Un caso la trattativa coi tifosi Il Viminale non ha visto nulla

Polemica per l'accordo coi violenti. Ma Alfano e il questore di Roma negano l'evidenza. E Grillo cavalca la violenza ultrà: "Repubblica morta, scoppia la pentola a pressione"

Ultimo stadio. Il giorno dopo la giornata di straordinaria follia andata in scena a Roma, a margine della finale di Coppa Italia dentro e fuori l'Olimpico, si cerca di capire cosa sia davvero successo. Al centro di tutto c'è la vergogna della trattativa tra lo Stato e Genny 'a carogna. Alfano, ministro dell'Interno, nega il patto. Nessuna trattativa, nessun accordo, niente resa. «Non sta nè in cielo nè in terra». Tutta apparenza. Era solo una chiacchierata tra amici. Il ministro alza la voce e annuncia «daspo a vita». Anche il Questore di Roma, Massimo Mazza, si era già difeso dicendo che «non abbiamo mai pensato di non far giocare la partita» e quella chiacchierata tra il capitano del Napoli e l'ultrà era solo per informare i tifosi delle condizioni di salute del tifoso ferito. Solo che in tanti replicano che la trattativa era lì, in diretta tv, ed è difficile smentirla. Daniela Santanchè replica al ministro: «Alfano ha problemi di vista e di udito. Non è che lo Stato non tratta: lo Stato ha trattato». Questione di verbi.
Nel discorso già dal mattino si inserisce con forza Grillo. Lo fa senza circoscrivere le responsabilità e, in sostanza, buttandola in campagna elettorale. «La Repubblica è morta». È il titolo del post. «La Repubblica è morta, i suoi cittadini non hanno più rappresentanza, la pentola a pressione sta per saltare. All'Olimpico veniva da piangere, come a un funerale», scrive. «Mi si è stretto il cuore vedere Alessandra Amoroso cantare l'inno d'Italia sommersa dai fischi in uno stadio sequestrato dagli ultrà con la Polizia impotente e i politici in tribuna d'onore, gente del calibro di Renzie. La Repubblica è morta, ma i suoi funerali sono indegni, troppo imbarazzanti. Non abbiamo neppure la dignità di un buon funerale».
Il secondo passaggio è dedicato ai suoi avversari, definiti come «diversamente ultrà». «Devono andare fuori dal Parlamento e dalle istituzioni i corrotti, gli indagati, i condannati in primo grado (Renzie) - prosegue Grillo - Un pregiudicato che colloquia amorevolmente al Quirinale con Napolitano e che sconta una pena ridicola vale come cento stadi fischianti. Ma nessuno ci fa caso. Hanno tutti e due la cravatta, non sono tatuati, non urlano. Sono diversamente ultrà. I politici sono stati tra i primi a scappare, amorevolmente scortati nelle loro auto blu, quelle non ancora vendute su eBay (per ora ben sei!) dall'Ebetino incazzato nero per la Partita del cuore. Antognoni non gli passerà la palla e lui non calcerà un calcio di rigore».
Il blog non è l'unico palcoscenico che Grillo si concede. «Già vedo che Genny a carogna viene invitato al Nazareno da Fonzie il Bastardo per vedere come togliere la violenza dagli stadi. Io lo Stato sovrano lo voglio ma se le forze dell'ordine chiedono: «Signor carogna possiamo iniziare la partita, lo Stato non c'è più», dice in una intervista a SkyTg24. E poi su Renzi: «È finto, dentro ha un odio moderato perché solo così può arrivare a dire le cose che dice e non farle». Mi paragonano ad Hitler? «Passo da fascista o nazista perché hanno paura». L'ultimo affondo è per Carlo De Benedetti. «De Benedetti dice che sono un fascistello, ma è lui il fascistello». Le sue critiche dipendono dal fatto che «noi abbiamo detto che i finanziamenti occulti alle sue aziende sono finiti. In caso di vittoria di M5S faremo una indagine fiscale sul suo conto».

Commenti

cicero08

Lun, 05/05/2014 - 08:24

Dalla nipote di Moubarack, al caso Kazako, alla vicenda dell'Olimpico: certo non si può dare dell'incoerente ad Alfano...

linoalo1

Lun, 05/05/2014 - 08:27

Bravo Alfano e bravo Renzi!Adesso,cosa faranno?Criticheranno i fatti e niente di più!Fra una settimana saremo punto e daccapo!Lino.

Ritratto di VinciamoNOI...

VinciamoNOI...

Lun, 05/05/2014 - 08:44

la repubblica è morta distrutta dai ladri e dagli incapaci....DIMISSIONI PER GLI INCAPACI, GALERA PER I CRIMINALI

Guido_

Lun, 05/05/2014 - 08:46

Io non ho capito una cosa: Alfano è diventato incompetente il giorno stesso in cui ha lasciato Berlusconi o lo era anche prima?

Pelican 49

Lun, 05/05/2014 - 08:50

Con un idiota al Viminale ed una serie di Questori pappamolle che "tengono famiglia", tutto è possibile. Alfano oramai si dedica solo a trainare immigrati africani in Sicilia. Presto scoppierà qualche seria epidemia con morti ... allora rideremo (amaro).

Ritratto di GOTTAPA

GOTTAPA

Lun, 05/05/2014 - 08:54

Credere a questo signore, diventa sempre più difficile. Credo che abbia nel suo DNA una alterazione genetica che lo rende a sua insaputa menzognere e traditore. Ad oggi risulta un poco ambiguo e potrebbe seguire il percorso del sig. Fini che a tutt'oggi non risulta pervenuto neanche come DESAPARECIDOS.

pinuzzo48

Lun, 05/05/2014 - 08:58

un solo un grido, vergogna- vergogna- ale,ale,ale

egi

Lun, 05/05/2014 - 08:58

Un bugiardo traditore senza se e senza ma come questo individuo può permettersi di dire quello che vuole.

gianni marchetti

Lun, 05/05/2014 - 08:59

Che differenza c'è tra chi ha fischiato l'inno di Mameli e Grillo che ogni giorno irride alle Istituzioni? Nessuna. Entrambi i comportamenti minano le fondamenta dello Stato democratico e favoriscono il suo disfacimento.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 05/05/2014 - 09:03

Qui' ha fallito clamorosamente la famosa tessera del tifoso,che ci fa un pluripregiudicato come quello a roma?ed il romano in giro a pistolettare?non soete mai stati capaci di affrontare questo fenomeno,chiudete perche' almeno per il prossimo futuro continuerete con l'incapacita'.

fafner

Lun, 05/05/2014 - 09:05

Bravo Angelino!!!! Con la tua bella pensata del "Daspo a vita" puoi pretendere che il Presidente Napolitano ti nomini senatore a vita .

canaletto

Lun, 05/05/2014 - 09:07

IL GROSSO ERRORE E' AVERE IL VIMINALE IN MANO A UNA NULLITA', A UN FALLITO COME ALFINI. DIMETTITI FINCHE' SEI IN TEMPO. IN QUEL POSTO CI VOGLIONO PERSONE CON LE PALLE QUADRATE TIPO MARONI CHE BLOCCO' L'IMMMIGRAZIONE DI CLANDESTINI NON UNO COME TE CHE SI E' TIRATO GIU I PANTALONI E VENDUTO IL LATO B ALLA SINISTRA PUR DI AVERE UNO SGABELLO SU CUI SEDERE. VERGOGNATI TRADITORE DI PARTITO E DEL POPOLO CHE TI HA VOTATO

giovauriem

Lun, 05/05/2014 - 09:12

alfano ha ragione,noi 6/7 milioni che eravamo davanti alla tv non abbiamo capito nulla,quel "signore"seduto sulle barriere del'olimpico,stava lì solo perché non ha trovato posto sugli spalti

plaunad

Lun, 05/05/2014 - 09:12

Non ha visto nulla? E' strano visto che la trattativa é stata trasmessa in diretta dalla TV

Mr Blonde

Lun, 05/05/2014 - 09:22

marzo 2004 derby di roma e stessa situazione, governo berlusconi e min interno pisanu, immagino che anche allora un giornalista serio se la sia presa con il viminale. Invece sempre un giornalista serio potrebbe, magari piccolo piccolo come le clausole dei contratti di assicurazione, pensare di dire che l'assalitore romano è un estremista di destra, così tanto per par condicio con i no tav e simili canaglie.

ripper

Lun, 05/05/2014 - 09:23

Sig. De Feo quali prove avete che siano state fatte trattative? Era presente lei? No. E allora perchè scrive queste sciocchezze? Ha visto il labiale? Non è possibile perchè tutti parlavano con le mani davanti alla bocca. E allora? Cosa avrebbe fatto lei? Avrebbe detto: basta ora tutti a casa, lasciando uscire insieme 65.000 persone. Era normale che si dovesse comunque spiegare a chi stava allo stadio cosa era successo, viksto che nessuno si è sognato di usare l'altoparlante. Va bene fare opposizione ad ogni costo, ma così si perde in serietà. Ero un assiduo lettore di questo giornale, ma ora non lo leggerò più.

grandeoceano

Lun, 05/05/2014 - 09:24

Alfano è più bollito della lingua in salsa verde.

elio2

Lun, 05/05/2014 - 09:34

Alfini ha bisogno di un buon paio di occhiali, non ha visto ciò che il mondo intero ha visto in diretta eurovisione, lui sorveglia solo che non gli portino via la poltrona il resto non lo vede. Pagliaccio!

scott

Lun, 05/05/2014 - 09:35

Nella nazione della trattativa stato-mafia, della camorra in parlamento (nicola cosentino), fa molto meno impressione la trattativa stato-ultras.

scala A int. 7

Lun, 05/05/2014 - 09:40

Ma dai !!! ancora col mantra della trattaiva !!! tuttalpiu' s'e' trattato di mediazione che e' valsa a sedare gli animi e far svolgere la partita . Nella storia , poco nobile , d' Italia le trattative vere sono state altre : stato / mafia che videro impegnarsi ex presidenti della repubblica con rispettivi presidenti del consiglio + ministri ; cutolo / servizi segreti , nell' affaire Cirillo ; graziano mesina / stato per la libearazione del piccolo Farouk .....ma in tutta sincerita' Viminale / Genny a' Carogna......ma dai .....scendiamo nel ridicolo.

xgerico

Lun, 05/05/2014 - 09:52

@Mr Blonde - 09:22 - Ma noooooo dai lasciali sfogare, siamo a lunedi, cè tutta la settimana! Come vedi una "partita" e la buttano subito in politica!

Accademico

Lun, 05/05/2014 - 09:54

Ma "questo" chi lo ha fatto ministro nientepopodimeno che dell'Interno? Ma vogliamo scherzare?

Ritratto di spectrum

spectrum

Lun, 05/05/2014 - 10:06

Bravi comunisti vergognosi. Permettete tutto, siate buoni sempre coi criminali, poi soprattutto andate in ferie in austria blaterando che li sono "piu avanti".

Ritratto di paolomiki

paolomiki

Lun, 05/05/2014 - 10:19

Dovrebbero mandare in mondovisione anche le motivazioni delle sentenze !! Speriamo di si, così almeno non si fanno più infinocchiare dai giornalisti sinistrorsi i nostri cari europei!!! Per adesso accontentiamoci delle prime pagine dei giornali di tutto il mondo che hanno capito ( forse) come funzionano le cose in italia!!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 05/05/2014 - 10:21

AlfaNO: da ministro della inGiustizia una nullità, assente; da "membro" del trio ABC, una marionetta. Ora è ministro dell'Interno e fin dai primi giorni si era subito capita la sua inadeguatezza con il caso kazako. Vada a casa e con lui, se non cambia registro, anche il racconta frottole Renzi.

buri

Lun, 05/05/2014 - 10:22

ennesima figuraccia di quell'incapace di Alfano, egli è il ministro degl'interni, la polizia è roba sua, ma non fa niente per difenderla

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 05/05/2014 - 10:23

AlfaNO: da ministro della inGiustizia una nullità, assente; da "membro" del trio ABC, una marionetta. Ora è ministro dell'Interno e fin dai primi giorni si era subito capita la sua inadeguatezza con il caso kazako. Vada a casa e con lui, se non cambia registro, anche il racconta frottole Renzi.

jakc67

Lun, 05/05/2014 - 10:27

mi raccomando, grullini, non dite nulla contro gli ultras, sono dei "nostri"...

Marzio00

Lun, 05/05/2014 - 10:31

Ma perché dobbiamo pagare le forze dell'ordine per sti balordi? La sicurezza deve essere a carico delle società sportive! Poi che si aprano gli stadi facciamoli entrare e che se le diano ad oltranza: è quello che vogliono e noi risolviamo il problema degli ultras!!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 05/05/2014 - 10:34

Nella vicenda si è potuta apprezzare anche l’inconsistenza del capo del governo, che ha assorbito i fischi all’inno nazionale senza battere ciglio. Buon senso avrebbe voluto che egli lasciasse subito la comoda poltrona in tribuna d’onore, ma il "furbetto", avviato a diventare per gli Italiani il “frottoliere”, ha pensato bene di far finta di nulla rimanendo tenacemente e fieramente avvitato al suo posto. Un vero “Comandante”. Forse finalmente con lui "bandiera rossa trionferà".

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 05/05/2014 - 10:34

Non avete neanche piu iil coraggio di pubblicare commenti scomodi e sgraditi.Ma in quale repubblica di banane viviamo .

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 05/05/2014 - 10:38

Ma la famosissima tessera del tifoso varata dal minisrro maroni non avrebbe dovuto garantire l'assenza di questi personaggi dagli stadi?a quanto pare proprio no...il problema non e' quella canaglia che discute con le fdo quando ormai ci sono 60mila persone in uno stadio ed a rischiare sono sicuramente le persone perbene,no il problema e' quella carogna che arriva a roma piuttosto che stare in un commissariato napoletano....poi alfano,renzi,pisanu,berlusconi,non c'e' che da scegliere il bersaglio,ma il problema resta intatto e tanto per cambiare anche il blog diventa uno stadio

Gianca59

Lun, 05/05/2014 - 10:41

Fischi all' inno d' Italia e "Speziale libero" il tutto in presenza di cotanta tribuna del disonore: cosa ci vuole di più per dire che siamo alla frutta, anzi, alla repubblica delle banane ?

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 05/05/2014 - 10:42

Uno stato in cui la legalità, nel corso degli anni ed in maniera democratica ed antifascista,s'intende, è stata abolita per legge, ne scopre, attonita, l'assenza dopo l'exploit di un guappo.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 05/05/2014 - 10:47

@Canaletto,lei invoca maroni ministro dell'interno,ma la tessera del tifoso che fu una sua iniziativa,stando ai fatti e' un colossale buco nell'acqua,per cui mi sa tanto che lei sta invocando un inetto al posto di un altro inetto...i fatti di roma sono una sconfitta con tanti padri,alfano e' solo l'ultimo in ordine di tempo,ma lei da "ultras" del cdx fa come quei tizi allo stadio,tifa i suoi ed insulta gli altri.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 05/05/2014 - 10:49

Fa più notizia, e riveglia le coscienze dal torpore della ragione, una maglietta con slogan blasfemo che l'invasione di orde barbariche e delinquenziali amorevolmente raccolte ed accudite dalla nostra marina pseudomilitare. Ci vorrebbero, probabilmente, 100 Genny 'a carogna per sperare di rinfurbire definitivamente questo paese di lotofagi e drogati dal calcio.

giordaano

Lun, 05/05/2014 - 10:50

ma insomma, Hamrik è lo Stato ? la polizia ha trattato ? il prefetto ha trattato ?

Linda_

Lun, 05/05/2014 - 10:59

Se la trattiva c'e' stata , bene hanno fatto le forze dell' ordine a mediare con i tifosi ,era l' unica cosa sensata per evitare ulteriori incidenti .Non era certo la situazione adatta per fare un' analisi sulla rettitudine morale degli ultra', come molti moralisti ora sottolineano strappandosi le vesti .Bisognerebbe ragionare in termini pratici e razionali abbandonando i toni emotivi ed irrazionali .Da ultimo , evitiamo di preoccuparci constantemente di quello che pensano di noi all' estero , cerchiamo di crescere , non abbiamo bisogno del beneplacito della mamma .....

berserker2

Lun, 05/05/2014 - 11:17

Una tribuna "autorità, ovviamente aggratis, inzeppata di fanfaroni nullafacenti. E meno male che il presidente del coni aveva dichiarato che con lui erano "finiti i privilegi"! Sempre le stesse facce, sempre gli stessi indecorosi profittatori. Tutta fuffa..... Uno bello spettacolino senza pagare nulla, serviti e riveriti da adulatori ipocriti, con il bar gratis tra il primo ed il secondo tempo..... non si fanno mai mancare nulla i nostri politici. Poi ai fischi all'Inno nazionale, si idignano pure gli indecorosi politici nullafacenti. Il che ha del ridicolo.....gli stessi politici privilegiati che hanno distrutto questo Paese, per gli interessi loro e dei loro partiti, poi si mostrano stupiti o indignati o fingono di non capire, la rabbia, il rancore, dei tanti che non li sopportano più. I fischi all'inno, erano indirettamente i fischi a quella casta di profittatori. Hai capito si.....gli stessi che lo hanno distrutto questo Paese, poi vorrebbero pure, a favor di telecamera, che lo si rispettasse, quando sono stati loro i primi a NON rispettare l'Italia!

berserker2

Lun, 05/05/2014 - 11:37

Agri.....la tessera del tifoso, i tornelli, e tutte le altre stronzate, le inutili iniziative volute da incompetenti, incapaci e soprattutto ignari di cosa lo sport ed il calcio siano, furono messe in campo dalla Minestra melandri.....mai nulla ne ha capito, mai nulla ne capirà.....però era così carrina e chic in tribuna d'onore ai mondiali di Germania, si eccitò anche un pochino andando negli spogliatoi a salutare i calciatori nudi o in mutande.... il tutto ovviamente a spese nostre!

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Lun, 05/05/2014 - 12:17

Se come ministro dell'interni ci fosse stato uno di Forza Italia, cosa avrebbero fatto i comunisti? UN GRAN POLVERONE.MA siccome è un loro alleato del NCD allora tutti zitti.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 05/05/2014 - 14:20

Berseker2,la prego sia gentile,non mi evochi la turista kenyiota chicchissima,made in usa,rimescolata all'amatriciana con una spruzzata di buonismo salottiero.Abbia misericordia di noi poveri cittadelli.Ora non e' che io sia ferrata nella materia pur vivendo tra appassionati dei pedanti pedatori ed essendomi ogni tanto distratta con i 22mutandati dal cervello di lombrico,pero' caro Berseker2,come credo sia incofutabile,la tessera del tifoso e' roba di maroni,su questo basta poco per documentarsi e sapere.Ma ripeto,il fallimento mi pare abbia tanti,troppi padri e la cagnara che ne segue e' degna di "a carogna"....piuttosto che del "molosso"....saluti!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 05/05/2014 - 18:38

...Alfano! Agli Interni ci vuole un Ministro che Faccia fatti e non chiacchiere. Ciò che gli italiani, allo stadio o quali telespettatori hanno visto l'altra sera, non è stato certo un bello spettacolo. Nella circostanza, con la coppa Italia, è stata messa in palio la reputazione, del Paese e di voi che lo governate, entrambi regolarmente perse. Per fortuna non siamo stati noi a volervi al Governo e questo, ci consola ma, per chi ama l’Italia, è una magra consolazione. Il Paese, per chi non se ne fosse ancora accorto, è in preda alla criminalità comunitaria ed extracomunitaria e, voi governanti, non ne comprendo le ragioni, vi ostinate a non volerlo ammettere, anche se i più gravi ed efferati crimini vengono commessi da costoro e la loro presenza in carcere e il 35 % dell'intera popolazione carceraria.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 05/05/2014 - 18:39

...Alfano! Agli Interni ci vuole un Ministro che Faccia fatti e non chiacchiere. Ciò che gli italiani, allo stadio o quali telespettatori hanno visto l'altra sera, non è stato certo un bello spettacolo. Nella circostanza, con la coppa Italia, è stata messa in palio la reputazione, del Paese e di voi che lo governate, entrambi regolarmente perse. Per fortuna non siamo stati noi a volervi al Governo e questo, ci consola ma, per chi ama l’Italia, è una magra consolazione. Il Paese, per chi non se ne fosse ancora accorto, è in preda alla criminalità comunitaria ed extracomunitaria e, voi governanti, non ne comprendo le ragioni, vi ostinate a non volerlo ammettere, anche se i più gravi ed efferati crimini vengono commessi da costoro e la loro presenza in carcere e il 35 % dell'intera popolazione carceraria.