Al centrodestra tre province su cinque

Tre a due per il centrodestra nelle cinque province al ballottaggio, quattro a due per il Pd nei sette comuni capoluogo. Negli altri 38 centri chiamati ai "supplementari" boom del Pdl. Affluenza alle urne in netto calo rispetto al primo turno

Tre a due per il Pdl nelle cinque province al ballottaggio; quattro a due per il Pd nei sette comuni capoluogo (c’è il caso a parte di Massa, dove il Pd ha perso, ma contro il candidato della Sinistra arcobaleno); e, negli altri 38 centri chiamati ai «supplementari» un boom del Pdl, che ha conquistato 22 comuni, contro i 12 del Pd (altri quattro sono andati ad aggregazioni varie di liste civiche). È questo, in cifre, il riepilogo del secondo turno delle elezioni amministrative, che hanno visto tornare alle urne 5,8 milioni di italiani per i ballottaggi per scegliere i presidenti di cinque province e i sindaci, globalmente, di 45 comuni. Anche questa volta c’è stato il calo fisiologico dei votanti: l’affluenza per le comunali si è fermata al 62,4 per cento (contro il 76 per cento di quindici giorni fa) e appena il 55 per le provinciali, a fronte del 73,6 per cento del 13 e 14 aprile scorso.

- Viterbo boccia Sposetti, il tesoriere dei Ds

- Asti, Armosino, ex vice di Tremonti, straccia il Pd col 58% dei voti

- Massa Carrara, a Bondi non riesce il miracolo: resiste la roccaforte rossa

- Ribaltone a Vicenza: Variati (Pd) vince per un pugno di schede

- Udine, vince Honsell, il matematico volto di RaiTre

- Catanzaro, Wanda la Lady di ferro ridicolizza una sinistra divisa

- Orbassano, dopo 62 anni cade la Stalingrado del Piemonte