 13:32

Albaba19, difficile che succeda se non in casi specifici. Se lo faccia spiegare dalla mamma, che io sono timido e arrossisco.