CASO LUSIL'ex tesoriere rifiuta l'interrogatorio poi ha un malore

L'ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi ieri è stato colto da malore in tribunale a Roma, in una pausa del processo che lo vede imputato per essersi appropriato di oltre 20 milioni di fondi destinati al partito. Il suo avvocato Luca Petrucci ha spiegato che «è stato trasportato in ambulanza in codice rosso all'ospedale Santo Spirito», in rianimazione. In aula doveva affrontare l'interrogatorio e aveva annunciato che avrebbe fatto solo dichiarazioni spontanee. Il pm Stefano Pesci, con gli avvocati di parte civile, ha esaminato la nuova documentazione della difesa: per lo più articoli con dichiarazioni degli ex vertici della Margherita.