Chi è

Bresciano, 73 anni, Giuseppe Frigo (nella foto a sinistra), docente di Diritto processuale penale comparato presso l’università di Brescia, è stato al vertice dell’Unione delle camere penali prima di Oreste Dominioni. Presidente del Centro studi penalisti «Aldo Marongiu», Frigo è stato protagonista di processi come quello per la scalata alla Banca Antonveneta, per il sequestro dell’imprenditore Giuseppe Soffiantini, per Cesare Previti nel giudizio per calunnia nei confronti dei Pm milanesi Ilda Boccassini e Gherardo Colombo ma anche avvocato di Adriano Sofri per chiedere la revisione del processo. Tra i suoi più fermi convincimenti, quello che l’unico strumento per garantire l’imparzialità del giudice sia la separazione delle carriere tra toghe requirenti e toghe giudicanti.